PERCORSI D’ARTE SACRA: RIPACANDIDA

0

 

 IOLANDA CARELLA & SALVATORE SEBASTE

carellasebaste

Ripacandida

Pare sia sorta sull’antico centro Candida Latinorum o semplicemente Candida. Fu chiamata Ripacandida, per il colore biancastro del colle su cui sorge. Era già abitata fra il VII e il IV secolo a.C., come risulta dai reperti trovati e conservati nel Museo Nazionale Archeologico del Melfese: tombe, scheletri, armi, vasi di bronzo lavorato, ceramiche, mosaici, monete, iscrizioni su lapidi.

Il paese, sorto forse intorno al Mille, documentato nel Catalogo dei Baroni nel 1167, fortificato dai Longobardi, appartenne a diversi signori: Roberto, Trizzarello, Filippo di Leonessa, i Caracciolo. Nel 1478, Troiano Caracciolo gestì l’afflusso degli Albanesi nei borghi di Cantone e di Lombardomassa (poi Ginestra). Il feudo passò poi ai Grimaldi, al barone di Boccapianola, al duca Mazzaccara, i cui eredi vi dominarono fino all’eversione della feudalità (1806).

Il 7 aprile del 1861 in Ripacandida iniziò il movimento legittimista: la rivolta dei poveri contro i galantuomini che detenevano potere e ricchezza.

La Chiesa Madre di Santa Maria del Sepolcro (fig. 1), d’impianto rinascimentale, mostra il portale datato 1602. Il timpano è decorato col bassorilievo Madonna in adorazione al S.Sepolcro. L’interno, a tre navate evidenzia una balaustra artistica (1716) in marmo policromo a tarsie. Sulle colonnine decorate sono illustrate: il Cuore trapassato dalle spade, Madonna in adorazione del S. Sepolcro, Cristo risorto, il Battesimo purificatore. Dietro l’altare c’è (fig. 2) la tela dipinta ad olio Martirio di S.Bartolomeo (1682) di Gaetano Recco, di Napoli. Nella navata destra sono custodite la tela dipinta ad olio di San Francesco Saverio del XVI secolo e le sculture lignee del Settecento, tra cui S. Donatello. A sinistra, nel cappellone del Sacramento si trova l monumento funebre di G.B. Rossi, fondatore col fratello Giovanni del monastero di San Giuseppe.

Da notare pure nel cappellone (fig. 3) il busto bronzeo di S. Maria di Gesù, realizzato da Bruno Di Giacomo di Rionero.

3 S.M. DEL GESÙ

In questa scultura si nota un senso metafisico dovuto forse al colore dorato del ritratto, alla forma riecheggiante nello spazio circostante, al raffinato chiaroscuro del vestito, ai tratti del viso. Sempre a sinistra c’è il dipinto ad olio su tela (fig. 4) Cristo di Pietà e angeli con i simboli della Passione (1589), di Cristiano Danona di Anversa.

4

In Via G. B. Rossi si trova la Chiesa di San Giuseppe del XVIII secolo, che era la chiesa del monastero delle Carmelitane, fondato da Giovanni e B. Rossi.

5 MADONNA DELL’INCORONATA

La facciata si presenta con un bellissimo portale barocco. L’interno, a navata unica, è decorato con eleganti motivi barocchi. Sopra l’altare maggiore, in marmo policromo a tarsie, c’è la tela Madonna con S. Teresa, S. Giuseppe e S. Domenico, dipinta ad olio da un allievo di Francesco Solimena (pitt. doc. 1657-1747). A destra dell’altare c’è il monumento funebre di Giovanni Rossi (1751), opera di stuccatori napoletani. Sugli altari laterali si notano le sculture lignee di S. Vito a destra e (fig. 5) della Madonna Incoronata, a sinistra.

Nella cripta c’è il sepolcro di S. Maria di Gesù e la bara lignea originaria ed integra del Settecento. A destra e a sinistra dell’ingresso della chiesa si notano due belle acquasantiere in pietra locale del Settecento. 

Accanto alla chiesa, sul portale  dell’ex parlatorio del monastero c’è lo stemma della famiglia Baffari. In Via Santa Maria si trova (fig. 6) la Chiesa della Madonna del Carmine (1703-1719). L’interno ad una navata mostra un singolare apparato decorativo, realizzato da un frescante lucano della prima metà del Settecento. Sulla volta sono sviluppate scene della Risurrezione e figure dei dodici apostoli e di santi.

Sull’arco trasversale della zona presbiterale sono evidenziati affreschi raffiguranti la Madonna del Carmine (fig. 7) e figure di santi. Sulla parete frontale spicca la Trinità tra S. Giovanni Battista e S. Antonio di Padova. Sull’altare maggiore, in marmo policromo, si nota la secentesca scultura della Madonna del Carmine.

Nel piazzale S. Donato si trova (fig. 8) il Santuario di San Donato (sec. XII), giovane martire locale che è raffigurato sul pilastro dell’arco trionfale interno. Di struttura architettonica gotica,restaurata dopo i terremoti del 1930 e del 1980, mostra il portale secentesco e il campanile con due ordini di monofore a tutto sesto col tetto a guglia. L’interno, d’impianto francescano a navata unica, è diviso da grandi pilastri quadrati in tre campate con volta a crociera ogivale. Le pareti sono tutte decorate da affreschi (1450). Nella prima campata sono dipinti episodi della vita di Gesù: Predica del Battista, Annunciazione, Natività, Adorazione dei Magi, Presentazione al tempio, Fuga in Egitto, Strage degli Innocenti, Ultima Cena,Passione, Flagellazione, Crocifissione e Deposizione, Inferno e Paradiso. Nella seconda e terza campata sono raffigurate scene del Vecchio e del Nuovo Testamento tra cui: (fig. 9) Creazione di Eva, Peccato originale, Caino e Abele, (fig. 10) Arca di Noè, Diluvio universale, Approdo dell’arca, (fig. 11) Sacrificio di Isacco, Giuseppe e i suoi figli, Torre di Babele, Incendio di Sodoma e Gomorra. Sulle pareti perimetrali sono illustrate storie frammentarie di S. Antonio Abate, di S. Paolo eremita, di S. Francesco. Sui pilastri ci sono figure di santi francescani.

Il ciclo, realizzato da più artisti, forse organizzati da un maestro locale, è animato da un popolo minuto e brulicante, da una fama aneddotica, damerini e pulzelle ritrose in veste di spettatori, con fogge quattrocentesche da sagra paesana.

11 SACRIFICIO DI ISACCO

Pregevoli sono gli altari in pietra del Cinquecento con elementi decorativi e in marmi policromi del Settecento. Dietro l’altare c’è un coro ligneo decorato e dipinto del Settecento, mentre a sinistra domina un pregiato organo del Settecento. Interessante è anche, sulla parete destra della seconda campata, la tela dipinta ad olio di S.Eulalia di Paolo De Matteis (1617-1618). L’opera è realizzata con pacata compostezza giordanesca: i cherubini e gli angeli assistono incantati la santa in estasi sulla croce, mentre un angioletto porge corona e palma. Accanto al santuario c’è la villa comunale, artisticamente curata che varie evidenzia (fig. 12) sculture in pietra. Nel centro storico si notano una serie di portali di palazzi signorili, in pietra locale decorata con stemmi, testimonianze dell’artigianato fiorente in quel periodo.

Bibliografia 

  • Giacomo Racioppi, Storia della Lucania e della Basilicata, Roma, Ermanno Loescher & C., 1889. Ristampa anastatica, Matera, Grafica BMG.
  • Anna Grelle Iusco, Arte in Basilicata, Roma, De Luca Editore, 1981.
  • Angelo Lucano Larotonda e Rosario Palese, Potenza, una provincia di cento comuni, Milano, Motta Editore S.p.A, 1999 
  • Rossella Villani, Pittura murale in Basilicata, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettini Industrie Grafiche ed Editoriali, 2000. G
  • Gaetano Lamattina, Ginestra Storia di un popolo, Salerno, Edizioni Dottrinari, 1987. 
  • Giuseppe Gentile, Storia Arte Testimonianze in Basilicata, Potenza, Zafarone e Di Bello, 1975.
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento