La lontananza dei figli nei versi aviglianesi

0

Pochi giorni fa abbiamo festeggiato le nostre mamme. Si, le mamme che ci supportano, che stanno in pena per noi, che vivono per vederci sorridere, che sono felici quando riusciamo ad andare incontro ai nostri sogni nonostante questo significhi, nella maggior parte dei casi, vederci volare via dal nido domestico nel quale ci hanno protetti dal mondo. Una mamma dona la vita a suo figlio, lo cresce, lo educa, lo tratta come il bene più prezioso in assoluto e gli dedica tutta la sua vita ma poi…deve lasciarlo al mondo! Questo “lasciarlo al mondo” significa, nella maggior parte dei casi nella nostra bella Lucania, vedere i figli partire per motivi di studio o di lavoro. Quando i figli si allontanano le pene delle mamme si moltiplicano perché hanno un pezzo del loro cuore in giro per il mondo e un cuore senza uno dei suoi tasselli perde il suo ritmo. Nonostante questo l’amore della mamma è così grande che supera il dolore di questa spina nel cuore con il pensiero della felicità di suo figlio… perché la mamma vive nel vederci sorridere.

Le poesie che in questo numero vogliamo proporvi trattano proprio il tema dei figli lontano. Entrambi i componimenti poetici hanno partecipato al II Concorso di Poesia dialettale lucana, indetto dal Centro Internazionale di Dialettologia nel 2018 e sono stati pubblicati nell’opuscolo dedicato.

La  prima poesia che proponiamo è stata scritta da Michele  De Bonis nel dialetto aviglianese e si intitola proprio I figli lundanë  “I figli lontano”.

I figli lundanë

Quannë naššënë i figlië

iè na prëšézza ppë la famiglië.

Cumë naššë lë criaturë

a già së pènzë a lu futurë.

Pë pprima còsë adda créššë

cu la bbòna salutë, cumë nu péššë.

Appéna facë na nzè cchiù ggruóssë

adda šì a l’asilë sènza fa mòssë.

Pò  vènë la scòlë elemendarë:

së mbarë a scrivë bbèllë chiarë,

së ngë vòlë la virgulë o lu pundë

a së mbarë a ffà i cundë.

Quannë furniššë, ngapë rë cing’annë,

adda šì a la mèdië n_ati ttré annë.

Vistë ca alla scòla vai bbuónë

adda šì nnandë cu l’istruziónë.

I gënëturë ana avé paciènzë

ma mò alla scòlë adda šì a Pputènzë.

Adda šì a Pputènzë ca ng’è lu licè(g)ë,

indandë sa mammë ra ngasa prè(g)ë,

prè(g)ë i sandë, prè(g)ë a Ddijë

chissà tròva na bbòna cumbagnijë,

ma lu uaglió së iè fattë onórë

à ffërnutë rë scòlë superiórë,

s’à ppëgliatë la maturità

a mò iè próndë pë l’univerità.

Cu ssacrificë e cu ssurórë

iè arrëvëndatë nu dottórë.

Àvë sturiatë, së è laureatë

ma la fati(g)a nun l’à ttruwatë.

L’Italia nòn à ccapitë niéndë

lu ggióvënë ca sturië iè n_investëmèndë.

N’à ffattë progèttë lu ngëgnérë

ma à bbulutë šì in_dèrra straniérë

i condrëbbutë pë lla  pënziónë

rë vvaië a vvërsà nda n’ata naziónë

l’Italia sóië nun l’à ccalculatë

invécë all’èstërë iè bèn pa(g)atë.

Aggë vulutë rì ssë ccòsë qquà

fòrsë pëcchè vulía sfucuà:

tènghë ruië figlië c’ànë sturiatë

ma nun_zó rumasë in Basilicatë

a cumë lòrë tanda giovëndù

së në vaië a nnun_dórna cchiù.

Chë ddelusiónë pi: ggënëturë

èra mèglië quann’èrnë criaturë

mò ca só arrëvëndatë dottórë

nun_zó indë ngasë , só arrafòrë.

Nda stu paísë nu_ rrèsta nëššunë,

nda tanda famiglië , ruië përsunë.

Ma cchë ppëccatë à ffattë Aviglianë

ca adda tëné tanda figlië lundanë!

Fórsë nun èrnë nda na tèrra straniérë

së së mbararnë nu bbèllë mëstiérë

ma lórë ànë vulutë sturià

a lu risultatë iè quistë qquà.

Vurría rì a rrë ffamiglië ccu i figlië lundanë

ca ng’é  lu Sëgnórë ca rë ddaië na manë.

 

I figli lontano

Quando nascono i figli

è una gioia per le famiglie.

Appena nasce la creatura

già si pensa al suo futuro.

Per prima cosa deve crescere

in buona salute, come un pesce.

Appena diventa un po’ più grande

deve andare all’asilo senza fare storie.

Poi viene la scuola elementare:

impara a scrivere in modo chiaro,

se serve la virgola o il punto

ed impara a fare i conti.

Finito questo ciclo, dopo cinque anni,

deve andare alle medie altri tre anni.

Visto la sua bravura a scuola

deve continuare con l’istruzione:

i genitori devono avere pazienza

ma d’ora in poi a scuola andrà a Potenza.

Deve andare a Potenza perché c’è il liceo,

intanto la mamma da casa prega:

prega i Santi, prega Dio

affinché trovi una buona compagnia.

Il ragazzo si è fatto onore

ha finito le scuole superiori,

ha conseguito la maturità

e ora è pronto per l’università.

Con sacrificio e con sudore

è diventato un dottore.

Ha studiato, si è laureato

ma un lavoro non l’ha trovato.

L’Italia non ha capito niente

il giovane che studia è un investimento!

Ne ha fatti progetti l’ingegnere

ma è dovuto andare in terra straniera,

i contributi per la pensione

li va a versare in un’altra nazione.

La sua Italia non l’ha calcolato

invece all’estero è ben pagato.

Ho voluto dire tutto questo

forse perché volevo sfogarmi:

ho due figli che hanno studiato

 ma non sono rimasti in Basilicata.

E, come loro, tanta gioventù

Se ne va e non torna più.

Che delusione per i genitori

che rimpiangono l’infanzia dei figli.

Adesso che sono diventati dottori

non sono in casa, sono fuori.

In questo paese non resta nessuno

In tante famiglie due persone.

Ma che peccato ha fatto Avigliano

Per avere tanti figli lontano?

Forse non sarebbero in terra straniera

se avessero imparato un bel mestiere.

Hanno voluto studiare

e il risultato è questo qua.

Vorrei dire alle famiglie con i figli lontano

che c’è il Signore che da loro una mano.

Michele De Bonis

La poesia, strutturata in 58 versi a rima baciata, è un grido, uno sfogo di un genitore che  ha due figli che hanno studiato e per questo  non sono rimasti in Basilicata  come dice ai vv.   39-42 Aggë vulutë ri ssë ccòsë qquà  fòrsë pëcchè vulía sfucuà: tènghë ruië figlië c’ànë sturiatë ma nun_zó rumasë in Basilicatë “ho volute dire queste cose forse perché volevo sfogarmi: ho due figli che hanno studiato ma non sono rimasti in Basilicata”. L’autore parla della nascita di un figlio come la gioia più grande in una famiglia. I genitori lo crescono amorevolmente e pensano subito al suo futuro. Il bambino ben presto comincia il suo percorso scolastico e si mostra subito capace tanto che già dalle scuole superiori i genitori devono cominciare ad abituarsi gradualmente a distaccarsi dal proprio bambino che deve andare al liceo e per frequentare questa scuola deve spostarsi in un’altra città. La mamma a questo punto cosa può fare? Non può fare altro che pregare: vv.20-22 indandë sa mammë ra ngasa prè(g)ë, prè(g)ë i sandë, prè(g)ë a Ddijë chissà tròva na bbòna cumbagnijë “intanto sua mamma da casa prega, prega i Santi, prega a Dio chissà se trova una buona compagnia”. La mamma è preoccupata per le “cattive compagnie” che suo figlio può trovare lungo il percorso della vita e da lontano non può far altro che affidarsi alla preghiera. Le preghiere della mamma avvolgono il ragazzo che si fa “onore”, riesce a laurearsi e riempie di orgoglio i suoi genitori. Questa felicità è, però, “macchiata” dal fatto che il ragazzo non trova lavoro e quindi deve andarsene in “terra straniera”. A questo punto i genitori si chiedono se un traguardo come quello della laurea sia un bene o un male. Non sarebbe stato meglio imparare un mestiere? La laurea è vista in questo caso come gioia immensa ma anche come causa dell’allontanamento e della mancanza del proprio figlio tanto che hanno nostalgia dell’infanzia del proprio bambino quando  era più difficile seguirli ma li si aveva in casa “al sicuro”. Negli ultimi versi l’autore esprime tutto il suo risentimento verso l’Italia in generale che non ha investito sui propri figli laureati e quindi, soprattutto nei nostri piccoli paesi, le famiglie sono rimaste di sole due persone. Negli ultimi due versi il sig. De Bonis lancia un grido di speranza a tutte le famiglie che hanno i figli lontano vv.57-58  Vurría rì a rrë ffamiglië ccu i figlië lundanë ca ng’é  lu Sëgnórë ca rë ddaië na manë “vorrei dire alle famiglie con i figli lontano che c’è il Signore che da loro una mano”. Ritorna il tema della preghiera visto come unico strumento che i genitori hanno per accompagnare i figli una volta che questi si affacciano al mondo.

Il tema dei figli lontano è stato trattato anche da un’altra autrice aviglianese, Carmela Claps in una bellissima poesia di 34 versi sciolti.

Prëšézza (g)rannë

Chë pprëšézza, (g)òšë!

Arriva më figlië ra lundanë, lundanë assaië!

Só mmisë ca l’aspèttë

e nun vérë l’òra r’abbrazzarlë.

Chi rë ssapë cumë staië!

Iḍḍë ricë sèmbë ca staië bbuónë,

ma lu pënziérë iè sèmbë a ru bbruttë.

È ra iérë ca num_bènzë (g)autë

ca lu viaggë ca stai facènnë:

mò partë ra Ššangai,

mò ra Pariggë, mò ra Napëlë…

a mmumèndë avéss’arruà a Pputènzë!

Sònënë a la pòrtë!

Vavë a aprì cu lu còrë

ca zómba nda lu piéttë.

Èglia iḍḍë!

N’abbrazzamë fòrtë fòrtë,

nu_nnë voléssëmë mai sëparà.

Picca iuórnë adda stà cu nnuië

pëcchè la fati(g)a l’aspètta.

Ma pëcché i figlië nuóstrë

ana šì tandë lundanë

pë ffatë(g)à e putè cambà?

Pëcchè nunn_èglia cchiù cumë na vòta

ca la fati(g)a së truaia mbaccë ngasa

e rë ffamiglië èrënë sèmbë aunitë?

Mò i tiémbë só ccagnatë

e nuië gënëtórë rumanimë

sèmbë cchiù ssulë.

Num_butimë fa (g)autë ca prë(g)à

la Marònna ru lu Cuarmënë

pëcchè rë ffacë stà bbuónë.

Së stanë bbuónë lòrë,

stacimë bbuónë purë nuië!

 

Grande gioia

Che gioia, oggi!

Arriva mio figlio da lontano, da molto lontano!

Sono mesi che l’aspetto

E non vedo l’ora di abbracciarlo.

Chi sa come sta!

Egli dice sempre che sta bene,

ma il pensiero va sempre al brutto.

È da ieri che non penso ad altro

che al viaggio che sta facendo:

ora parte da Shangai,

ora da Parigi, ora da Napoli…

a momenti dovrebbe arrivare a Potenza!

Suonano alla porta!

Vado ad aprire col cuore

che balla nel petto.

È lui!

Ci abbracciamo forte forte,

non ci vorremmo mai separare.

Pochi giorni deve stare con noi

perché il lavoro l’aspetta.

Ma perché i figli nostri

devono andare tanto lontano

per lavorare e poter vivere?

Perché non è più come una volta

che il lavoro si trovava vicino casa

e le famiglie erano sempre unite?

Ora i tempi sono cambiati

e noi genitori restiamo

sempre soli.

Non possiamo fare altro che pregare

la Madonna del Carmine

perché li faccia stare bene.

Se stanno bene loro

stiamo bene anche noi!

Carmela Claps

Nella poesia della sig.ra Claps si celebra il ritorno del figlio da lontano, da molto lontano. Un figlio che per lavoro si trova  dall’altra parte del mondo e si fermerà solo per pochi giorni. L’autrice pone l’accento sul momento dell’attesa vv.8-12 È ra iérë ca num_bènzë (g)autë ca lu viaggë ca stai facènnë: mò partë ra Ššangai, mò ra Pariggë, mò ra Napëlë… a mmumèndë avéss’arruà a Pputènzë! “è da ieri che non penso ad altro che al viaggio che sta facendo : ora parte da Shangai, ora da Parigi, ora da Napoli…a momenti dovrebbe essere a Potenza”. Da questi versi emerge l’immagine di una mamma che non vede l’ora di abbracciare suo figlio ma che sta anche in pena per il lungo viaggio che sta affrontando per stare insieme ai suoi genitori per pochissimi giorni. Ecco il suono del campanello che la mamma sente nel petto, nel suo animo vv.13-16 Sònënë a la pòrtë! Vavë a aprì cu lu còrë ca zómba nda lu piéttë. Èglia iḍḍë! “suonano alla porta! Vado ad aprire con il cuore che balla nel petto. È lui!”. Questa è l’immagine più significativa di tutta la poesia, un’immagine che parla da sola, che non ha bisogno di commenti: il cuore della mamma balla, festeggia nel petto al pensiero che al di là di quella porta c’è il bene più prezioso che la vita le abbia donato e che ben presto  avvolgerà in un abbraccio infinito. Negli ultimi versi della poesia l’autrice esprime il suo rammarico per i tempi cambiati: in passato le famiglie rimanevano unite mentre ora i figli devono andare lontano per realizzare i propri sogni. Cosa possono fare questi poveri genitori? Solo pregare. Ecco che ritorna l’immagine della preghiera alla quale le mamme si affidano e affidano i pezzi del loro cuore sparsi per il mondo. La preghiera è rivolta in questo caso alla Madonna del Carmine alla quale il popolo aviglianese è molto devoto.

La lingua in cui i due componimenti sono scritti è l’aviglianese. Nel corpo delle due poesie ci sono vari elementi che caratterizzano questa bellissima lingua. Vediamone alcuni:

come abbiamo più volte osservato il dialetto di Avigliano presenta una co-occorrenza di diversi allomorfi per la III persona singolare del verbo essere. Nelle poesie se ne possono osservare tre tipi:

nella poesia Prëšézza (g)rannë della sig.ra Carmela Claps sono presenti le seguenti forme

èglia [ˈɛʎ:a] ai vv. 16 e 23

è [ɛ] al v. 8

[jɛ] al v. 7 .

Nella poesia I figli lundanë  di Michele De Bonis

è [ɛ] v. 29

[jɛ]  vv. 2, 23, 26, 28, 32, 38 e 56.

Ai vv. 6 e 16 della poesia Prëšézza (g)rannë della sig.ra Carmela Claps incontriamo il pronome  iḍḍë   [ˈiɖːə] < lat. ILLU che ci mostra un’altra caratteristica del dialetto aviglianese: l’evoluzione di –LL- del latino   in –ḍḍ– -[ɖ:]-.

Altra caratteristica fonetica della lingua in questione che emerge dalla lettura dei due componimenti è  l’evoluzione della (-)D- latina in (-)r– (-)[r]-.

Citiamo qualche esempio a riguardo.

Dalla poesia di Michele De Bonis :

v.13 [rə] “di”, v.20 ra [ra]“da” ,v.29 sturiatë [stuˈrjatə] “studiato”, v.32 sturië [ˈsturjə], v.39 [ri]“dire”, v.41 ruië [ˈrujə] “due”, v.55 sturià [stuˈrja] “studiare”, v.57 [ri]“dire”.

Dalla poesia della sig.ra Carmela Claps:

vv.2, 8, 10, 11 ra [ra]“da”, v.4 vérë [ˈverə] “vedo”, v.6 ricë [ˈriʧə] “dice”.

Al  v. 40 della poesia del sig. De Bonis troviamo sfucuà [sfuˈkwa] “sfogarmi” e al v. 31 della poesia della sig.ra Claps c’è Cuarmënë [ˈkwarmənə] “Carmine” in cui possiamo notare  un  tratto, piuttosto evidente in questa lingua, che è la propagginazione, un condizionamento prodotto dalla vocale /u/ atona che si riproduce in una sillaba successiva. Questo fenomeno può avvenire sia nella sillaba iniziale della parola che in una sillaba interna.

In rë ffamiglië [rə fːaˈmiʎːə] “le famiglie” al v. 57 della poesia i figlië lundanë “i figli lontano” e al v. 26 di prëšézza (g)rannë  “grande gioia”, si registra la presenza del rafforzamento fonosintattico prodotto dall’articolo femminile plurale  [rə].

Un’altra caratteristica del dialetto di Avigliano è l’anteposizione del possessivo con i nomi di parentela ossia l’aggettivo possessivo è posto prima del nome. Ciò non si verifica  però in tutti casi come per esempio maritëmë [maˈritəmə] “mio marito” e mëglièrëmë [məˈʎ:ɛrəmə] “mia moglie” nei quali l’aggettivo possessivo viene aggiunto alla fine del nome. Ciò si verifica molto probabilmente perché tale peculiarità del dialetto di Avigliano sta cedendo sotto la spinta degli altri dialetti della zona che presentano invece la posposizione dei possessivi con i nomi di parentela e sta iniziando proprio da quei rapporti di parentela che sono acquisiti e non di sangue, come appunto è il caso di moglie e marito o suocera e suocero. Nella poesia del sig. Michele De Bonis abbiamo come esempio al v.20 sa mammë [sa ˈmamːə]“sua madre” e nella poesia della sig.ra Carmela Claps al v.2 më figlië [mə ˈfiʎːə] “mio figlio”.

Leggere questi piccoli tesori  ci offre la possibilità di fare delle importanti riflessioni sul patrimonio linguistico della Basilicata al fine di tutelarlo e salvaguardarlo. È doveroso, quindi,  ringraziare l’autrice e  l’autore di queste poesie perché ogni contributo, piccolo o grande che sia, volto alla tutela e salvaguardia delle nostre lingue, va lodato e incoraggiato.

 

Teresa Graziano

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Rispondi