Da Melfi a Rotondella: la varietà linguistica lucana attraverso la poesia.

0

 

La cucina: l’anima della casa

I versi del componimento La cucinë dë casa mijë sono stati composti dalla signora Paola Foligno nel dialetto di Melfi.

La poesia, costituita da 36 versi contraddistinti da una metrica libera con la presenza di alcune rime baciate, ha partecipato al I concorso di poesia dialettale lucana indetto dal Centro Interuniversitario di ricerca in dialettologia.

L’autrice ci apre il “cuore” della sua casa: la cucina. Se ci chiediamo qual è il locale più “amato” nelle nostre case , la risposta è senz’altro la cucina che non è solo il luogo in cui si preparano i pasti ma è anche l’ambiente familiare in cui riunirsi per stare bene con i propri cari e condividere momenti di intimità domestica.

Anche se la padrona di casa a tratti si sente stanca e provata  tiene che tutte le persone care, soprattutto la Domenica e nei giorni di festa, siano presenti. Nel suo “regno” si cucina di tutto, tutto ciò che l’orto produce e che si accompagna, ovviamente, alla pasta fatta in  casa. Nei versi finali la responsabilità del disordine lasciato è data al marito “vizioso” che a causa delle sue esigenze porta la moglie a usare un gran numero di piatti che poi vanno lavati.

Leggere questa  poesia è come entrare nella cucina delle nostre case : immagini la tua mamma o la tua nonna tra le stoviglie e i fornelli pronte a prendersi cura di te.

 

La cucinë dë casa mijë

A ccasa mijë simë sólë tré ggattë,

dóië stanzialë e unë dë passaggë,

ma la cucina mijë iè sèmbë nu rëvutë

ca më facë sèndë cumë na sturdutë

e non cuntammë rë ddumènëchë

e tuttë r’autë ffèstë cumandatë,

ca tannë simë sèmbë sèttë

ma parë ca simë diciassèttë:

allórë chi la vólë còttë

e chi la vólë crudë

e a la finë më sèndë acciungunutë;

ma pò guaië së qua non vènënë a mmangià!

Rapë,cëcòrië e ttuttë quérë ca l’urtë fa

e che s’accumbagnënë a la pastë dë casë.

Acchëssì quannë a l’Ausérë

më vachë a affaccià

pëcchè la pòsturalë vòglië fa,

m’arrógnë sópë lu tappètë

e non më pòzzë cchiù auzà.

Allórë tuttë rë ccumbagnë ca sò da

më sfòttënë e më dinnë: ma che ài fattë?

Duië (g)attë sitë e staië sèmbë a cucënà?

E ijë: eh! Cummarë mijë, së sapéssëvë!

La cucinë mija parë nu ristòrandë,

pëcchè maritëmë iè vvëzziusë assaië

e a mme më ènghië dë guaië.

E ppò che rrëvutë aggë lassatë!

Ca quéra pòvërë figlia ca m’aiutë

non sapë da ndo adda accumënzà,

ma s’adda fa la sanda crócë

e së mèttë a ššacquà

pëgnatë e ppëgnatéddë c’aggë lassatë.

Më dènnë rë ccummarë :

“figlió, e tiénë purë l’aiutë!

Allórë vaië cërcannë pëléië,

fòrsë iè la vëcchiaië ca s’avvëcinë…!”

 

La cucina di casa mia

A casa mia siamo solo tre gatti,

due stanziali e uno di passaggio,

ma la cucina mia è sempre una rovina

che mi fa sentire come una stordita,

senza tenere conto delle Domeniche

e di tutte le altre feste comandate

che allora siamo sempre sette

ma sembra che siamo diciassette:

allora chi la vuole cotta

e chi la vuole cruda

e alla fine mi sento tutta acciaccata;

ma poi guai se qui non vengono a mangiare!

Rape, cicorie e tutto ciò che l’orto produce

e che si accompagna alla pasta di casa.

Così, quando all’Auser vado ad affacciarmi,

perché voglio fare la posturale,

mi accascio sul tappeto

e non mi posso più alzare.

Allora tutte le compagne che sono la

mi sfottono e mi dicono: “ma che hai fatto?”

Siete due gatti e stai sempre a cucinare?

E io: “eh! Comari mie, se sapeste!”

La cucina mia è come un ristorante,

perché mio marito è assai vizioso

e mi riempie di guai

e poi che rivoluzione ho lasciato

che quella povera figlia che mi aiuta

non sa da dove deve cominciare

e allora si fa la Santa Croce

e si mette a sciacquare

pignatte e pignattelle che io ho lasciato!

Mi dicono le comari:

“ragazza e tieni pure l’aiuto!

Allora vai cercando scuse,

forse è la vecchiaia che si avvicina!”

 

Nel componimento si evidenziano alcune peculiarità del dialetto di Melfi p.d.r. n.3 di A.L.Ba.

Per quanto riguarda il vocalismo il dialetto di Melfi presenta sensibilità alla struttura sillabica sia in ambito palatale che velare, ossia la vocale palatale è chiusa –é– [e]>   in sillaba aperta (che termina per vocale), aperta –è– [ɛ]  in sillaba chiusa (che termina in consonate). Lo stesso fenomeno si registra per le medie velari –ó– [o]   in sillaba aperta  –ò– [ɔ]  in sillaba chiusa. Ecco alcuni esempi dal testo: sólë [ˈsolə] “solo” , dóië [ˈdojə] “due”, allórë [aˈl:orə] “allora”, vólë [ˈvolë] ma troviamo invece còttë [ˈkɔt:ə] “cotta”, pòzzë [ˈpɔt:sə] “posso”, sfòttënë [ˈsfɔt:ənə] “prendono in giro”. In ambito palatale abbiamo per le sillabe chiuse: sèmbë [ˈsɛmbə] “sempre”, sèndë [ˈsɛndə] “sentire”, sèttë [ˈsɛt:ə] “sette” e, per le sillabe aperte,  quérë [ˈkwerə] “quello”, pëléië [pəˈlejə] “scuse”.

Dal testo si può anche estrapolare il paradigma degli articoli del dialetto di Melfi che è il seguente:

u/lu per il maschile singolare ad esempio lu tappétë [lu tap:etə] ,  a/la  per il femminile singolare ad esempio la cucina [la kuˈʧina]“la cucina” , la pastë [la ˈpastə]“la pasta”

i/li per il maschile plurale e   per il femminile plurale ad esempio rë ddumènëchë [rə d:uˈmɛnəkə] “le domeniche”, rë ccumbagnë [rə k:umˈbaɲ:ə] “le compagne”.

Altra caratteristica del dialetto di Melfi che si evince da questi versi è il fenomeno dell’enclisi del possessivo con i nomi di parentela. In Basilicata, infatti, si possono individuare, in linea generale, come più diffusi quattro diversi costrutti del possessivo con i nomi di parentela :

-nome + possessivo enclitico (ad esempio fratëtë [ˈfratətə] “tuo fratello”

-nome + possessivo tonico (ad esempio fratë tuë [ˈfratë ˈtuə] “tuo fratello”)

-articolo + nome + possessivo tonico (ad esempio u fratë tuië [uˈfratë ˈtujə]  “tuo fratello”)

-possessivo proclitico + nome (ad esempio tu frètë [tu ˈfrɛtə]“tuo fratello”)

Il dialetto di Melfi rientra nel primo gruppo e nel testo troviamo un esempio  maritëmë [maˈritəmə] “mio marito”. 

Teresa Graziano

 

Sant’Antonio

Il componimento Óië Sand’Andò “Oh Sant’Antonio” che ha partecipato al I concorso di “Poesia Dialettale Lucana”, è stato scritto, dalla signora Edvige Cuccarese, nel dialetto di Rotondella.

La poesia, in tre strofe più un distico finale, ci rimanda indietro di molti anni e ci riporta in un’epoca di sofferenze e di afflizioni. La carica emotiva dei versi è tale che ci sembra di toccare con mano il dolore della protagonista, una donna che vive dolori profondi comuni a molte donne vissute nella sua stessa epoca.

La prima strofa ci fa immaginare una donna vestita nell’abito tradizionale, con un fazzoletto a coprirle il capo che prega Sant’Antonio affinché le conceda una doppia grazia: la guarigione del figlioletto e il ritorno del marito dalla guerra. La seconda strofa ci mostra una donna afflitta dalle necessità quotidiane del suo bambino, che in assenza del padre, è affidato alle cure del nonno e che malaticcio e sconsolato mangia ad un angolo del focolare. Il componimento si conclude con l’immagine della donna che ferma davanti alla Chiesa chiede al Santo di non dimenticarla.

 

Óië Sand’Andò

 Óië Sand’Andònië mèië

faiammillë a (g)razië,

fu sanà u pëccëninnë mèië

accussì quannë tòrnërë

(së Ddijë vò)

u tatë ra uèrrë

u tròvërë bbónë.

 

Mò famë i a vvirë

së u tatarannë à ppurtatë

anguna cósë ra Caràmëlë

pë s’a mangià stasérë

chë na fèdda rë panë

a rasë u fucularë.

 

E mmò ca passë pu fundaninë

më fazzë n’ata vòtë

u sègnë ra crucë

uardannë a chiésië.

 

Óië Sand’Andònië mèië

non dë scurdà rë mijë.

 

Oh Sant’Antonio

Oh Sant’Antonio mio,

fammela la grazia,

fai guarire il mio bambino.

così quando ritornerà

(se Dio vorrà)

il papà della guerra,

lo troverà sano.

 

Ora fammi andare a vedere

se il nonno ha portato

qualche cosa dalla contrada Caramola

per mangiarsela stasera

con una fetta di pane

a un angolo del focolare.

 

E ora che passa per la fontana

mi faccio di nuovo

il segno della croce

guardando la chiesa.

 

Oh Sant’Antonio mio,

non dimenticarti di me.

 

Scopriamo ora quali peculiarità linguistiche del dialetto di Rotondella emergono dalla nostra poesia.

Rotondella, a 91 km dalla provincia materana a cui appartiene, con i suoi  3233 abitanti, è posto su un’ altura come la maggior parte dei paesi lucani, a 575 m. sul livello del mare, dà l’impressione di una cima innevata, infatti le case di Rotondella avvolgono la sommità dell’altura stessa. Questo comune dalla particolarissima struttura urbana, punto di rilievo 103 dell’A.L.Ba, è collocato geograficamente in quella che è chiamata area Lausberg.

L’area Lausberg, che prende il nome dal primo studioso che ne descrisse le peculiarità linguistiche, è tra le aree più conservative della Romània (per Romània intendiamo l’insieme dei territori in cui si parlano le lingue romanze o neolatine). I dialetti dell’area Lausberg conservano tratti linguistici arcaici e per questo appaiono, più “somiglianti”, rispetto ad altre lingue romanze, alla lingua madre, il latino. All’interno dell’area Lausberg, si colloca un’ulteriore areola, particolarmente antica: la Mittelzone Severior. Rotondella fa parte proprio di questa areola, insieme a Colobraro, Tursi, Nova Siri e Valsinni.

Tra i tratti linguistici arcaici dell’area Lausberg e quindi anche della Mittelzone Severior vi è la conservazione delle desinenze verbali –S e –T del latino, rispettivamente desinenze di II persona singolare e plurale e di III persona singolare. A Rotondella nel presente indicativo, si registrano (secondo le inchieste dell’A.L.Ba.) le forme che seguono: màngësë [‘mandʒəsə] “mangi”, màngërë [‘mandʒərə] “mangia”, mangiàsë [man’dʒasə] “mangiate”. Come si evince anche dai verbi del quarto e del settimo verso del nostro componimento, tòrnërë [‘tɔrnərə] “torna” e tròvërë [‘trɔvərə] “trova” (l’autrice però, traduce le forme del presente indicativo col futuro “tornerà, troverà”) la particolarità del dialetto di Rotondella risiede nell’evoluzione in –r dell’originaria –T latina della desinenza di III persona singolare. Come si spiega tale evoluzione? L’originaria –T latina deve aver subìto un processo di indebolimento e nella fattispecie, di sonorizzazione; dunque, l’occlusiva velare sorda deve essersi trasformata in occlusiva velare sonora: –T > –d. A questo punto deve aver agito un ulteriore processo di evoluzione fonetica che ha trasformato la –d in –r, questo fenomeno prende il nome di rotacismo. A Rotondella, il fenomeno in questione ha interessato tutte le  (-)D-, sia quelle etimologiche, derivate direttamente dal latino, rèndë [‘rɛndə] “dente”, pérë [‘perə] “piede”, ricëtë [‘riʧətə] “dito” (le forme sono raccolte nel I volume dell’A.L.Ba.), sia quelle non etimologiche, sviluppatesi secondariamente, proprio come quelle derivate dalla sonorizzazione dell’antica desinenza –T.

Óië Sand’Andó non è solo un componimento poetico dalle immagini suggestive e commoventi e non è solo uno scorcio (in pochi versi l’autrice mette in risalto le caratteristiche principali della civiltà contadina) della vita di un tempo. Questa poesia sottolinea il potere espressivo del dialetto che sa imprimere carica emotiva alle parole e che in tal modo, riesce a dare vita alle immagini che descrive.

Irene Panella

Condividi

Sull' Autore


Lascia un Commento