POTENZA BENE MA SOLITO PROBLEMA DEL GOL

0

ROCCO SABATELLA

Un buon Potenza non riesce ad andare oltre lo 0 a 0 contro un deludente Monopoli. Ancora una volta sono emersi i soliti e cronici problemi dei rossoblù in zona gol.  Alla vigilia chiunque avrebbe firmato per un pari contro una delle grandi del girone. Ma dopo la partita rimane una sensazione contrastante: da un lato la soddisfazione per la prestazione molto positiva e dall’altro l’amarezza di non essere riusciti a cogliere i tre punti. Ma purtroppo i problemi che affliggono il Potenza sono evidenti e non si potranno risolvere in tempi brevi. Tanti assenti eccellenti ma i sostituti hanno fatto per intero il loro dovere. Nessuna sbavatura nel pacchetto arretrato  che ha fermato con sorprendente disinvoltura una coppia gol da ben dodici reti che era molto temuta alla vigilia. E buona prova anche dei centrocampisti che hanno interdetto benissimo e hanno prodotto buone trame di gioco. Che sono state vanificate dall’impalpabilità degli attaccanti, ieri Salvemini con Banegas, troppo lontani dalla porta che hanno facilitato il compito ai difensori del Monopoli che nella loro area hanno potuto dormire sonni tranquilli. Semmai la delusione della partita è stato sicuramente il Monopoli dal quale ci saremmo aspettati un altro tipo di prestazione visto il posto che occupa in classifica. Ma alla fine è stato meglio così  per fare passare un pomeriggio tranquillo ai difensori e anche al pubblico presente allo stadio. MIster Trocini presenta un paio di novità con la fiducia accordata a Vecchi sulla corsia destra e Banegas in coppia con Salvemini. Consegne strettissime di Trocini alla squadra e invito a non lasciare il minimo spazio alla squadra pugliese per evitare dolorose ripartenze dei gabbiani che sono molto ferrati nella materia. Dopo una prima fase di studio con il gioco che staziona stabilmente a centrocampo, è il Potenza che diventa coraggioso impegnando il portiere avversario Loria prima in una respinta di pugni e poi in una parata alquanto agevole sulla conclusione centrale di Zenuni. Il Potenza si accorge che il diavolo non è poi così brutto e cerca di intensificare le azioni di attacco. Salvemini ci prova da fuori area ma manda a lato e Cargnelutti con un traversone centrale da una quarantina di metri per poco non sorprende Loria che si rifugia in angolo. Il Potenza insiste senza però creare vere e proprie occasioni da rete con un angolo di Banegas incornato da Matino fuori. E il Monopoli? Non pervenuto visto che si limita a non fare arrivare il Potenza nella propria area e non crea niente di pericoloso dalle parti di Marcone.  Il tempo si chiude con Banegas che parte da destra, si accentra e tira di sinistro trovando la deviazione in angolo di un difensore. Ci si aspetta una ripresa scoppiettante con il risveglio del Monopoli e si spera che  il Potenza trovi il giusto episodio per passare in vantaggio. Pia illusione perché la ripresa si apre con un tiro di Sandri che impegna Loria in angolo e poi nulla più.  Il Monopoli continua la sua anonima prestazione preoccupandosi esclusivamente di non correre il minimo rischio nonostante i reiterati inviti del tecnico Colombo ad essere più intraprendenti e a giocare come ha dimostrato di saper fare  nelle precedenti partite. Anche il Potenza si adegua, suo malgrado, alla situazione per cui il secondo tempo diventa davvero inguardabile e noioso per la conseguente e logica conclusione con uno squallido pareggio senza reti e senza il minimo tentativo su un fronte e sull’altro di fare il minimo sindacale per cercare di creare qualche emozione. Il comportamento delle due squadre certifica anche il gradimento del pareggio che comunque muove la classifica di poco del Potenza e del Monopoli. In attesa di tempi migliori soprattutto per la formazione lucana. Quello che si presenta in sala stampa è un Trocini abbastanza soddisfatto per la prova della sua squadra: “ Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare senza rischiare niente e conservando il giusto equilibrio per non mettere il Monopoli in condizioni di farci male.  Non abbiamo creato vere e proprie occasioni da gol ma posso dire che stiamo crescendo e nonostante l’emergenza abbiamo avuto il giusto atteggiamento cercando di essere pericolosi in fase offensiva. Mi sono piaciute tante cose della nostra gara che non era facile contro un avversario di grande qualità. Ma se proprio devo dire la cosa che mi è piaciuta di più è stata quella di aver giocato gran parte della partita nella loro metà campo. Sebbene abbiamo cercato di vincerla in tutti i modi  non abbiamo  subito nemmeno una ripartenza. Non aver permesso alla squadra seconda in classifica di essere pericolosa ci darà maggiore sicurezza e autostima. Le cose miglioreranno quando recupereremo tutti i giocatori infortunati”. Purtroppo piove sul bagnato, anche ieri tre infortuni; Zenuni e Salvemini hanno accusato distorsioni alla caviglia e saranno controllati oggi, mentre Matino è quello più grave per un serio problema muscolare. Per la gara di Catania di sabato prossimo disponibili Gigli e Zampa dopo la squalifica mentre non si dispera di  recuperare Salvemini e Zenuni.  Il direttore dell’area tecnica Martino ha forse esagerato quando ha parlato di otto occasioni da gol create dal Potenza riferendosi piuttosto ad azioni offensive prodotte, ha poi confermato che il francese Allan Blaze continuerà ad allenarsi con il Potenza per essere testato in vista di un suo ingaggio aggiungendo che si tratta di un elemento che lui e Trocini conoscono molto bene e che quindi può fare al caso del Potenza. Sul prossimo mercato di gennaio ha detto cose scontate e risapute che attengono alle difficoltà di fare  operazioni in entrata in questa finestra invernale. Ma se una squadra si trova coinvolta in questa situazione delicata di classifica e il Potenza è pienamente immerso nella lotta per non retrocedere non ci sono altre strade: o s’interviene sul mercato per tempo o si rischia seriamente. E noi crediamo che Martino abbia ben presenti le difficoltà in cui si dibatte il Potenza e si comporterà di conseguenza.  (foto da potenza calcio official)                                                                                                                                                   

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Rispondi