Da Lauria a Tursi: viaggio nelle poesie della Basilicata meridionale.

0
  • A pòrta fundana i Laurìa

La poesia A pòrta fundana i Laurìa, scritta da Pina Calcagno nel dialetto di Lauria Superiore, è tra i 72 componimenti che hanno partecipato al II concorso per componimenti poetici dialettali lucani indetto dal Centro Internazionale di Dialettologia. È importante e non casuale specificare che la lingua è quella di Lauria Superiore perché il centro abitato lauriota è diviso in due grandi rioni, quello Superiore denominato ‘Castello’ e quello Inferiore, altrimenti detto ‘Borgo’ che presentano lingue differenti e questo rende Lauria una realtà particolarmente affascinante e interessante. Gli stessi parlanti hanno consapevolezza di una differenza linguistica che, oggi, purtroppo (perché la diversità è ricchezza!!!) tende a diventare sempre meno marcata. Il tratto che maggiormente differenzia le due parlate è la conservazione delle desinenze -S e -T nelle forme verbali del presente e dell’imperfetto della seconda e terza persona singolare nel dialetto di Lauria Inferiore. Il tratto è avvertito come identificativo ed è conservato in maniera categorica anche dalle giovani generazioni del Borgo.

Se a Lauria Superiore ‘tu dici’ si dirà tu dicë [tu ‘diʧə], a Lauria Inferiore tutti diranno tu dicësë [tu ‘diʧəsə]; e se a Lauria Superiore ‘egli dice’ è iddu dicë [‘id:u ‘diʧə], a Lauria Inferiore per tutti è iddu dicëtë [‘id:u ‘diʧətə].

Ma ora soffermiamoci sulla poesia. L’autrice, Pina Calcagno, è amica da diversi anni del Centro Internazionale di Dialettologia. Professoressa di lettere in pensione, Pina (consentiteci di chiamarla così per affetto e non certo per mancanza di rispetto) mostra una spiccata sensibilità per il dialetto tanto da essere impegnata in prima persona anche in diverse iniziative a favore della lingua locale e da essere per noi uno dei punti di riferimento per l’organizzazione delle indagini linguistiche a Lauria. Pina, infatti, non solo ha contribuito in maniera determinante all’organizzazione delle indagini svolte a Lauria lo scorso novembre, ma ha anche partecipato alle indagini, sia in qualità di informatrice che di “ascoltatrice”, con la curiosità, l’attenzione e la sensibilità che la contraddistinguono.

Il componimento A pòrta fundana i Laurìa, trascritto in ADL (Alfabeto Dialetti Lucani) di seguito con relativa traduzione, è composto da 28 versi:

Da: pòrta andica

rèsta sụlu u nòmë

e ttandë nun_zanu mangu

cchë vvò ddì.

Vicinë a na fundana,

ca nunn_esistë cchiù,

ng’èra nu varcu,

nda lë vicchië murë,

pë ttuttë a ggèndë

ca passava a qqua:

furastirë, mërcandë e autorità.

A tèngu sèmbë a mmèndë

sta pòrta da: città,

pundë i rifërimèndë

pë nnụië ca simu i qqua.

Ngapë a l’arcu,

sụttë a na chianda i lauru,

ng’èra na spècië i (g)addu

e, ssụttë, a scritta:

“nun m’aia tuccà”.

Ma, a ddispittu da: scritta,

a vía s’avía allargà

 e a pòrta fu ššuddata

sènza i ngë pënzà.

Mangu na pètra

fui salvata e, ttandu,

 a cchë ssërvía?

Èra vrë(g)ògna p’a modernità

 

Dell’antica porta

resta solo il nome

e tanti non sanno neppure

a cosa si riferisca.

Vicino ad una fontana,

che non esiste più,

c’era un varco,

nelle mura antiche,

per tutti quelli

che passavano di qua:

forestieri, mercanti e autorità.

Io ricordo sempre

questa porta della città,

punto di riferimento

per noi che siamo di questo luogo.

In cima all’arco

sotto una pianta di lauro,

c’era una specie di gallo (basilisco)

e, sotto, l’iscrizione

“noli me tangere”.

Ma, a dispetto di ciò,

la strada si doveva allargare

e la porta fu demolita

senza pensarci.

Neppure una pietra

fu salvata e, tanto,

a che sarebbe servita?

Sarebbe stata una vergogna per la modernità.

Disegno della zona di Lauria Superiore dove sorgeva Porta Fontana. Autore Ing. Domenico Di Sipio

Questa poesia è un vero e proprio inno a uno dei simboli della città di Lauria, la porta fontana, appunto, luogo di transito di “forestieri, mercanti e autorità”, abbattuto tra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta del secolo scorso per consentire l’allargamento della strada e la costruzione di nuovi edifici. Sull’arco della porta, come scrive l’autrice, si vede uno stemma che rappresenta una pianta di lauro con sotto un basilisco e l’iscrizione Noli me tangere. Questo è lo stemma del comune di Lauria. Pina Calcagno chiude la sua poesia in maniera provocatoria affermando che dell’antica porta non è stato salvato nulla, neppure una pietra, perché non sarebbe servito a niente e avrebbe rappresentato solo una vergogna per la modernità.

Al v. 20 simpatica, audace e interessante la traduzione dell’iscrizione Noli me tangere dal latino al dialetto: nun m’aia tuccà.

Interessanti anche alcuni fenomeni e tratti linguistici del dialetto di Lauria Superiore presenti nella poesia:

  • Raddoppiamento fonosintattico (RFS): la consonante iniziale della parola che segue parole che derivano da parole latine terminanti in consonante come, ad esempio, la preposizione a da AD, la congiunzione e da ET, l’avverbio cchiù da PLUS, e diverse altre, si pronuncia raddoppiata: v. 3 e ttandë [e ‘t:andə]‘e tanti’; v. 4 cchë vvò ddì [k:ə v:ɔ d:i] ‘che vuol dire’; v. 9 pë ttuttë [pə ‘t:ut:ə] ‘per tutti’; v. 12 a mmèndë [a ‘m:ɛndə]‘a mente’; v. 15 pë nnụië [pə ‘n:ʊjə] ‘per noi’; v. 19 e ssụttë [e ‘s:ʊt:ə]‘e sotto’; v. 21 a ddispittu [a ‘d:ispit:u]‘a dispetto’; v. 27 a cchë [a k:ə]‘a che’.
  • Evoluzione di (-)G- in (-)(g)-: l’indebolimento della (-)G- iniziale di parola o in posizione intervocalica: v. 18 (g)addu [‘ɣad:u] ‘gallo’; v. 28 vrë(g)ògna [vrə’ɣɔɲ:a] ‘vergogna’.
  • Evoluzione di -LL- in -dd-: la laterale geminata (cioè doppia) originaria in posizione intervocalica diventa dentale geminata (cioè doppia): v. 18 (g)addu [‘ɣad:u] ‘gallo’.
  • Sonorizzazione della consonante che segue una consonante nasale: a sud di una linea che va dai monti Albani fino ad Ancona attraverso l’Umbria, qualunque consonante viene sonorizzata da una precedente nasale: -NT- diventa –nd-, -NC- diventa –ng-, -MP- diventa –mb-: titolo e v. 5 fundana [fun’dana] ‘fontana’; v. 1 andica [‘andika] ‘antica’; v. 3 e v. 26 mangu [‘maŋgu] ‘neanche’; v. 9 ggèndë [‘d:ʒɛndə]‘gente’; v. 13 sèmbë [‘sɛmbə] ‘sempre’; v. 13 mèndë [‘mɛndə] ‘mente’; v. 15 pundë [‘pundə] ‘punto’; v. 15 rifërimèndë [rifəri’mɛndə] ‘riferimento’; v. 17 chianda [‘kjanda] ‘pianta’; v. 23 pënzà [pən’tsa] ‘pensare’; v. 26 tandu [‘tandu] ‘tanto’.

Dalle indagini linguistiche condotte a Lauria Superiore, però, il fenomeno non è risultato categorico e la stessa autrice della poesia quando parla spontaneamente non sempre sonorizza la consonante post-nasale. Ciò potrebbe confermare quanto ipotizzato dal Centro Internazionale di Dialettologia in altre sedi, ovvero che il dialetto di Lauria Superiore ha subito forti influenze dal siciliano: nei dialetti della Sicilia nord-orientale, infatti, la sonorizzazione delle consonanti post-nasale è assente.

 

Giovanna Memoli

 

“A cëmënérë c’a scuffièttë”

“A cëmënérë c’a scuffièttë” [a tʃəmə’nerə ka sku’f:jɛt:ə]  ‘La ciminiera con la cuffietta’ è un componimento poetico in dialetto tursitano. La lirica è stata presentata  al II concorso di poesia dialettale lucana, nel 2018.

L’autrice, Rosa Gialdino, attraverso immagini suggestive, rievoca il tempo passato: la ciminiera con la cuffietta rappresenta un mondo antico che oggi sembra essere scomparso. Per osservare la ciminiera del “mondo fatato” l’autrice attraversa i luoghi del suo paese: il lettore sembra poter passeggiare al suo fianco, ha il suo stesso passo e prova le sue stesse sensazioni. Osserva, dall’alto,  chilla iaramma luccicandë  [‘kil:a ja’ram:ə lut:ʃi’kandə] ‘quella voragine luccicante’, sente il vento freddo sul suo viso, forse un po’ assonnato proprio come quello di San Francesco e anche nelle sue narici sente gli odori dell’autrice-protagonista: caminetti fumanti, legna arsa, carne e legumi cotti. Il lettore prova anch’egli rammarico. Il silenzio delle strade e dei vicoli, i muri e le porte oramai chiuse delle case, rendono ancora più tangibili i suoni del passato; tra questi ci sono le voci dei bambini che una volta cresciuti sono andati via senza far più ritorno. Un  passato pieno di vita si contrappone ad un presente amaro fatto di spopolamento. La lirica si chiude con un monito: gli adulti dovrebbero smetterla di inquinare l’ambiente, anche le nuove generazioni hanno diritto ad un futuro chinë dë sóuë, fandasíë e ssurrisë stambètë [‘kinə də ‘sowə fanda’siə e s:u’r:isə stam’bɛtə] ‘pieno di sole, fantasia e sorrisi stampati’, proprio come era anticamente, all’epoca della ‘ciminiera con la cuffietta’.

A cëmënérë c’a scuffièttë

Nd’a partë cchiù avëtë d’u Pèttë

c’étë na cëmënérë c’a scuffièttë.

M’étë sèmbë affaššënètë,

sèmbrëtë issutë da nu munnë fatètë

Vuija sèmbë passè d’u municipië di Vía Giannónë

chë lë guardè cchë da supë u muragghiónë.

Nd’a cchèla dëššésa dë pètrë ca pòrtëtë a Ssanda Quarandë

supë a cchilla iaramma luccicandë,

di fròndë a San Frangischë mènzë assunnètë,

u vèndë l’è ssèmbë accarëzzètë.

Già d’a matinë, së sënditë addórë d’i linnë vrušètë,

d’a carnë e dd’i lëgumë còttë nd’a pëgnètë

ca nd’all’arië arrëváitë finë ai pòvërë orfanèllë

ca tëssinë au Pizzë d’i Monachèllë.

Addu të ggirësë

e ttë vòtësë

cë sù ssègnë prëzziusë ca appartènënë a la mëmòrië,

murë avëtë e ffòrtë  ca sù cchinë dë tandë stòrië

ca énë vistë e ssëndutë tandë uagnënèllë dë chiangë e ddë iuchè,

dë crèššë e ddë partë lundènë chi i a ffatiè…

ca énë dëvëndètë nd’u frattèmbë nònnë

sènza fé cchiù rëtòrnë.

E accussì addórë d’u fumë d’i cëmënérë dë na vòtë chiènë chiènë

së vétë përdènnë…

aunitë chi pòrtë ca së vénë chiudènnë.

Ié nu_ mmë dévë pècë cómë, nd’a sta tèrra abbandunètë,

riduttë a quattë iattë spëlacchiètë,

l’inquinamèndë

oramèië è ppigghiètë u supravvèndë

nd’all’acquë, nd’all’arië e nd’i rròbbë da mangè.

I grannë nun énë capitë ca nun énë esaggërè

a ddëstruggë u munnë ca ngarizië,

…pënzèmë dë ièssë angórë all’inizië

e cërchèmë dë dè a stë criaturë

a chièvë d’u futurë

chinë dë sóuë, fandasíë e ssurrisë stambètë

cómë ièrëtë ai tèmbë d’a cëmënérë d’u munnë fatètë.

La ciminiera con la cuffietta

Nella parte più alta del Petto

c’è una ciminiera con la cuffietta.

Mi ha da sempre affascinata,

sembra provenire da un mondo fatato.

Volevo sempre passare dal municipio di via Giannone

per guardarla da sopra il muraglione.

In quella discesa di pietra che porta a Santi Quaranta

sopra a quella voragine luccicante,

di fronte a San Francesco mezzo assonnato,

il vento l’ha sempre accarezzata.

Già dalla mattina, si sentiva l’odore della legna bruciata,

della carne e dei legumi cotti nella pignatta

che nell’aria arrivava fino alle povere orfanelle

che tessevano al Pizzo delle Monachelle.

Ovunque ti giri

e ti volti

ci sono segni preziosi che appartengono alla memoria,

muri alti e forti che sono pieni di tante storie

che hanno visto e udito tanti bambini piangere e giocare,

crescere e partire lontano per andare a lavorare….

che sono diventati nel frattempo nonni

senza far più ritorno.

E così l’odore del fumo delle ciminiere di una volta lentamente

si va perdendo…

insieme agli usci che si vanno chiudendo.

Io non mi do pace di come, in questa terra abbandonata,

ridotta a quattro gatti spelacchiati,

l’inquinamento

oramai abbia preso il sopravvento

nell’acqua, nell’aria e nelle cose da mangiare.

Gli adulti non hanno compreso che non devono esagerare

nel distruggere il mondo con la loro avarizia,

… pensiamo di essere ancora all’inizio

e proviamo a dare a queste creature

la chiave del futuro

colmo di sole, fantasia e sorrisi stampati

come lo era ai tempi della ciminiera del mondo fatato.

Passiamo ora ad analizzare alcune tra le caratteristiche del dialetto tursitano. Nell’area Lausberg, tra le aree più conservative della Romània (per Romània intendiamo l’insieme dei luoghi in cui si parlano le lingue neo-latine) si trova la Mittelzone, nella quale si colloca a sua volta, la Mittelzone Severior. Tursi si trova proprio in quest’areola. Tale areola ha come caratteristica principale quella di non presentare il dittongo metafonetico. A causa della metafonia, /ɛ/ e /ɔ/, influenzate dalla /i/ e dalla /u/  latine in posizione finale si trasformano rispettivamente, nei dittonghi [je]e [wo]. Il fenomeno non interessa Tursi, infatti al verso 10  del nostro componimento troviamo u vèndë [u ‘vɛndə]‘il vento’, contrariamente a quanto accade nel resto della Mittelzone dove il dittongo metafonetico è presente e dove i dati dell’A.L.Ba. riportano vndë  [ ‘vjendə] (carta 23 dell’A.L.Ba. volume IV). Lo stesso accade per la /ɔ/; mentre a Tursi e nel resto della Severior (gli altri paesi dell’areola sono Colobraro, Valsinni, Rotondella e Nova Siri) si registra zòppë [‘tsɔp:ə] ‘zoppo/-i’, nel resto della Mittelzone si ha zppë [‘tswop:ə] ‘zoppo/-i’ (carta 25 e carta 27 dell’A.L.Ba. volume IV).

Un altro tratto linguistico che ben si evince dal nostro componimento è la palatalizzazione della A: la /a/ accentata, in sillaba libera, quella che in vocale, si trasforma in è [ɛ]. Abbiamo molti esempi, tra questi fatè[fa’tɛtə] ‘fatato’ al verso 4, pëgnètë  [pə’ɲ:ɛtə] ‘pignatta’ al verso 12, pè[‘pɛtʃə] ‘pace’ al verso 26. Di contro, quando la sillaba è chiusa, terminante in consonante, la /a/ accentata si conserva: come si può osservare in parole come luccicandë [lut:ʃi’kandə] ‘luccicante’ al verso 8, oppure quattë [‘kwat:ə] ‘quattro’ al verso 28.

Tra i tratti che caratterizzano la conservatività dell’area Lausberg (i dialetti di quest’area sono tra i dialetti neo-latini più vicini alle caratteristiche della loro lingua madre, il latino) vi è la presenza delle antiche desinenze verbali –S e –T. Abbiamo per la II persona singolare del presente indicativo ggirësë [‘d:ʒirəsə] ‘giri’ e vòtësë [‘vɔtəsə] ‘volti’, rispettivamente ai versi 15 e 16, mentre, per la III persona singolare, sèmbrëtë [‘sɛmbrətə] ‘sembra’ al verso 4 e pòrtëtë [‘pɔrtətə] ‘porta’ al verso 7. Le ricerche del Centro Internazionale di Dialettologia mostrano che al presente indicativo, anche la II persona plurale presenta la –S: per esempio mangèsë [man’dʒɛsə] ‘mangiate’. Ciò non si verifica in altri tempi verbali dove la –S è presente solo alla II persona singolare.

Tra le informazioni sintattiche che possiamo ricavare dalla lirica analizzata vi è il comportamento del tursitano nella selezione dell’ausiliare. L’ausiliare scelto è sempre avere indipendentemente dal tipo di verbo sia esso transitivo o intransitivo: abbiamo énë vistë [‘enə ‘vistə] ‘hanno visto’(verso 19), ma anche énë dëvëndètë [‘enə dəvən’dɛtə] ‘sono diventati’(verso 21).

Ogni testo è un viaggio. In questo caso il viaggio è stato doppio: abbiamo accompagnato l’autrice tra i luoghi del suo paese e nello stesso tempo abbiamo esplorato qualche tratto del dialetto tursitano.

Irene Panella

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento