SA-RC: I SOGNI NON TENETELI NEL CASSETTO !

0

SA-RC: I SOGNI NON TENETELI NEL CASSETTO !by ROCCO ROSA

Partiamo dalle cose che si sanno:  l’alta velocità sulla Salerno –Reggio Calabria si farà, anzi per un primo tratto si sta cominciando a fare, migliorando la transitabilità e procedendo all’ammodernamento tecnologico della Salerno- Battipaglia e poi con il tratto Battipaglia-Sapri. Qui sono sorte complicazioni riguardo alla necessità di velocizzare il percorso, abbandonando  la parte costiera del Cilento e tagliando sotto le montagne tra Ogliastro e Sapri. Una opera imponente rispetto alla quale più di qualcuno ha espresso perplessità chiedendo se non sia il caso di prevedere una ipotesi alternativa che avrebbe il duplice obiettivo di aumentare di molto l’utenza e di aumentare al contempo la velocità. Si tratterebbe di  recuperare un famoso progetto previsto dalla legge Baccarini del 1879 che prevedeva la costruzione  del tracciato Sicignano-Lagonegro-Castrocucco, per poi scendere nei pressi di Maratea e ricongiungersi alla Linea Ferroviaria Tirrenica. Quello che era un dibattito di un paio d’anni fa è abortito negli atti ufficiali, mentre si mantiene in caldo, non so per quali motivi, l’ipotesi di riutilizzare la vecchia tratta ferroviaria dismessa-Sicignano-Lagonegro, o per farne un tracciato di collegamento con l’alta velocità a Battipaglia, o , per derubricarla a ferrovia turistica, con tanto di trenino sulle montagne. I documenti ci sono, ma sembrano fatti per prendere tempo e spostare di qualche decennio la decisione: Ne parla il piano strategico regionale delle Infrastrutture, ne hanno parlato la Provincia di Salerno e la Regione Campania, fino a spingersi di finanziare la fattibilità progettuale, ne ha parlato, con molta enfasi, l’allora vice presidente del Consiglio europeo, Gianni Pittella , sotto le elezioni ma anche in altre occasioni, Ecco perché ho intitolato un mio articolo precedente “ chiediamolo al fratellino”. Si, perché tra ipotesi di interventi gigantesche ed ipotesi di interventi inutili e improduttivi ( tipo la Matera – Ferrandina), c’è né una intermedia che, con minore spesa, addurrebbe vantaggi enormi sia alla basilicata, sia al vallo di Diano. L’idea è quella di portare l’alta velocità almeno sino a Sicignano  dove potrebbe realizzarsi  un’area di incrocio tra le due autostrade ( Basentana e  A3 nel tratto Lagonegro- Sicignano), un hub di scambio tra auto e treno . Il vantaggio per  i cittadini del potentino, della val d’agri, della valle di Diano sarebbero incommensurabili , perché la percorrenza in auto non supera la mezz’ora, l’area oggi disabitata nei pressi dello Scalo potrebbe essere attrezzata ad area di sosta delle auto, oltre che a tutta la logistica delle merci. Tra lo spargere illusioni e  il cogliere una occasione concreta per migliorare la situazione con un piccolo sforzo finanziario, non vi è dubbio su dove possa cadere la scelta dei lucani. Parliamone per favore e diciamo che cosa si può fare . Se sono documenti o se anche sono sogni, non teneteli nel cassetto.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento