PERCORSI D’ARTE SACRA: COLOBRARO

0

Colobraro

Il nome Colobraro, secondo il Racioppi, deriva dal latino Colubrarium, territorio che contiene o produce serpenti, i colubri. Infatti, il paese è circondato dal tipico paesaggio spoglio e roccioso.

Sorse intorno al Mille, su uno sperone dal quale si domina la confluenza dei fiumi Sinni e Sarmento, vicino al cenobio dei monaci basiliani di Santa Maria di Cironofrio da cui prese il nome, la contrada. Il monastero appartenne poi al convento di S. Maria di Cersosimo, di cui seguì le sorti fino al XII secolo.

Il Castello, secondo la tradizione, fu edificato dal capitano Colombano, dopo aver avuto la signoria del luogo per atti di valore compiuti durante una delle prime crociate, o da dal barone Guaimario e fu sede ambita per i soggiorni dei primi signori e dei diversi feudatari che si succedettero nel dominio del territorio come i Chiaromonte, i Sanseverino, i Carafa, i Donnaperna e i Brancalasso.

RUDERI CASTELLO

Dell’imponente e sontuoso palazzo oggi restano soltanto pochi ruderi (fig. 1), ma esiste un progetto per il recupero del prezioso patrimonio storico e architettonico della zona.

Sulla vetta del paese, accanto ai resti del castello, vi è la Chiesa parrocchiale di San Nicola del XII secolo, ora in restauro. L’esterno a capanna semplice è in stile romanico; il portale d’ingresso (fig. 2) ha un arco a tutto sesto sormontato da una bifora.

2 S. NICOLA XII SEC.

L’interno a tre navate, illuminate da ampie finestre ogivali, custodisce altari marmorei e lignei e la tela raffigurante l’Effige del Cristo sofferente del XV-XVI secolo. A sinistra dell’ingresso si accede alla Cappella del Purgatorio ove saranno risistemate le statue lignee di buona fattura del XVII-XVIII secolo: la Madonna col Bambino, il mezzo busto di San Felice, San Biagio e il mezzo busto di Sant’Anna. In una cappella a destra dell’entrata si nota una tavola dipinta dell’Ascensione. In sacrestia si può ammirare l’arredo di legno del 1757.

3 CAPPELLA DE’ICONA

Dalla navata destra si accede alla Cappella dell’Icona (fig. 3) che culmina con una spettacolare cupola. Anticamente la cappella gentilizia era congiunta al castello baronale attraverso una galleria sotterranea.

MADONNA CON BAMBINO

Nella zona dell’abside, rifatto nel Settecento in stile rococò, sarà rimesso sull’altare il trittico (fig. 4) Madonna col Bambino (scomparto centrale) e i santi Giovanni Battista ed Evangelista (negli sportelli). L’opera proveniente da Napoli, forse per mediazione dei frati francescani, giunse a Colobraro verso il 1330. È da attribuire all’interessante maestro delle tempere francescane che convalida soprattutto nell’icona della Vergine, la matrice di madonnero che precede la cultura giottesca. Attualmente il trittico si trova all’Episcopio di Tursi, ove è stato portato dopo il restauro realizzato dalla Sovrintendenza ai Beni Artistici e Culturali di Basilicata.

DI PARTICOLARE INTERESSE  la Madonna col Bambino, San Leonardo ed offerente, dipinto su tela del 1595 di Francesco Curia, il più moderno ed intellettualistico pittore napoletano, vissuto nella seconda metà del Cinquecento. Le due figure in basso, nell’atto d’offerta a S. Leonardo che sembra indifferente al dono, sono i ritratti del notaio Angelo Di Pizzo di Colobraro e della moglie Giovannella Panevino di Tursi, i committenti dell’opera.

7 MADONNA CON BAMBINO

Le belle immagini della Madonna e del Bambino rifulgono in alto, mentre sullo sfondo sono visibili una tempesta e lo scampo del notaio sulla barca, dopo l’avventurosa fuga dal carcere. L’opera, è tra le più importanti del ‘500 napoletano rinvenute in Basilicata per il suo carico di novità, in assoluto contrasto con le caratteristiche del linguaggio figurativo locale.

Percorrendo Corso Umberto, in Piazza Regina Elena, si raggiunge la nuova Chiesa Parrocchiale di San Nicola di Bari, protettore del paese, sorta sull’antica chiesa dell’Annunziata del Seicento, abbattuta perché ritenuta pericolante. Edificata nel 1977 in pietra di Trani e cemento armato, su progetto dell’architetto Nicola Pagliara dell’Università di Napoli, è un esempio d’architettura moderna in cui si riscontrano perfetta chiarezza strutturale, rigore compositivo e felice inserimento nell’ambiente naturale.

MADONNA CON BAMBINO  FIG.8  XIV-XV SEC.

Nell’interno, dietro l’altare maggiore, si possono ammirare le tele dipinte ad olio di scuola napoletana del tardo Cinquecento: la Madonna col Bambino con Sant’Antonio di Padova e Sant’Antonio abate, la Madonna col Bambino e santi e la tela del XVIII secolo (fig. 7) della Madonna con Bambino, attorniata da angeli e santi.

A sinistra dell’altare si nota (fig. 8) la bellissima statua, in legno policromo, della Madonna col Bambino del ‘300-‘400 che proviene dalla Cappella di Santa Maria della Neve e sarà riportata con la statua di Santa Lucia in quella chiesa dopo il restauro. La scultura della Madonna seduta che regge il Bambino è di un’assoluta severità architettonica, di un pathos altamente sereno, di sicura evidenza plastica.

 CROCIFISSO

Accanto alla Madonna si può ammirare (fig. 9) lo stupendo Crocifisso ligneo policromo del Seicento. Lo sconosciuto artista in quest’opera cerca un accordo tra il classicismo e i valori barocchi fatti di scioltezza, di libertà di linee e di forme.

Sulla parete a destra dell’ingresso, ci sono tele realizzate tra il ‘500 e il ‘700: l’Arcangelo Gabriele, San Giuseppe, Sant’Agnese, Gesù Cristo, Madonna in Trono, mentre a sinistra l’Assunta, l’Arcangelo Gabriele e la Madonna di Viggiano del XVIII secolo.

Ancora vicino all’ingresso ci sono le statue lignee di S. Lucia (che andrà nella cappella della Madonna della Neve) e di S. Vincenzo di Paola del XVIII secolo.

Nel centro storico, in Via Cavour, vi è (fig. 10) la Cappella di San Rocco del XVIII secolo con facciata sobria e campanile a vela. L’interno conserva la statua lignea di San Rocco del XVIII secolo ed oggetti  ex voto d’argento.

La Chiesa di Sant’Antonio era annessa al convento omonimo, che attualmente è sede municipale.  La facciata (fig. 12) è a capanna semplice con grande arco; il portale dalle linee rinascimentali reca la scritta A.D. I B 77.

L’interno a navata unica con tetto a capriata in legno conserva a destra dell’ingresso le sculture lignee di Santa Rita, San Pasquale, Santa Lucia e Sant’Agata del XVII e XVIII secolo e la statua in pietra di Sant’Antonio.

Nel presbiterio, in un ripiano in alto quasi in corrispondenza con l’altare, c’è l’organo a canne del 1775. A sinistra dell’altare si notano la statua manichino della Madonna del Rosario (che sarà riportata alla Chiesa Madre appena restaurata), le settecentesche statue lignee di San Francesco, dell’Immacolata e quella della (fig. 13) Madonna col Bambino e Angeli. Questa scultura lignea policroma, dalle linee e dalle forme estrose con decorazione semplice ed austera, è del Seicento.

Il centro storico è costituito da viuzze strette e in salita, sostenute nelle parti più ripide da muri e muraglioni, percorribili oggi con minore difficoltà poiché il fondo stradale è stato tutto rifatto. Alcune piazzette ove i cittadini si riuniscono e socializzano sono ancora fornite di fontane. Interessante è quella (fig. 14) che si trova in Piazza Garibaldi del XVIII secolo.

La compattezza edilizia e la conformazione delle strade rivelano caratteristiche tipicamente medioevali: si tratta prevalentemente di un’edilizia senza particolari caratteristiche tipologiche ma dotata  se osservata in tutto l’insieme, di un notevole valore ambientale.

Nel rione Santa Maria La Neve è ubicata  l’antica Cappella di Santa Maria di Cironofrio, dedicata ora a Santa Maria della Neve. Accanto alla chiesetta si scorgono alcuni resti dell’antico cenobio basiliano.

Da ammirare la bellezza della diga di Monte Cotugno , il grande bacino artificiale, che indica i limiti di territorio fra Colobraro e Senise.

Bibliografia

  • Anna Grelle Iusco, Arte in Basilicata, Roma, De Luca Editore, 1981.
  • Michele Crispino, Colobraro – Un paese, una storia, una cultura, Vicenza, La Serenissima, 1998.
  • Giacomo Racioppi, Storia dei popoli della Lucania e della Basilicata, Roma, Ermanno Loescher & C., 1889. Ristampa anastatica, Matera, Grafica BMG.

 

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento