DA FORENZA A CASTELSARACENO: UN VIAGGIO NEL MONDO DEI GIOCHI

0

Le poesie Aquilónë e U šuchë rë la cambanë trattano entrambe, ma in modo diverso, il tema del gioco.

La lirica Aquilónë è stata scritta da Prospero Valerio Cascini ed ha ottenuto al II concorso di poesia dialettale lucana del 2018  il primo posto in ex aequo con la poesia di Giuseppe D’Avenia D’Andrea Tu e Ijë.

La poesia è composta da 16 versi; l’autore adotta la rima baciata ai vv. 3 – 4 e 5 – 6 che si chiudono rispettivamente con vëndagliónëaquilónë e ruppíuresistíu, e la rima alternata ai vv. 14 e 16, che terminano con cambiónë e vëndagliónë.

Il componimento è dedicato a un ricordo dell’autore, quando lui e i suoi compagni, dopo aver costruito insieme un aquilone, provano a farlo volare. Prospero Cascini ci presenta immagini filtrate attraverso gli occhi di un bambino che vede l’aquilone come un oggetto straordinario, dotato di grandezza e bellezza, un oggetto che riesce a sfidare la forza del vento e a spiccare il volo, tanto da essere paragonato a un campione che, alla fine della prova, i ragazzi si contendono (v. 14).

La poesia richiama l’attenzione sull’importanza che hanno i giocattoli di un tempo, capaci di accrescere la curiosità e la fantasia dei bambini, ma anche in grado di permettere la socializzazione tra i ragazzini, in un’epoca in cui ci si incontra solo virtualmente e l’aquilone che cade e si rialza verso il cielo rappresenta una metafora della vita che anche quando ci prova duramente  deve essere affrontata e cambiata in meglio.

Aquilónë

Puru u prufëssórë nóstu

lë trëmaië a manë

ppë dda bbòttë i vëndagliónë

ca nu stía stravësènno l’aquilónë.

Ma pë ffurtuna u filu nun si ruppíu

e iddu resistíu.

N’avía fattu fà ccu ttuttë u sëndëmèndë:

còlla avëssëmèndë e ccarta i tuttë li culurë

lèggë e rrësëstèndë e na córa lònga lònga,

circhiu nda circhiu ca no ffinía mai.

Quannë u véndu l’èra iutë a ccundë sóië,

sópa_ca_sóttë n’avía fattë nghianë e ššinnë

e nnuië apprissë a iddu casëcatómmë e ccavaglièttë.

Quannë turnèmmu u purtèmmu a tturnë ddu cambiónë.

Candènnë vëttòria n’èra passata

purë a paura i ddu vëndagliónë.

 

 

 

Aquilone

 

Pure al nostro maestro

tremò la mano

per quel gran colpo di vento

che stava per sbalestrare l’aquilone.

Per fortuna il filo non si ruppe

e lui resistette.

Ce l’aveva fatto fare con cura e sentimento:

colla in abbondanza e carta di tutti i colori,

leggera, resistente e una coda lunga lunga,

anello dentro anello che non finiva mai.

Quando il vento gli era stato favorevole

aveva volteggiato su e giù

e noi con lui capriole e ribaltoni.

Quando tornammo

lo portammo a turno quel campione.

Cantando vittoria ci era passata

la paura di quel gran vento contro l’aquilone.

 

Ma passiamo ad analizzare la lingua di questa poesia. La lirica è composta nel dialetto di Castelsaraceno. Vediamo alcuni dei principali tratti linguistici che caratterizzano questa varietà.

Nel dialetto di Castelsaraceno si registra il fenomeno che in linguistica viene definito metafonia sabina. In particolare, in questo dialetto le vocali latine Ĕ e Ŏ evolvono rispettivamente in –é– -[e]-  e -ó- -[o]- se si trovano in parole che in latino terminavano in -U o -I. Attraverso, quindi, la diversa vocale si distingue il maschile dal femminile e il plurale dal singolare. Possiamo osservare rispettivamente i casi di lèggë [ˈlɛd:ʒə] ‘leggera’ (v. 9) e lònga [ˈlɔnga] ‘lunga’ (v. 9) ai quali si oppongono rispettivamente léggë [ˈled:ʒə] ‘leggero’ e lóngë [ˈlongə] ‘lungo’ al maschile.

Tra le altre particolarità che si possono notare dalla lettura di questa poesia vi è una differenza di forma per iddu/ddu [id:u/d:u] a seconda che abbia rispettivamente la funzione di pronome o di aggettivo: infatti troviamo apprissë a iddu [aˈp:ris:ə a id:u] ‘con lui’ (v. 13), iddu resistíu [id:u resiˈstiu] ‘lui resistette’ (v. 6) ma dda bbòttë i vëndagliónë [d:a ˈb:ɔt:ə i vəndaˈʎ:onə] ‘quel gran colpo di vento’ (v. 3) e ddu cambiónë [d:u kamˈbjonə] ‘quel campione’ (v. 14).

La seconda poesia, invece, ci parla di uno dei giochi più praticati dai bambini di un tempo, il gioco della campana. Autrice del componimento è la signora Filomena Cangi di Forenza.

La poesia consta di una sola strofa, composta a sua volta da 16 versi.

L’autrice adotta lo schema rimico AACDEEFGHGIILLMM, con l’utilizzo di rime baciate e rime alternate. Lo schema rimico che vede l’incremento delle rime baciate nelle parti iniziale e finale della poesia dà al componimento un ritmo veloce e insieme cadenzato, che riproduce esattamente il ritmo di questo gioco, fondato principalmente su zụmb’e zzumbèttë ‘salti e saltelli’, come ci ricorda l’autrice.

Leggendo questa poesia sembra di ritornare bambini, a quando bastava poco per divertirsi. Il componimento ha l’andamento di una filastrocca, orecchiabile e molto divertente.

 

 

U šuchë rë la cambanë

 

U šuchë rë la cambanë

së facë c’u ggessèttë mmanë

së diségnë nu quadratë

da unë a ddicë

indë nu momèndë

acchëssị̀ sò ttụttë cundèndë

UNO – DUE, TRÈ E QQUATTË

U cịnghë stai da sólë,

Quann’arrivë c’u ggèss’ a ccịnghë,

zụmbë e pparë c’abbólë

SÉI e SSÈTTË

zụmb’e zzumbèttë,

ÒTT’ E NNÓVË

zụmbë cumë të tróvë,

quannë pó c’arrivë a ddicë,

zụmbë, ài vịnd’e ssì ffëlicë.

 

Il gioco della Campana

 

Il gioco della Campana

si fa con il gessetto in mano,

si disegna un quadrato

da uno a dieci

in un momento, così sono tutti contenti.

Uno, due, tre e quattro

il cinque sta da solo

Quando si arriva con il gesso a cinque

salta e par che si voli!

Sei e sette,

salti e saltelli

otto e nove

salta come ti trovi,

quando poi si arriva a dieci,

salta, hai vinto e sei felice!

 

 

 

Ma osserviamo adesso la varietà in cui è scritta la poesia: si tratta del dialetto di Forenza. Il dialetto di Forenza presenta un sistema vocalico tonico sensibile alla struttura sillabica e questo significa che la stessa vocale latina ha subito due diverse evoluzioni, a seconda che si sia trovata in sillaba aperta (terminante per vocale) o in sillaba chiusa (terminante per consonante), come si può notare in òtt’e nnó[ˈɔt:_e ˈn:ovə] ‘otto e nove’, nelle quali la vocale etimologica è sempre Ŏ latina e in séi e ssèttë [ˈsei e ˈs:ɛt:ə] ‘sei e sette’, nelle quali la vocale etimologica è sempre la Ĕ.

In questo dialetto inoltre il suono (-) š – è l’esito delle sequenze latine  (-) G + E, I-, (-)J-, (-)DJ-, come si può osservare in parole come šuchë [ˈʃukə] ‘gioco’ (v.1). Questo fenomeno è molto comune nei dialetti che si trovano nella parte settentrionale e orientale della nostra regione.

Teresa Carbutti

La nostra rubrica va in vacanza e riprenderà, come sempre, i primi di settembre. Auguriamo a tutti un periodo sereno e di relax. Buone vacanze.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento