PERCORSI D’ARTE SACRA: TRAMUTOLA

0

IOLANDA CARELLA, SALVATORE SEBASTE

Tramutola

Il suo nome deriva da terra mòtola, terra troppo imbevuta di acque, onde spesso, se in declivio, essa smotta, secondo Giacomo Racioppi.

Il primo nucleo urbano fu uno dei casali di Grumentum, ove sono stati rinvenuti resti di mura preelleniche. Distrutto dai Saraceni, alla fine del X secolo, fu ripopolato nel secolo successivo dai Benedettini. Giovanni di Marsico, monaco della grande abbazia di Cava dei Tirreni, non dimenticando le sue origini, convinse il Vescovo di Marsico a donare al suo ordine la piccola chiesa di San Pietro e il romitorio. Fondò, quindi, in quel luogo nel 1144 la Badia di San Pietro. La dipendenza dall’abbazia di Cava consentì ai tramutolesi una certa protezione dalle prepotenze dei feudatari. Col dominio angioino finì la condizione privilegiata del governo abbaziale e subentrò quello dei conti Celano e Sanseverino. Nel 1501 fu nuovamente riconosciuto feudo della Badia di Cava e fu governato da Benedettini fino agli inizi del XIX secolo. In questo periodo il paese si arricchì di chiese e di palazzi, di cui rimangono poche tracce a causa dei frequenti terremoti che danneggiarono l’antica struttura del paese. La popolazione tramutolese, avida d’idee di rinnovamento politico e sociale, fu tra le prime ad innalzare nel 1799 l’Albero della libertà, quando fu proclamata la Repubblica Partenopea. Partecipò attivamente ai moti carbonari del 1820-21. Nel 1860 fu il primo paese lucano a dichiarare decaduti i Borboni, per il risentimento che nutriva verso il governo borbonico che, dopo il terribile terremoto del 1857 che causò 180 morti e distrusse gran parte del paese, si mostrò molto lento e carente nei soccorsi.

Percorrendo strade strette si giunge  alla Chiesa Madre della SS. Trinità che ci ricorda i legami storici con l’abbazia di Cava dei Tirreni, anch’essa dedicata alla SS. Trinità. Restaurata ed abbellita nel 1505 quando fu aggiunto il portale in pietra, nulla conserva dell’originario impianto romanico del 1166. Successivamente subì altri restauri. L’interno  è a tre navate, a croce latina, con ricche decorazioni di stile barocco. Nella navata destra si notano le tele ad olio del XVIII secolo raffiguranti la Madonna del Carmine e anime del Purgatorio e ) Santa Rita, una Santa e il Bambino. In quest’opera pittorica surreale l’artista spinge agli estremi i valori massimi e i minimi delle grandezze proporzionali delle figure.

Nella cappella a destra domina  il polittico di Antonio Stabile, datato 1569, raffigurante la Deposizione con Sant’Agostino e San Giovanni 

Battista e in alto la Pentecoste. Nella parte superiore non ci sono più le due tavole raffiguranti l’Annunci

azione, perché trafugate. Quest’opera raffinata mostra larghe stesure di colori piani, descritti e circoscritti dalla linea di contorno delle figure, che penetrano una nell’altra e s’incrociano senza fondersi.

Da ammirare il Crocifisso ligneo romantico della prima metà dell’Ottocento, di scuola francese.

Nel presbiterio c’è un fonte battesimale del XVII secolo. Al centro troneggia la statua lignea della fine del XVII secolo raffigurante la Madonna del Rosario, chiamata la Madonna dei miracoli.

L’altare, in pietra di Padula, ha decorazioni in bassorilievi. Il coro ligneo del XVII secolo proviene dal Convento dei Cappuccini. L’abside e la volta della chiesa mostrano dipinti di Augusto Fabbricatore, realizzati nel XIX secolo.

In sacrestia si nota ) un Crocifisso in cartapesta del Settecento.

Nella navata sinistra c’è un interessante presepe del XX secolo.

Di fronte alla chiesa della Trinità c’è  la Chiesa del Rosario, che si presenta con rosone marmoreo del 1577, data della costruzione dell’edificio sacro. Il pregevole portale ligneo a formelle, terminato nel 1671 e decorato con angeli ed altri motivi ornamentali, reca il nome di mastro Leonardo La Raya, della terra di Laurenzana.

L’interno è a navata unica, arricchito da decorazioni barocche. Nel presbiterio domina un altare di legno, realizzato nel 1671 dalla scuola di mastro Leonardo La Raya, da Laurenzana. Conserva 

Il paliotto di legno della Mensa, che raffigura l’Ultima Cena, è stato realizzato da Vito Lapetina, di Tramutola.

La chiesa contiene pure due statue del XVIII secolo: Sant’Antonio e l’Ecce Homo, in cartapesta.

Una visita merita  la Cappella di Santa Lucia, edificata nel 1724, che custodisce una tela ad olio rappresentante ) la Madonna con Bambino, angeli e Santa Scolastica e San Benedetto, del XVII secolo, in cattivo stato di conservazione. In questo dipinto si nota la prospettiva, non corretta, che non ha lo scopo di ampliare illuministicamente il reale, ma di attrarre lo spettatore all’interno del dipinto.

Sull’altare maggiore c’è  la settecentesca statua lignea della Madonna del Soccorso. L’immagine della Madonna è quella di una popolana, ma il suo sguardo è tanto dolce e tanto violento contemporaneamente contro il demonio, che rappresenta il male, e che vuole sconfiggere ad ogni costo. L’artista in quest’opera è riuscito a sublimare nello spazio e nella luce la tematica e la materia.

Nell’antico rione San Felice in stradine strette, si notano le case addossate le une alle altre che mostrano un’architettura modesta, ma ricca d’originalità: vicino ai balconi e alle finestre sono incastonate ( originali testine di donne, piccole sculture in pietra, che simboleggiano la fertilità.

Nel centro storico si fanno notare le case gentilizie del XVIII secolo, come il Palazzo Magaldi, il Palazzo Valente, il Palazzo Petruccelli, il Palazzo Terzelli, il Palazzo Rautis (famiglia d’origine spagnola) e il Palazzo Pecci, tutti forniti di bei portali 

In Piazza XXIV maggio, dove si può ancora verificare la memoria e la tradizione del paese, è ubicato il lavatoio comunale: canale con acqua sorgiva. Qui alcune donne fino a pochi anni fa ancora s’inginocchiavano per lavare i panni. Poco distante dal lavatoio, si trova una  bella fontana, datata 1813, con quattro cannelle.

Bibliografia

  • Giacomo Racioppi, Storia della Lucania e della Basilicata, Roma, Ermanno Loescher & C., 1889. Ristampa anastatica, Matera, Grafica BMG.
  • Anna Grelle Iusco, Arte in Basilicata, Roma, De Luca Editore, 1981.
  • Bartolomeo La Padula, Tramutola – Storia e Attualità, Matera, Edizioni Meta, Tipografia BMG, 1976.
  • G. Bonsera, R. Oriolo, G. D. Troccoli, Tramutola, Pellezzano (SA), Litografia Dottrinari Salerno, 1993.
  • Comunità Montana Alto Agri, Guide GGallery, Villa d’Agri, GGallery, 1993.
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento