OGGI IL CONSIGLIO REGIONALE. LA LEGGE ELETTORALE SI FA

0

DOMANI INTANTO DAVANTI ALLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE, MAURIZIO BOLOGNETTI, PORTERA’ AVANTI LA SUA PROTESTA CONTRO QUELLA CHE CHIAMA UNA OFFESA ALLA DEMOCRAZIA, CON UNA LEGGE ELETTORALE FATTA  A RIDOSSO DEL VOTO. IN QUESTI GIORNI IL LEADER RADICALE HA POLEMIZZATO CON I TANTI CHE FANNO FINTA DI NON CAPIRE E DI NON VEDERE

Proseguono le mediazioni alla ricerca di una intesa di maggioranza sulla legge elettorale e ,al momento, sembra che i numeri per vararla ci sono. In aula se ne parlerà giovedi, perchè la giornata di domani è dedicata a provvedimenti più urgenti. Resta la contrarietà di Valvano a procedere al cambio della legge: ufficialmente lo fa con le motivazioni di Bolognetti, ma alcune voci parlano di un organigramma socialista progettato proprio sul listino. Vero o no, l’abolizione del listino è il vero argomento che mette tutti d’accordo, anche al di là del Pd perché consente ai partiti minori di una coalizione ( di destra o di sinistra che sia) di avere più chances  di piazzare un proprio rappresentante, dal momento che il 20 per cento previsto per il voto di maggioranza va a spalmarsi sui candidati delle varie liste, dando loro un aiutino. L’ipotesi di accordo prevede anche il voto congiunto e non poteva essere diversamente, perchè, ragionano nel Pd,  in questo clima di redde rationem  o si sta uniti oppure si rischia di perdere il treno . Ovviamente è previsto il doppio voto di genere , che è stata la giustificazione ufficiale per varare una legge sotto elezione e che dovrebbe mettere in moto la forza nascosta dell’elettorato femminile, sempre che si riescano a mettere persone che sono peso aggiuntivo in termini di consenso, la qual cosa dovrebbe consigliare uno sguardo a chi veramente nella società ci lavora da tempo e con impegno. Il centrosinistra con questa legge elettorale ottiene il doppio effetto di non disperdere i voti tra Governatore e liste che lo sorreggono e di poter dare una chanche di competitività vera alle forze del civismo organizzato , a partire dalle rappresentanze territoriali sulle quali si sta lavorando da tempo.  C’è uno spazio nel centro moderato che si riapre nel momento in cui alla lotta tra i due estremi , cinquestelle e Lega, si sta sostituendo una lotta a tre, nella quale Centrosinistra intende giocare una partita vincente. Molto dipenderà dal messaggio che questa coalizione saprà dare in termini di volontà di cambiamento reale, perché se a parole si risponde con le parole, quelle del centrosinistra hanno meno possibilità di arrivare al cuore ed al cervello della maggioranza dei lucani. Bisogna partire dall’autocritica per dire che cosa bisognerà cambiare nei comportamenti , nelle politiche, nell’ascolto delle persone, nella capacità di individuare, già da subito, soluzioni concrete. Il solo modo per non ridurre queste elezioni ad una chiassata di piazza è parlare con i fatti. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento