SI LAVORA DI NOTTE AL VIVIANI

0

Giovanni Benedetto

 

 
Dopo l’abbandono del cosiddetto piano A che prevedeva la messa in funzione dei nuovi fari a led si  è stati costretti ad attuare il piano B per il controllo e la eventuale regolazione notturna dell’impianto.
In questi giorni, a ridosso della gara casalinga di sabato sera contro il Monopoli, c’è stato uno sfrozo supplementare delle ditte impegnatea consegnare i lavori, perché ogni parte dello stadio fosse rispondente alle normative imposte dai vari organi competenti per il  rilascio dei certificati di idoneità.
Non sembra vero, ma uno stadio di calcio di soli 5800 spettatori, per partecipare a un campionato di serie C, ha bisogno del nulla osta degli organi della Figc per quanto concerne l’illuminazione, della questura per tutte le misure di prevenzione e protezione della pubblica incolumità, della Asl per la conformità all’igiene di tutto lo stadio, dei vigili del fuoco per ciò che concerne i sistemi di antincendio presenti nello stadio e inoltre bisogna ottenere anche il parere della commissione provinciale del pubblico spettacolo.
Domani sarà consegnato l’impianto d’illuminazione e termineranno anche i lavori del rifacimento della recinzione e della rete di protezione lato gradinata ospiti.
Si è trattato di un vero tour de force da parte delle maestranze, dei tecnici e dei responsabili del comune che hanno presidiato il cantiere per tutta la durata dei lavori.
È arrivato il momento che la squadra e i tifosi si riappropino dello stadio per inaugurarlo con una buona prestazione gia’ sabato contro il Monopoli.
Ragno, per sabato prossimo, non avrà tutti i calciatori disponibili, c’è Guaita e Giosa, entrambi out contro il Monopoli, si spera di recuperare Salvemini e Franca che hanno attraversato un periodo di malanni fisici.
Le due gare ravvicinate, di sabato e martedì prossimo, che il Potenza affronterà, sono il frutto dei ritardi imposti dai rinvii decisi dalla  lega pro, per i quali  il Potenza si vede penalizzato due volte: sia per le difficoltà di recuperare gli infortunati, che per la combinazione di giocare contro il Monopoli sabato e contro la Juve Stabia martedì,  entrambe riposate per avere saltato rispettivamente gli incontri contro il Catania e la Viterbese.
Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way
dell’ esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata.
Per vent’anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi.
Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata.
Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho
lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi
e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90,
attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Ho scritto articoli diffusi dai quotidiani la nuova e il quotidiano, inerenti la storia della
ricezione dei segnali televisivi in Basilicata dal 1954 ad oggi e la storia
della sede Rai di Basilicata nata nel 1959.
Collaboro col periodico di attualità e cultura, ” il messo” con sede redazionale ad Albano di Lucania e diretto da Gianni Molinari
Scrivo sul periodico ” Armonia” edito dall’associazione Rai Senior, un bimestrale nazionale destinato a tutti i dipendenti della Rai.


Lascia un Commento