LA POESIA DIALETTALE LUCANA, UN SUCCESSO INCREDIBILE

0

La II edizione del concorso di poesia dialettale lucana indetto dal Progetto A.L.Ba. – Centro Internazionale di dialettologia  ha confermato, per contenuti e partecipazione, l’interesse che si sta catalizzando intorno al dialetto. E’ stata una manifestazione  suggestiva, coinvolgente e a tratti commovente  ed ha offerto a tutti i numerosi presenti (quasi 600 persone da tutta la regione) un quadro completo delle potenzialità espressive delle lingue locali nei diversi ambiti culturali. Infatti in dialetto si è poetato, cantato, fatto teatro.

Al concorso di poesia hanno partecipato 69 autori più del doppio della I edizione che contava 34 partecipanti. Di questi 34 sono donne e 28 uomini, inoltre una V elementare di Genzano formata da 18 bambini. Questi ultimi, che si erano incontrati a gennaio con il Progetto A.L.Ba. per una lezione divulgativa, hanno mostrato una tale passione nei confronti del loro dialetto da tradurre i primi 12 articoli della Costituzione italiana nella loro lingua locale. Tale impresa è valsa loro un incontro con il Presidente della Repubblica che li ha ricevuti. I bambini sono stati simbolicamente premiati dai giovani del Gruppo A.L.Ba. con una medaglia in qualità di difensori del dialetto.

I poeti che hanno partecipato al concorso provengono dai seguenti paesi: Avigliano, Bernalda, Calvera, Castelsaraceno, Cirigliano, Colobraro, Ferrandina, Filiano, Genzano, Lauria, Melfi, Montemilone, Pietragalla, Pietrapertosa, Pisticci, Potenza, Rapolla, Roccanova, Rotondella, San Chirico Raparo, Savoia, Tito, Trivigno, Tursi, Venosa, Viggiano.

La poesia ha da sempre accompagnato l’uomo nella sua vita arricchendone la bellezza e il dialetto è da sempre stato un mezzo espressivo particolarmente efficace in questo campo. Non sarà certo un caso se il poeta lucano Albino Pierro, dopo un inizio in lingua standard, decide poi di passare, nella stesura delle sue opere, al dialetto tursitano e, grazie a queste poesie, sarà poi candidato al nobel per la letteratura.

Molte le tematiche trattate nelle opere presentate al concorso. Sempre presente l’amore verso la propria terra e il dolore che ne consegue quando la si vede trascurata, martoriata o quando per necessità lavorative la si deve abbandonare. Non manca sicuramente l’amore nelle sue diverse sfaccettature: per la madre, per i figli, per un uomo… Amori tormentati o teneri.

Ma quest’anno spuntano anche tematiche meno ricorrenti e più moderne. Allarme per l’uso sconsiderato e diffuso  delle chat che sostituiscono giorno dopo giorno sempre più le conversazioni faccia a faccia. O tristezza per la condizione dei senza tetto o degli emigranti che affrontano ogni rischio nella speranza di dare ai loro figli una vita migliore.

E vediamo ora nel dettaglio quali sono le poesie vincitrici di questa II edizione.

Al primo posto si registra un ex aequo tra due poesie decisamente diverse nella tematica.

Una, scritta in dialetto pisticcese da Giuseppe D’Avenia D’Andrea, parla di un figlio che si reca sulla tomba della madre e lì ripercorre, con il cuore ancora spezzato, tutti i giorni passati insieme, facendo scorrere nella sua mente immagini tenere che gli fanno compagnia in questo vuoto incolmabile in cui la perdita della madre lo ha lasciato.

 

Tu e ijë

Stòchë ddó, cittë cittë,

nnand’a sta pétrë

ca të uardë iuórnë e nnóttë.

E ndraméndë ca uardë ‘n dèrrë

L’èrvë ca të fašë da cappòttë,

l’òcchiërë së nzèrrënë,

e nda nu iumë dë pënziérë më pèrdë.

E lë rëcuordë dë lë šurnatë

passatë nzembëlë,

s’apprëséntënë a l’ëntrasattë,

còm’a ttandë criaturë

ca vónn’éssë datë adénzië:

ci spèngë, ci më chiamë,

ci më fašë sègnë pë lë manë.

Angunë m’u vèchë atturnë,

cciù šëngirë…

angun’oldë è cchiù appannatë,

iòmbrë-iòmbrë.

E ndraméndë llë uardë

ca s’accalchënë  e së spèngënë,

u cërviéddë e l’òcchiërë

fórtë fórtë së strèngënë,

pë vvëdèrlë cchiù mmégghië.

E ttë vèchë:

appuggiatë u murë du négòzzië,

ca uardë u va e vviénë dë lë crëstianë

ndu còrsë, pë lë bbustë da spèsë

P’a nèvë, dë viérnë, a staggiònë,

a casë, da fórë sòp’u bbalcònë.

Quanda vitë

Amma passatë nzémbëlë, Ma’!!!

Po’…

Tiénë a mméndë

quannë na gòccë d’acquë

azzòppë sòp’u vitrë

e së fašša millë frignëlë?

Acchëssì spariššënë lë pënziérë,

tal’e qqualë a nna mòrrë dë frašunë

quannë fušënë

dda lë stréttëlë du carvièddë,

È allórë,

pë l’òcchiërë spunzatë dë chiandë

më tròvë arrétë nnand’a sta pétrë:

tu e ijë.

È u iuórnë dë la muórtë,

e ndu cambësandë

së séndënë lë vušë

dë lë pariéndë dë l’almë.

Pë ttè Ma’,

è mmuortë purë

stu criaturë tuië.

Ci në sapë ci nu iuórnë

T’agghia putè abbrazzà arrétë?

Mo’, ndraméndë më në vòchë,

lassëmë chiangë.

Tu e io

Sto qui zitto zitto

Davanti a questa pietra

Che veglia su di te giorno e notte.

E mentre guardo a terra

L’erba che ti fa da cappotto

I miei occhi si chiudono

Facendomi smarrire in un fiume di pensieri

E i ricordi delle giornate

passate insieme,

si presentano, all’improvviso, come tanti bambini

che chiedono ascolto:

chi spinge, chi mi chiama

chi mi fa cenno con le mani.

Qualcuno me lo vedo attorno

Più nitido;

qualcun altro mi appare

più velato,

indefinito.

E mentre li guardo

Che si accalcano e si spingono,

la mente e gli occhi

con più forza si stringono,

per definirli meglio.

E ti vedo:

appoggiata al muro del negozio

che guardi la gente passeggiare

sul corso con le buste della spesa.

Quando c’era la neve, d’inverno, d’estate.

A casa, fuori sul balcone.

Quana vita

Abbiamo vissuto insieme, Mamma!

Poi…

Hai presente

Quando una goccia d’acqua

Si infrange sul vetro,

frantumandosi in mille cocci?

Così spariscono i pensieri,

come una folla di bambini

che fugge nei viottoli della mente.

E allora,

come se mi fossi destato,

con gli occhi inzuppati di piano

mi ritrovo davanti a questa pietra:

tu e io.

È il giorno dei morti

E nel camposanto

Si odono le voci

Dei parenti dei defunti.

Mamma,

con te è morto anche questo bambino tuo.

Chissà se un giorno

Potrò riabbracciarti.

Ora, mentre me ne vado,

lasciami piangere.

L’altra, invece, di Cascini Prospero Valerio, scritta nel dialetto di Castelsaraceno, attraverso la metafora di un aquilone che resiste forte ai rischi del volo, ci spinge, giovani e meno giovani, ad affrontare con coraggio le avversità che la vita ci può costringere ad affrontare.

Aquilónë

Puru u prufëssórë nụstụ

lli tréma(g)ụ a manụ

pi dda bbótta i vindagliónë

ca nnu stìa stravisènnụ l’aquilónë.

Ma pë ffurtuna u filụ nun si ruppi(g)ụ

e (g)hiddụ risisti(g)ụ.

N’avìa fattụ fa’ cu ttuttụ u sindëmèndụ:

còlla avissimèndë e ccarta i tuttë i culuri,

lèggia e rresistèndë e na córa lònga lònga,

circhiụ nda circhiụ ca nun finìa mai.

Quannë u vèndụ ll’èra iutụ a ccundụ sụiụ

sópacasóttụ n’avìa fattë nghianë e ššinni

e nnui apprèssụ a (g)hiddụ cazëcatómmë e ccavagliéttë.

Quannụ turnémmụ u purtémmụ a tturnụ ddu cambìónë.

Candènnụ vittòria nn’éra passata

puru a paura i ddu vindagliónë.

  

Aquilone

Pure al nostro maestro

tremò la mano

per quel gran colpo di vento

che stava per sbalestrare l’aquilone.

Per fortuna il filo non si ruppe

e lui resistette.

Ce l’aveva fatta fare con cura e sentimento:

colla in abbondanza e carta di tutti i colori,

leggera, resistente e una coda lunga lunga,

anello dentro anello che non finiva mai.

Quando il vento gli era stato favorevole

aveva volteggiato su e giù

e noi con lui capriole e ribaltoni.

Quando tornammo

lo portammo a turno quel campione.

Cantando vittoria ci era passata

la paura di quel gran vento contro l’aquilone.

Al secondo posto troviamo nuovamente un ex aequo.

In una delle due poesie torna il tema dell’amore capace di superare dicerie e debolezze per vivere. La poesia in questione è scritta in un dialetto, a detta della sua autrice, arcaico di Satriano e, in effetti, si rilevano strane contaminazioni linguistiche che non corrispondono all’attuale lingua. L’autrice è Potenza Teresa

Ijë só què e…, e ijë të guèrdë

Së nun të si accuortë,

ijë só qquè..

e ijë të guèrdë:

tiénë l’uocchië rë nu criaturë chë stéië aspettè sulë na carézzë ra la vitë,

e nu mussë chë ttènë sétë r’ammórë;

ma criaturë mijë,

a vvòtë nun è sémblëcë truvè la vië pë lu còrë

e ijë, la tuia, a pèrdë sèmbë.

Parécchië tembë fè

M’ènnë réttë chë nëššunë më potìa amè

Pëcchè nun só bbuonë comë përsónë,

e ijë tènghë sèmbë sta còsë dind’a  la chèpë

steghë accuortë  a nu mm’ennamurè e…

e gguaië a ffè nnamurè

pëcchè,

puotë brusè l’acquë, guestè lu viendë, rumbè në nuvëlë,

ma li suegnë mijë së trasfòrmënë sèmbë ‘n delusiónë,

e mèië, mèië e ppòi mèië, li puotéssë vivërë,

pë ttuttë, ancuorë nunn èggë capitë cë pëcchètë aggë fèttë.

Më perdunnè si cu tté, la bbruttë përsónë cë ssó, nò mmë la arrëcuordë,

serè chë ttu më fè scurdé tuttë còsë:

scurdè cë dind’a nu luchèlë nun stè bbuonë

che tu pèssë

e na figliòlë së spurgë pë të vësè lu cuollë,

Chë sturlanètë ca só!

Mè, ammórë mijë,

ijë só què e…

ijë të guèrdë.

Io sto qua e…e ti guardo

Se non ti sei reso conto ,

io sto qua e…

e ti guardo:

hai gli occhi di un bambino che sta aspettando solo una carezza dalla vita

e una bocca che ha sete d’amore;

ma bambino mio,

a volte non è semplice trovare la via per il cuore

e io, la tua, la smarrisco sempre.

Molto tempo fa

mi hanno detto che nessuno mi poteva amare

perché non sono una brava come persona

E io mi sono convinta di questo:

sto attenta a non innamorarmi e…

e guai a far innamorare

perché,

può bruciare l’acqua, rompersi il vento, dividersi una nuvola,

i miei sogni si trasformeranno sempre in delusione,

e mai, ma e poi mai, li potrei vivere;

Per tutto, ancora non o capito che peccato o fatto.

Mi devi perdonare se con te, la brutta persona che sono, non me la ricordo,

sarà che tu mi fai dimenticare tutto:

dimenticare che non è consono in un locale,

che tu passi

e una ragazza si sporge per baciarti il collo.

Che sciocca che sono!

Ma, amore mio,

io sto qua e…

e ti guardo.

L’altra poesia classificatasi al II posto ci parla invece di una figura importante nella riforma agraria, ma troppo poco considerata: l’assegnatario di Policoro che con il suo lavoro ha creato un futuro per i propri figli e migliorato la situazione economica locale. Il dialetto usato è quello di Rotondella e lìautore è Fittipaldi Francesco..

 

Cutistë a Ppëlëcórë

Carë uagnunë mèië, amicë carë,

ié richë a mèië, cómë vò gghì ca varë,

parlë pë bbuië, ca nò mmë canuššésë,

parlë rë mië, ca pó’ ròppë u sapésë.

Èggë natë furésë a vië a Rëtunnë

e gghjivë cravëtë ch’ònnë avìa sètt’annë,

èmë crëššutë a ppanë sólë e vvèndë

paría ch’avìëmë tuttë, e òn géra nnèndë.

Ièrënë i tèmbë ra famë e rra uèrrë

e ttuttë së cambainë ra tèrrë,

pë qquirë ca tënijëmë a famigghië

jèrënë tèmbë amarë a ccrèššë i figghië.

Pò’ m’avutë sta cótë a Ppëlëcórë

e ssë rëcijënë “chi ccë va ccë mórë”.

I primë tèmbë cë mëttijëmë u (g)ranë

appènë appènë cë’accattaimë u panë.

A llu paisë, a sérë, quanda ggèndë:

nda sta cambagna, nvécë, òn géra nnènd,

a qquannë facía nnòttë tutt’i sérë

ói cómë camënainë i pënzérë!

Stu paisë ànë fattë i fèmmënë, i mammë

ch’ènë crëššutë, èr’ènë fattë (g)rannë

primë i maritë, ch’ànë sèmbë aiutatë

e rròppë i figghië, ch’ànë nguraggiatë.

Tanda ggèndë è bbënutë, r’ògnë ppartë

e nnui ònn’amë mai chiusë a pòrtë.

Tuttë s’èmë mbaratë anguna cósë

e ttuttë quandë sumë pulëcurèsë.

Nu motórë a ddui rótë, zappë e ppalë

e dd’acqua ca scurrirë ndi canalë,

u cundë ri caššèttë a rri cundalë

u cumbratórë, a fruttë e ll’anëmalë.

Vui ca stë cósë nòn i canuššésë

vënètë a qquà, ca vë pa(g)amë i spésë:

a nnui nëššunë òn s’è rialatë nèndë,

putèmë uardà ‘n faccë a ttuttë quandë!

nòn ggè ffërtunë sènza sacrëficijë

e nnèndë së pó ffa sènza spëranzë.

Nui ch’èmë accumënzatë èmë ggià fattë,

e qquasë quasë sta facènnë nòttë,

ma u cèlë è rrussë, rëcamatë a stèllë, ca stasérë

vincërë n’ata vótë a prëmavérë.

 

Assegnatario a Policoro

 

Cari ragazzi miei, amici cari,

dico di me, vada come vuole,

parlo per voi, che non mi conoscete,

parlo di me, così dopo sapete.

Sono nato salariato dalle parti di Rotondella

e sono andato a padrone che avevo sette anni.

Siamo cresciuti a pane, sole e vento

sembrava avessimo tutto, e non c’era niente.

Erano i tempi della fame e della guerra

e tutti campavano dalla terra,

per quelli che avevamo famiglia

erano tempi amari a crescere i figli.

poi abbiamo avuto questo podere a Policoro

e ci dicevano “chi ci va, ci muore”.

I primi tempi mettevamo il grano

e a malapena compravamo il pane.

Al paese, alla sera, quanta gente:

in questa campagna, invece, non c’era niente,

e quando faceva notte tutte le sere

oh, come camminavano i pensieri!

Questo paese l’hanno fatto le donne, le mamme

che hanno cresciuto, ed hanno fatto grandi

prima i mariti, che hanno sempre aiutato

e dopo i figli, che hanno incoraggiato.

Tanta gente è venuta, da ogni parte

e non gli abbiamo mai chiuso la porta.

Tutti abbiamo imparato qualche cosa

e tutti quanti siamo policoresi.

Un motore a due ruote, zappa e pala

e l’acqua che scorreva nei canali,

il conto delle cassette e dei quintali

il compratore, la frutta, e gli animali.

Voi che queste cose non le conoscete

venite qui, che vi paghiamo le spese:

a noi nessuno ha regalato niente,

possiamo guardare in faccia tutti quanti!

Non c’è fortuna senza sacrificio

e niente si può fare senza speranza.

Noi che abbiamo cominciato abbiamo già fatto,

e quasi quasi sta facendo notte,

ma il cielo è rosso, ricamato a stelle, che stasera

vince un’altra volta la primavera.

Terza classificata una struggente poesia che narra della tragedia dei migranti attraverso la preghiera di una madre che disperata affida il figlio a Dio perché lo protegga quando lei non potrà più. Il testo è scritto in aviglianese da Claps Elisabetta Anna.

Pre(g)hiéra rë na mamma

Chë šcandacòrë stu ciélë e stu marë,

Marònna mìa!

Fa’ ca lu figlië mië së salva!

Ra nu paisë lundanë e ccrurélë mënimë

pë arruà a la tèrra pruméssa!

Nda nu pundónë, trëmëlèndë e rrišunë,

mmiézzë a ttanda cristianë rëspiratë

e ppòvëriéḍḍë pë accónghië la libbèrtà.

Pruwirë tu…!!!

Chiagnë pëcchè lë facë famë, sécca e ffriddë.

Stavë mbënziérë.

Sólë, marë e rriluvië vérë,

ròppë tanda iuórnë rë viaggë.

Marònna mia, nu lla fazzë cchiù,

më sèndë affiaccutë.

La nòttë èglia scrëmósa cumë la mòrtë.

Lu bbarcónë së stai surrutannë,

óndë më stannë abbrazzannë.

Nun të scurdà,

cunzirrë lu figliulë mië

ca chiagnë!

 

Assegnate inoltre quattro menzioni con le seguenti motivazioni:

Barbònë di Nardozza Gerardo in dialetto rionerese

Menzione speciale per il valore sociale

La poesia mette in luce il dramma umano dei senza tetto che, ancor più della fame e del freddo, soffrono l’emarginazione e l’indifferenza

Noccolepernoccole di Carlomagno Elena Santa in dialetto lauriota superiore

Menzione speciale per l’originalità

Come in una filastrocca leggera si snocciolano immagini del paese insieme al ricordo di una dolorosa separazione dovuta alla necessità di partire per cercare un lavoro

Li tèmbi só ccagnà di Salvia Luisa in dialetto titese

Menzione speciale per il carattere moderno della tematica trattata

La poesia mette in evidenza la dilagante mancanza di comunicazione personale sostituita oggi sempre più da quella condotta tramite le chat.

Calanë lë mbrišanë di Pisani Mario dialetto di Viggiano

Premiata per la grande padronanza dialettale

Infine premio speciale “Antonio Infantino” per il ritmo assegnato alla poesia “Siendë” di Pantalena Franco scritta nel dialetto di Vietri di Potenza.

Non resta, a questo punto, se non augurarci che la prossima edizione del premio di poesia lucana veda un numero sempre crescente di partecipanti anche tra i nostri amici lucani che risiedono fuori della Basilicata e che quest’anno hanno concorso solo in due dal Piemonte.

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento