PICERNO E SAN FELE: L’AMORE PER LA PROPRIA TERRA IN POESIA

0

In questo nuovo appuntamento della rubrica “Dialettando”, si prendono in esame due testi dalla lingua molto diversa, ma che trasmettono in modo forte l’amore viscerale per la propria terra. Entrambi sono estratti dalla raccolta pubblicata in seguito al primo concorso di poesia dialettale lucana, tenutosi nel 2017 presso l’Università degli Studi della Basilicata.

Il componimento “Na vòta” è stato scritto da Nicola Felice Curcio, in dialetto picernese.

La poesia è composta da quattro strofe, di cinque versi ciascuna, con uno schema ritmico irregolare. All’inizio di ogni strofa viene ripreso il titolo della poesia. Ogni verso termina con un verbo all’imperfetto indicativo, che consente, dal punto di vista metrico, la creazione di rime baciate e, dal punto di vista contenutistico, la resa indeterminata e abituale delle azioni.

Il tema centrale del componimento è il ricordo delle pratiche agricole di un tempo, come la mietitura, la trebbiatura, la zappatura e l’uccisione del maiale. A ciascuna pratica viene dedicata, perfettamente scandita, un’intera strofa.

La ripetizione del titolo “Na vòta…na vòta…na vòta…na vòta…” è funzionale a sottolineare la nostalgia per un tempo passato, in cui abitualmente si svolgevano le suddette attività, allietate dalle gioie derivanti dalla convivialità e dall’assidua presenza della famiglia.

Na vòta

 

Na vòta quannë së mëtìa

bbònë së magnava e assaië së vëvìa

purë ca lu surórë šcurrìa

së candava

sóttë lu sólë ca vrušava.

 

Na vòta quannë së pësava

pë lu furciddë së vëndëlava

purë ca la róta në magnava

së candava

apprèssë a lu paricchië ca ggërava.

 

Na vòta quannë së zappava

lu margiòttë më šcunzëlava

sèmbë sólë së fatë(g)ava

së (g)astëmava,

la culaziónë nëššù la purtava.

 

Na vòta quannë lu pòrchë s’accërìa

tutta la parëndizia a (g)aiutà vënìa

a lu patrònë e ssóttë së ggiucava

së bballava

la tarandèlla ca zì Còla, pë lu rrë(g)anèttë, sunava.

 

 Una volta

 

Una volta quando si mieteva

si mangiava bene e si beveva tanto,

anche se il sudore scorreva,

si cantava

sotto il sole che bruciava.

 

Una volta quando si trebbiava

si ventilava con la forcella,

anche se la pula ci prudeva,

si cantava dietro i buoi che circolavano.

 

Una volta quando si zappava

la zappa mi angosciava,

sempre da solo si lavorava,

si bestemmiava,

nessuno portava la colazione.

 

Una volta quando si ammazzava il maiale

veniva tutta la parentela ad aiutare,

si giocava al “padrone e sotto”,

si ballava

la tarantella che zio Nicola suonava con l’organetto.

Picerno è un comune di circa 6000 abitanti, in provincia di Potenza, posto alle pendici del monte Li Foi. Corrisponde al pdr 37 dell’A.L.Ba. ed è una delle colonie galloitaliche della Basilicata.

Nelle precedenti rubriche, abbiamo commentato i componimenti di Potenza (pdr 38) e Tito (pdr 44), e a tal proposito si è accennato alle caratteristiche di queste varietà, ma in ognuna di esse si possono riscontrare elementi che mostrano le evoluzioni di ogni singola lingua.

La poesia offre diversi spunti di riflessione su alcuni fenomeni linguistici, come la palatalizzazione di (-)s- preconsonantica e la spirantizzazione.

Gli esempi reperiti riguardano la palatalizzazione davanti a consonante occlusiva velare sorda (-k-), che a Picerno si registra in maniera stabile, differentemente da altre aree della regione. Per completezza d’informazione, per quanto il presente testo non ne presenti esempi, possiamo aggiungere che, nel nostro punto di rilievo, la palatalizzazione si registra categoricamente anche davanti a consonante occlusiva bilabiale sorda (-p-), mentre nel resto della Basilicata, eccezion fatta per poche altre varietà, è assente, tranne che, generalmente, per le parole “spaccare” e “sputare”.

Esempi: Šcurrìa [ʃkuˈr:ia]“scorreva”, v. 3; šcunzëlava [ʃkundzəˈlava]“sconsolava, angosciava”, v. 12.

Il fenomeno della spirantizzazione, o fricativizzazione, colpisce la consonante occlusiva (-b-), che quindi, a Picerno, si realizza come fricativa labiodentale sonora (-v-).

Esempi: Vëvìa [vəˈvia]“beveva”, v. 2; vrušava  [vruˈʃava] “bruciava”, v. 5.

La ricchezza del picernese consente profonde riflessioni sulla sua affascinante storia ed evoluzione linguistica. In questo contesto, però, se n’è voluto dare solo un piccolo assaggio, per preparare il lettore al futuro appuntamento dedicato a questa varietà.

Vita Laurenzana

Nu prësèpië sènza tiémbë

 

La poesia “Nu prësèpië sènza tiémbë” è stata scritta da Denise Giorgio. Il componimento ha ottenuto il terzo posto all’interno della competizione indetta dal Centro Interuniversitario di ricerca in Dialettologia.

“Nu prësèpië sènza tiémbë” è scritta nel dialetto di San Fele. Il componimento, che consta di 18 versi, è diviso in cinque strofe scritte in versi liberi: le prime quattro strofe sono quartine, mentre l’ultima è composta da un distico. Non sono presenti rime, ma si può notare la ricorrenza di assonanze e consonanze, come rispettivamente quelle fra crëiaturë e parutë tra i vv. 6-7 e anzë e malëpatènzë ai vv. 3-4.

Nel componimento l’autrice descrive con dovizia di particolari il suo paese natio: l’immagine che ne deriva è quella di uno splendido dipinto, uno scorcio paesaggistico senza tempo che rievoca il presepe, appunto. Le case sembrano essere persone che stanno vicine per farsi compagnia, come racconta la prima strofa della poesia.

La visuale è quella che si apprezza dall’alto del monte Castello, alle pendici del quale sorge San Fele. Il panorama pare immutato nel tempo, la presenza di sagome che si muovono lungo le strade della cittadina è il pretesto per rievocare vite vissute in quei luoghi, cariche di gioie, dolori e ansie.

La visione del paese natio trasmette una sensazione di calore e familiarità a chi legge il componimento. Quest’effetto è ottenuto non solo attraverso l’utilizzo di immagini poetiche, ma anche attraverso la descrizione degli odori (e qquirë addórë dë cavëzunë, panë cuóttë e ppéttëlë, v. 16) e dei suoni (na quiétë, v. 18) tipici di quelle vie. La mescolanza di sensi diversi è evidente in particolar modo nell’utilizzo di una sinestesia nella parte finale del componimento l’arië së ndéngë sulë dë na quiétë ca stërlucë cchiù dë na stéddë, dove la sfera sensoriale dell’udito si interseca con quella della vista.

 

Nu prësèpjë sènza tiémbə

 

Da sópë au castiéddë

stu paisë parë nu prësèpië

na chiórmë dë casë unë mbiéttë a l’avëtë, quasë a ddarësë anzë

a ccunzularësë da malëpatènzë.

 

Passënë paisanë e qquacchë stranië

ca da qua parënë picchë cchiù ca crëiaturë

ògnë ccósë ténë n’ata parutë

purë i dëlurë e rë ggastémë ca pésanë cumë stë pprétë.

 

Sanda Lucijë, a còstë, a prèulë, a chiazzë,

quanda garzunë e ssignurë hannë tramèndë dë strafaccià

pë rë ggiravótë dë stë vvijë

strappulijà ggiuvënë, fémmënë e uidëvë.

 

Óšë ógnë ccósë më parë cumë aiérë

chi së rë ppótë scurduà i šuóchë dë na vótë?

I strummëlë pë qquérë stréttëlë, rë vvëcchiarèddë catë au fucuariéddë,

e qquirë addórë dë cavëzunë, panë cuóttë e ppéttëlë?

 

Mò l’arië së ndéngë sulë dë na quiétë ca stërlucë cchiù dë na stéddë

ògnë ccósë parë sandë cumë nda na chiésë e ssènza tiémbë

 

Un presepe senza tempo

 

Dall’alto del monte Castello

questo paese sembra un presepe

un insieme di case accostate le une alle altre, quasi a farsi compagnia,

a consolarsi dalla cattiva sorte.

 

Passano paesani e qualche forestiero

che da qua sembrano poco più che bambini,

ogni cosa ha un altro aspetto,

anche i dolori e le bestemmie che pesavano più di queste pietre.

 

Santa Lucia, la costa, la pergola, la piazza,

quanti servitori e signori hanno visto svoltare

per le curve di queste strade,

vivere alla men peggio giovani, donne e vedovi.

 

Oggi ogni cosa mi sembra come ieri.

Chi può dimenticare i giochi di una volta?

Le corse per i vicoli, le vecchiette vicino al fuocherello,

e quell’odore di calzoni, pane cotto e frittelle?

 

Ora l’aria si tinge solo di una quiete che luccica più di una stella,

ogni cosa sembra santa come in una chiesa e senza tempo.

 

Passiamo ora ad analizzare qualche aspetto linguistico della varietà sanfelese. San Fele si trova nella parte nord-occidentale della Basilicata. Nei versi di Denise Giorgio possiamo rintracciare diverse peculiarità dei dialetti che si trovano in tale fascia geografica, come ad esempio il Raddoppiamento Fonosintattico (il raddoppiamento della consonante iniziale di alcune parole in dipendenza da specifici elementi della frase) per segnalare il genere femminile plurale. Vediamo qualche caso: ggastémë [rë g:aˈstemə] ‘le bestemmie’(v. 8), vvëcchiarèddë [rə v:ək:jaˈrεd:ə] ‘le vecchiette’ (v. 15). Il Raddoppiamento Fonosintattico non si registra, però, solo dopo l’articolo femminile plurale, bensì anche dopo alcuni aggettivi, come i dimostrativi (stë pprétë [stə ˈp:retə] ‘queste pietre’ (v. 8), stë vvijë [stə ˈv:ijə] ‘queste vie’ (v. 11)), e addirittura dopo i pronomi complemento atoni (së rë ppótë scurduà [sə rə ˈp:otə skurˈdwa] ‘se li può dimenticare’ v. 14). In quest’ultimo caso, però, come dimostra anche l’esempio, provoca Raddoppiamento Fonosintattico anche il pronome complemento atono maschile plurale, oltre che femminile plurale.

Un’altra caratteristica osservabile attraverso la poesia è il fatto che nel dialetto di San Fele (-)DJ-, (-)J- e (-)G+ E, I– etimologici sono evoluti in (-)š– (-)[ʃ]-, come si può osservare in parole come òšë [ˈɔʃə] ‘oggi’(v.13) < lat. HODIE, e šuóchë [ˈʃwokë] ‘giochi’ (v. 14) < lat. IOCI.

Infine, nel dialetto di San Fele è presente la propagginazione da –u -[u], cioè la proiezione nella sillaba successiva della vocale velare -u, presente nella sillaba precedente. Questo fenomeno può verificarsi tanto tra sillabe appartenenti a parole diverse (ad esempio come in u nuasë [u ˈnwasə]‘il naso’, fra articolo e parola successiva) quanto tra due sillabe della stessa parola, come in fucuariéddë [fucuaˈrjed:ə] ‘fuocherello’.

Teresa Carbutti

Condividi

Sull' Autore


Lascia un Commento