IL SERVIZIO SANITARIO E LE VITTIME DELLA SOSTENIBILITA’

0

by ANTONELLA LALLO12077214_335058473331389_681563399_n

Dice la Corte dei Conti: «la spending review sta mettendo a rischio l’accesso dei cittadini ai servizi sanitari». Dice l’Istat: « nel 2015 è aumentata la mortalità, 54.000 decessi in più rispetto al 2014». Che tra le politiche di definanziamento della sanità programmate per ridurre la spesa sanitaria in rapporto al Pil e la crescita della morbilità nel paese esista una correlazione è fuori di dubbio. Ma queste non sono le uniche cause perché anche quando la gente è curata, spesso è mal curata, è in lista di attesa per mesi, è tassata con i ticket. Ok per chi può permetterselo, tutti gli altri sono Ko. Sul piano generale i servizi sanitari diventano sempre meno efficienti , accrescendo la distanza rispetto ai bisogni espressi dalla popolazione. Insomma si muore di più in ragione del rapporto sempre più evidente tra il sovraccarico dei servizi e la crescita della mortalità. Questo perché anche in ambiente ospedaliero , che è un ambiente di per sé delicato, la spending review è stata utilizzata con il sistema di tagli lineari che tanto danno ha provocato in tutti i settori pubblici. Salvo rare eccezioni, è mancata una razionalizzazione ragionata, tesa ad individuare eventuali sprechi , e si è consumata all’insegna del meno materiale per tutti, meno medicine per tutti, meno infermieri per tutti. E soprattutto meno tutele per chi ne ha veramente bisogno. Cioè si è operato nel senso più facile, non intervenendo sulle diseconomie, sul rapporto tra ospedale e territorio, sui comportamenti poco virtuosi di alcuni operatori, sul minore o maggiore carico di lavoro, sui DRG, sui rapporti pochi chiari tra lavoro in ospedale e lavoro presso strutture private. Cambiare la spesa significa riformare il sistema che la determina colpendo in primis i comportamenti scorretti, quando non anche la corruzione. Senza questo paziente e soprattutto trasparente lavoro di certosina ricerca delle cose che si possono tagliare, si sta depauperando l’intero servizio sanitario, abbassandolo verso una generale mediocrità, le cui vittime più immediate sono quelle che meno possono concedersi alternative. Da qui a preparare il terreno per una assicurazione legata a certi servizi di eccellenza il passo rischia di essere breve. Per adesso diciamo solo che le 54mila morti in più  sono vittime della sostenibilità del sistema sanitario.

 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi