Dialetto: lingua universale

0

Li ppalë èòlichë

Cumë Don Chiššòttë  inda la Mancia. Accuššì ii vurrìa

ca quéddu cavaliérë purë a Pputènza fašërría!

Vurría ca a ccavaddë dë Ronzinandë sóvë,

cu na modèrna langia in rèsta,

indë a nu mumèndë fašéssë la fèsta

a ttuttë sti bbruttë tórrë

ca cumë na mòrra

ànnë misë sóva li móndi

ngirë ngirë, da tuttë li fróndi.

Cu qquéddi bbraccia spalangarë,

attórnë attórnë parë ca të vòlënë scazzà

e ppëffinë l’aria të fannë mangà!

San Gërardë mië cchi ffëtënzía!

L’ ammë vistë cumbarì tuttë na vòta,

sènza ca ngarcarunë gnë dašéssë na nòta,

manghë lu curriérë dë la tivvù e li giurnali lòcalë,

ca purë só ssèmbë próndë a ffa la mòralë

l’ànnë misë cittë cittë

e ppò è aššù la léggë dritta dritta

can nun_zë pònnë cchiù dduvà

pëcché tròppë s’avéssa fatià

e ppò li sòldë chi li dà?

Purë lu cumunë à ddittë

Ca mò niéndë cchiù së pò ffa!

Oramaië në l’amma sólë tëné

sti pranilë bruttë assaië a vvëré,

ca cumë a nu carcërë opprimèndë

diévanë a lu paèsaggë tuttë l’abbèllimèndë.

Pòvërë a qquéddi ca stannë vëšinë,

ca nvécë dë la pacë dë la cambagna

só ccundannarë a nu rrumórë ca mai stagna.

Ma cumë anna vënì li turistë a Pputènza,

si purë dë quéddu pòchë ca tënémmë, rrumanémmë sènza?

Pë nu pìàttë dë mmicculë li lucanë

së só ggiucà la bellézza ca tëniénnë mmanë!

                                                                                                              Carmela Sanza

                                                              Le pale eoliche

Come Don Chisciotte fece nella regione della Mancha,

così io vorrei che quel cavaliere facesse anche a Potenza!

Vorrei che a cavallo del suo Ronzinante,

con una moderna lancia in resta,

in un attimo abbattesse le brutte torri eoliche

che in gran numero sono state collocate

sul crinale dei nostri monti.

In cerchio da ogni parte,

con le loro braccia spalancate

girando intorno, intorno sembra

sembra vogliano schiacciare chi le guarda

al punto da fargli mancare il respiro.

San Gerardo mio, quale schifezza!

Sono apparse all’improvviso,

senza che la cittadinanza ne fosse al corrente.

Perfino i media locali non hanno fornito

alcun preavviso di tanta novità.

Sono apparse all’improvviso

e solo a cose fatte è stata emanata la relativa legislazione

con cui si stabilisce che non si possono abbattere,

perché l’operazione sarebbe troppo onerosa.

Anche il comune ha ribadito l’impossibilità

di toglierle.

Ormai le proteste sono sterili

e dobbiamo rassegnarci a questi brutti, alti, pali

che hanno incarcerato l’orizzonte,

privandolo della bellezza del suo profilo.

Sventurati quanti abitano nelle loro vicinanze

in quanto condannati anche a sentirne l’incessante rumore,

che annulla la bellezza ma anche la pace della campagna.

Si può ben concludere che i Lucani,

per una manciata di soldi,

si sono fatti sottrarre per sempre

la bellezza del paesaggio!

                                                                                              Carmela Sanza

 

A zzi Mëchèlë lu braccialë dë ngasa nòsta

È ssèmbë assai mbicciarë

anna gi inda d’òrtë a ccuóglië la nzalara,

po’ gn’è ppurë la vigna da purà

e ttuttë gnë dišënë: “Ma chi të la fa ffà?”

lu virë dë córsa da qqui e da ddà

pëcché la rròbba ca accuóglië quasë sèmbë l’anna rrialà…

mò è dda calandriéddë e mmò da capaianga,

o chiuóvë o névë(g)a o scamba.

Tuttë lu chiamanë pë ffa lu savëcicchië e li ssupprëssarë

si nu gn’è zzi mëchèlë o só ššapirë o só ssalatë,

e ssèmbë lu giammë a cchiamà

pëcché sólë iéddë sà bònë purà.

Dëširëmë vói nu crëstìànë cumë a qquéssë addu lu giammë a ttruvà?

Si lu vuó nvità a mmagnà, la carna pò ppurë mangà

ma li ccërasèddë fòrtë gn’anna sèmbë stà.

Quannë së méttë vëšinë a la fu(g)agna

Cónda li fattë dë tandë annë fa

E ògne ttandë na sërënara dë na vòta së méttë a ccandà.

Òšë n’à nvità pë ffëstëggià d’annë ca só ppassà

e ccu ggrannë piašérë në sómmë accòvëtë tuttë qua,

pë ppassà na serata in allegria e ttandë annë anguóra in bòna cumbagnia.

Comunguë zi mëchèlë na còsa è ccèrta,

ca cu ttutta la bòna vulundà

unë cumë a tti nun_zë pò cchiù ngënërà.

                                                                                                              Pia Cusato

A zio Michele il contadino della nostra famiglia

È molto indaffarato

deve andare a raccogliere, nell’orto, l’insalata,

c’è pure la vigna da potare

e tutti gli dicono: «Ma chi te lo fa fare?»

lo vedi di corsa, di qua e di là

perché il raccolto della terra quasi sempre lo vuole regalare.

Un istante prima è dalla famiglia soprannominata calandriéddë e poi dalla famiglia capaianga,

anche se piove, nevica o smette di piovere e nevicare.

Tutti lo chiamano per fare salsicce e soppressate,

se lui non c’è o mancano di sale o sono troppo salate.

E noi lo chiamiamo perché solo lui è così bravo a potare.

Ditemi voi dove troviamo una persona come lui?

Se lo vuoi invitare a mangiare, non necessita la carne

ma non deve mancare il peperoncino piccante.

Davanti al caminetto, racconta storie passate e canta serenate antiche.

Oggi ci ha invitati al suo compleanno

e con grande piacere ci siamo andati

per passare una serata in allegria e augurarci tanti anni ancora in buona compagnia.

Una cosa è certa, a zio Michele diciamo che con tutta la buona volontà

una persona come lui non nascerà.

                                                                                                                          Pia Cusato

Carmela Sanza e Pia Cusato sono due poetesse potentine. Le autrici nei rispettivi componimenti hanno mostrato un forte attaccamento alle proprie radici attraverso un sapiente utilizzo del dialetto potentino. Carmela Sanza tratta il tema dell’invasione delle palë eòlëchë [‘palə e’ɔləkə] ‘pale eoliche’ con tutte le conseguenze negative sull’ambiente e il paesaggio. L’autrice immagina di emulare Don Chisciotte, di combattere contro le pale eoliche così come il personaggio di Miguel De Cervantes fa contro i mulini a vento. Il componimento di Pia Cusato, invece, intende omaggiare la figura di zi Mëchèlë [tsi məꞌkɛlə]‘zio Michele’, un bracciante tuttofare che si presta per tutti i lavori e le faccende domestiche, mettendo le proprie abilità a disposizione di tutti.  Le due poesie si contraddistinguono per l’utilizzo della Déngua putënzésa [‘deŋgwa putən’dzesa] ‘lingua potentina’ e fanno registrare la conservazione dei tratti peculiari galloitalici. La lenizione dell’occlusiva bilabiale sorda intervocalica (-P- > -v-) si registra nel termine: sóva [‘sova] ‘sopra’. La lenizione dell’occlusiva dentale sorda intervocalica che poi subisce rotacismo (-T- > -d- > -r-) si registra, per esempio, nei termini: spalangarë [ spalaŋ’garə] ‘spalancate’, mbicciarë [mbi’t:ʃarə] ‘impegnato’,  nzalara [ndza’lara] ‘insalata’. La lenizione dell’occlusiva velare sorda intervocalica (-K- > -ɣ- / ø) risulta meno conservata, infatti si registra, ad esempio, nei termini: névë(g)a  [Ènevəɣa] ‘nevica’, fuagna [fu’aɲ:a] ‘camino’, ma non si registra nella forma së só ggiucà [sə so d:ʒu’ka] ‘si sono giocati’; in quest’ultima forma si registra l’apocope del participio passato, altro fenomeno tipico dei dialetti settentrionali.  Peculiare delle lingue galloitaliche e di conseguenza del dialetto potentino è l’esito L-> d-. Il tratto si può osservare sia quando L- è all’inizio della parola, es: duvà [du’va] ‘levare’, diévanë [‘djevanə] ‘levano’, sia quando L- è un articolo determinativo in posizione prevocalica, es: d’òrtë [‘d_ɔrtə] ‘ l’orto’, d’annë [‘d_an:ə] ‘ l’anno’. Gli studi più recenti sostengono la tesi di una tappa intermedia dei coloni galloitalici nell’area siciliana, testimoniata da alcuni esiti come la pronuncia rafforzata della /r/ in posizione iniziale. Questo esito si registra nei due componimenti, nei termini: rrirë [‘r:irə] ‘ride’ , rrumórë [r:u’morə] ‘rumore’, rrìalà [r:ia’la] ‘regalare’.

Le due autrici sono un esempio da seguire, in quanto mostrano come il dialetto possa essere lingua del cuore, consolidando il legame con le origini e allo stesso tempo permettendo di trattare qualsiasi argomento con dimestichezza e forza espressiva.

Potito Paccione

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento