San Chirico Raparo e Viggiano: poesie della Val D’Agri.

0

Aulivë

‘Aulivë’ [auˈlivə] ‘Olivo’ è una poesia di Francesca Caputo. Il componimento, scritto nel dialetto di San Chirico Raparo, ha preso parte al II concorso di poesia dialettale, indetto dal Centro Internazionale di Dialettologia (C.I.D.) nel 2018. La poesia è un omaggio all’albero di olivo, un albero dalla bellezza maestosa, simbolo di pace, da sempre protagonista della storia dell’uomo. Il componimento è costituito da 54 versi distribuiti in sette strofe. Di seguito se ne riporta la trascrizione nell’Alfabeto dei Dialetti Lucani (A.D.L.) e la relativa traduzione in italiano.

 

 

Assaië puturusë, fòrtë e arrarëcatë,

na chianda r’aulivë parëtë,

ra quannë u Patratèrnë cci_à ccriátë

(g)asprë, cu cchilla fattézza sëcularë,

ma u fruttë suë è ggrassë e sapuritë

ca a malvizza cë guvèrnë a ppurë.

 

Ra ssa chianda na pallummèlla

Ròppë quaranda iuórnë rë tëmbèsta

purtáitë mmucca nu ramëstiéllë

ppë ricë all’Uómmënë rë fà fèstë.

A vulundà rë  Ddíjë fuië a ffattë,

Tèrra e Ciélë s’aviénë appaciatë,

rë quanda chiandë avié ccriátë

r’aulivë turnáitë ammaššata.

 

Na rumènëchë Ggiesù Cristë

nda Tèrra Sanda së në ivëtë

cu nna parma r’aulivë a vvistë

ngruppa a nnu ciuccë trasivëtë.

Quannë ra šóglia passáitë

lë ggèndë purë bbuónë accuglivënë!

Num_bòzzë crèrë cómë ròppë furnivëtë

quannë u nghiuváinë supa a nnu líunë!

 

Ra tannë ssa chianda facivë a ffurtuna!

Òië tuttë quandë a vanë truvènnë!

Nda ll’uórtë fatë a patrunë,

bbòna purë ppë ccurà lë malannë.

Tòrta a cippaia cu pullunë nfigliulatë,

raspèndë a scòrzë e tturciniata,

nda tèrra (g)arsë sfòchëtë cu ppiacèrë

chillë ca parënë millë pënziérë.

 

Quannë chiòvëtë ròppë iéssëtë u sòlë

e cchillë fraschëtèllë su ccómë n_argiéndë,

šauriénnë num_bèrdënë culòrë

finanghë a niva cë parëtë n_urmamèndë:

a vvambë rë fuóchë assumigliënë

ra u viéndë aulivë vattutë!

Frunnë e ramë arravògliënë

u virdë pannë nghiuppatë.

 

Nu iatë accarizzëtë lë ianghë fiurillë

puè lë  ngènëtë andu mèsë rë giugnë,

(g)rapënë a vía a lu cuccëtiéllë

quannë casculanë nda rë luglië.

Crëššènnë crëššènnë së nvërdiššënë,

chianë chianë së ngròssëtë a Maiatichë,

puórcë sëlvaggë ra suttë cë paššënë

ndramèndë ca chillë s’annivrichëtë.

Ra chilla cuéccë órë culatë

nda panza ru përalë së cungògliëtë,

ndu trappitë unë cu ll’atë

fanë a ggara a qqualë mèglië sapëtë.

 

Rë lë Tèrrë nuóstë ètë a Rëggina:

ggèndë andichë a llëvavë, a ruravënë ll’atë!

Mò tu cunzigliënë ppë ògnë ccucina:

uóglië a ccrurë supë u panë arruššatë!

 

 

 

Tanto poderosa, forte e radicata

una pianta d’olivo sembra,

da quando il Padreterno l’ha creata

aspra, con quella fattezza secolare,

ma il suo frutto è grasso e saporito

che anche il torno nutre.

 

Da questa pianta una colomba

dopo quaranta giorni di tempesta

portò in bocca un rametto

per dire agli Uomini di far festa.

La volontà di Dio fu fatta,

Terra e Cielo si erano rappacificati,

di quanti alberi aveva creato

dall’olivo tornò la notizia.

 

Una domenica Gesù Cristo

se ne andò a Gerusalemme

con una palma d’olivo ben in vista

sulla groppa di un asino entrò.

Quando oltrepassò la soglia (della città)

le genti lo accolsero anche bene!

Non posso credere come finì dopo

quando lo inchiodarono su un legno!

Da allora questa pianta fece fortuna!

Oggi tutti quanti la vanno cercando!

Negli orti fa la padrona,

buona pure per curare i malanni.

La ceppaia è ritorta con i giovani polloni,

ruvida la corteccia e attorcigliata,

nella terra arida scarica con piacere

quelli che sembrano mille pensieri.

Quando piove dopo esce il sole

e quelle foglioline sono come un argento,

asciugandosi con perdono colore

perfino la neve ci sembra un ornamento:

a fiamme di fuoco sembrano

dal vento gli olivi percossi!

Fronde e rami attorcigliano

la verde chioma folta.

Un alito accarezza i bianchi fiorellini

poi li impollina nel mese di giugno,

aprono la strada ai piccoli acini

quando c’è la cascola a luglio.

Crescendo crescendo inverdiscono,

pian paino ingrossa la Maiatica,

i cinghiali sotto ci pascolano

nel mentre che quelli anneriscono.

Da quei frutti oro colato

Nella pancia dell’otre si raccoglie,

al frantoio gli uni gli altri

fanno a gara a quale è il migliore.

Delle nostre Terre è la Regina:

gli antichi la coltivavano, la veneravano altri!

Ora te lo consigliano per tutte le portate:

olio crudo su pane abbrustolito!

 

‘Aulivë’ ci permette di descrivere alcune caratteristiche del dialetto di San Chirico Raparo, p.d.r. 100 dell’Atlante Linguistico della Basilicata (A.L.Ba.). Geograficamente collocato nel cuore della Lucania, San Chirico, da un punto di vista linguistico, si posiziona all’interno della Mittelzone, la zona centrale dell’area Lausberg. Quest’area, collocata nel sud della nostra regione, presenta un sistema vocalico tonico di tipo sardo e la conservazione delle antiche desinenze verbali latine –S e –T elementi che mostrano la sua arcaicità.

Le vocali accentate, quando in posizione finale si trovano /i/ e  /u/, mutano: /ɛ/ dittonga in [je]: al verso 36 del nostro componimento abbiamo vndë [ˈvjendə] ‘vento’. Possiamo ricavare altri esempi dalle ricerche del C.I.D.: p [ˈpjerə] ‘piedi’, r  [ˈrjeʧə] ‘dieci’, vrnë [ˈvjernə] ‘inverno’. La /ɔ/ presenta varie realizzazioni fonetiche: al verso 8 abbiamo irnë [ˈjwornə] ‘giorno’, al verso 25 uortë [ˈwortə] ‘orto’, all’ultimo verso uoglië [ˈwoʎ:ə] ‘olio’. Le ricerche del C.I.D. mostrano che si registrano vari dittonghi oltre uo [wo]  anche uë [wə] e wè [wɛ].  Dati recentemente raccolti, evidenziano che per i parlanti di età superiore ai 65 anni, uë [wə] e uè [wɛ] sono gli esiti a maggiore frequenza d’uso. Così, oltre a  irnë [ˈjwornə] ‘giorno’ e uommënë [ˈwom:ənə] ‘uomini’ (versi 8 e 10 della nostra poesia) l’A.L.Ba. segna irnë [ˈjwərnə] e irnë [ˈjwɛrnə] e mmënë [ˈwəm:ənə] e mmënë [ˈwɛm:ənə]. Altri esempi ricavabili dal IV volume dell’A.L.Ba.  sono zppë [ˈtswəp:ə], zppë [ˈtswɛp:ə], zppë [ˈtswop:ə] ‘zoppo/-i’ e (g)rssë [ˈɣrwəs:ə], (g)rssë [ˈɣrwɛs:ə], (g)rssë [ˈɣrwos:ə] ‘grosso/-i’.

Per quanto concerne le antiche desinenze verbali latine, l’A.L.Ba. segna –S e –T per la II e III persona singolare del presente indicativo: per esempio sputësë [ˈsputəsə] ‘sputi’ e sputëtë [ˈsputətə] ‘sputa’. La desinenza –T è presente nel componimento sia per il presente che per il passato con l’aggiunta di una vocale indistinta: fatë [ˈfatə] ‘fa’ al verso 25, chiòvëtë [ˈkjɔvətə] ‘piove’ e iéssëtë [ˈjes:ətə] ‘esce’ al verso 31, ètë [ˈɛtə] ‘è’ al verso 51, ivëtë [ˈivətə] ‘andò’ al verso 16,  trasivëtë [traˈsivətə] ‘entrò’ al verso 18, passáitë [paˈs:aitə] ‘oltrepassò’ al verso 19, etc.

Altra caratteristica fonetica del dialetto sanchirichese è il rotacismo: l’occlusiva dentale sonora, iniziale di parola o intervocalica (-)D-  si trasforma in vibrante alveolare (-)r-. Al verso 8 leggiamo rë [rə] ‘di’, al verso 8 ròppë [ˈrɔp:ə] ‘dopo’, al verso 48 ralë [pəˈralə] ‘vaso per l’olio’, al verso 54 crurë  [ˈkrurə] ‘crudo’.

La poesia ci permette di osservare inoltre, un altro tratto fonetico del nostro dialetto. Al verso 52 troviamo ll’atë [ˈl: ̮ atə] ‘gli altri’. Quando l’articolo determinativo precede una parola iniziante per vocale tonica la L dell’articolo ha una realizzazione fonetica doppia. I dati dell’A.L.Ba. registrano ll’ugnë / ll’ógnë [ˈl: ̮ uɲ:ə]/ [ˈl: ̮ oɲ:ə] ‘l’unghia’, ma l’autunnë [l ̮ auˈtun:ə]‘l’autunno’: in ‘l’autunno’ la L è scempia perché l’accento non cade sulla prima sillaba.

A proposito della realizzazione fonetica della -LL- e della -L- latine, San Chirico Raparo, presenta un esito unico nel panorama linguistico lucano: -LL- e -L- possono tanto presentare la realizzazione fonetica originaria  l [l]e ll [l:]-, quanto evolversi in laterale retroflessa [ɭ] e ḷḷ [ɭ:]. In A.L.Ba., per esempio, troviamo sia millë [ˈmil:ə] che miḷḷë [ˈmiɭ:ə] ‘mille’, sia pilë [ˈpilə] che pië [ˈpiɭə] ‘pelo/-i’.

Il concorso di poesia dialettale organizzato dal C.I.D. ci permette di apprezzare la moltitudine e la bellezza delle lingue lucane. Grazie all’autrice che, prendendo parte al nostro concorso, ci ha permesso di ‘svelare’ alcune caratteristiche del dialetto sanchirichese, una lingua tutta da scoprire e da studiare.

Irene Panella

 

 

 

 

 

 

 

Calanë lë mbrišanë

 

La poesia Calanë lë mbrišanë “Scendono le ombre”, scritta da Mario Pisani nel dialetto di Viggiano, è tra i 72 componimenti che hanno partecipato al II concorso per componimenti poetici dialettali lucani indetto dal Centro Internazionale di Dialettologia. Viggiano rappresenta un unicum nel panorama dialettale lucano in quanto presenta un vocalismo tonico di tipo siciliano, sia in ambito palatale che in ambito velare, con le vocali alte anteriore ị [ɪ] e posteriore ụ [ʊ].

In seguito a studi condotti in seno al Progetto ALBa. sono state avanzate alcune ipotesi sulle cause della diffusione del vocalismo siciliano a Viggiano.

Viggiano, luogo montuoso e impervio, fu sede di numerosi insediamenti monastici bizantini. Una prima migrazione di monaci italo-greci si ebbe intorno al VI-VII secolo. Una seconda migrazione si ebbe invece nel IX secolo, in concomitanza con l’invasione della Sicilia da parte degli arabi. I monaci italo-greci furono sospinti dalla Sicilia e dalla Calabria sempre più a nord proprio dall’invasione araba, raggiungendo Viggiano per la sua posizione strategica. Con i monaci si muovevano altre persone fuggiasche che contribuirono a rafforzare l’elemento bizantino. È probabile che gruppi di persone provenienti dall’estremo sud della penisola, spinte dalle incursioni saracene, cominciarono a spostarsi cercando di raggiungere i confini dell’impero bizantino, trovando protezione proprio presso le comunità monastiche. Questo, nello specifico, è quanto affermato dalla Dantonio durante il suo intervento al II Convegno Internazionale di Dialettologia Dialetti: per parlare e parlarne, organizzato nel 2010 dalla Prof.ssa del Puente e dal suo gruppo di ricerca.

Oggi i viggianesi sono consapevoli dell’unicità del proprio dialetto rispetto a quello dei paesi circostanti, durante le indagini sul campo sono state anche registrate affermazioni come: «Noi a Viggiano usiamo molto la i».

Anche gli abitanti dei paesi circostanti, soprattutto nel passato, avvertivano le differenze fonetiche tanto da definire i viggianesi i ‘tingə ‘tingə, i ‘tengo tengo’.

Ma ora soffermiamoci sulla poesia. L’autore, Mario Pisani, è un attento osservatore e ascoltatore del suo dialetto. Presente a tutti gli incontri di dialettologia tenuti dalla Prof.ssa Del Puente a Viggiano, si è avvalso della collaborazione del Centro Internazionale di Dialettologia, nella persona della ricercatrice Teresa Carbutti, per il suo lavoro Më lassèttë rịttë tatta “Mi lasciò detto mio padre” che ha visto la luce lo scorso anno.

Il componimento Calanë lë mbrišanë trascritto in ADL (Alfabeto Dialetti Lucani) di seguito, con relativa traduzione in italiano, è composto da 36 versi:

Mbartë a sịra cu l’aria stëmbrata

ròppë u cavërë rë tutta na iurnata,

quannë calanë lë mbrišanë

scapëla lu vuia u ualanë,

attizza u fuchë a massara

e vvai a rrammarrà u (g)uaddënarë

nnandë ca vénë a vvụddë a caruwarë.

Cum’accumènza a ffà lụstria a puddara

s’arròtënë tutt’attụrnë a tavëlë,

e nzèmmëlë na chiacchiëra së facënë,

u uagliụnë (g)ịnghia a (g)alètta au uarëlarë

e a sòra rëvaca lë fasula a ra pignata

nda lë tagliulịna, pë lë fa ammammà

mittịnnë rë sịmmëtë, pë u iurnë apprissë,

lë pitazzèddë ra: còria ngandarata.

Ròppë u Signurë ringraziatë,

cu ru bbènë rë Ddijë ca l’à mmannatë,

ognarụnë piglia n’ammaššata,

attanë nziva lë scarp’e lë (g)ammalë,

lë fịmminë šacquënë lë ruagnë ndu: ciulịšë

iuna l’annétta e l’ata assingịra,

chi prịpara u crịššë e cchi a lissija,

u vicchiariddë a nu pundụnë sërụtë,

cunda lë fattariddë a lë nëpụtë,

affinë ca a nòra nu lu bbaië a scụnzà,

e ppë gliummërà a matassa, lë manë adda parà.

Sëratë iurdënarië e iurnatë talë e qqualë

scappịttë zịnnë e affumëcate

fazzatụrë minzë vacandë,

ma ggèndë rë còrë e rrëspëttandë

ca nun facịjënë na rafanata

së nunn_a facịjënë assaggià ndu: vëcinatë,

chissë ièranë lë timba ca sụ statë.

Së a ggèndë nustë turnèrënë ra ndu: passatë

a bbërì stu munnë cumë l’amë cumbënatë,

rë cèrtë së n’abbru(g)ugnèrënë rë n’avì ngënitatë.

Verso sera con l’aria più fresca

dopo il caldo dell’intera giornata,

quando scendono le ombre

toglie i finimenti ai buoi il bavaro,

ravviva il fuoco la massaia

e va a socchiudere la porta del pollaio

intanto che bolle la pentola.

Come incomincia ad illuminarsi la polare

si ritrovano tutti a tavola,

e insieme scambiano delle chiacchiere,

un ragazzo riempie la brocca al porta barili

e la sorella svuota i fagioli dalla pignatta

nei tagliolini, per farli amalgamare

separando, per il giorno seguente,

i pezzi di cotiche.

Dopo aver ringraziato il Signore,

per quel ben di Dio che egli ha mandato,

ognuno ha un suo da fare,

il padre lucida le scarpe e i gambali

le donne lavano le stoviglie nell’acqua di cottura della pasta

una asciuga e l’altra sciacqua,

chi prepara il lievito e chi il detergente

il vecchietto in un angolo seduto,

narra dei racconti ai nipoti,

fin quando la nuora non va a disturbare,

e per raggomitolare la matassa, le mani deve tendere,

serate ordinarie e giornate uguali,

casolari piccoli e affumicati

e madie quasi vuote,

ma persone nobili d’animo e rispettose

che non facevano la rafanata

se non la facevano assaggiare al vicinato,

questi erano i tempi che sono stati.

Se i nostri progenitori risorgessero

a vedere questo mondo come lo abbiamo stravolto,

di certo si vergognerebbero di averci generato.

 

Il componimento poetico descrive uno spaccato di vita quotidiana dei “tempi che sono stati”.

Al tramonto del sole, la famiglia si riunisce a tavola ringraziando il Signore per il pasto, seppur frugale. Dopo cena, ognuno si occupa dei propri compiti: il padre lucida le scarpe e i gambali; le donne lavano le stoviglie nell’acqua di cottura della pasta, preparano il lievito per la lavorazione del pane del giorno seguente e il detergente per lavare i panni; il nonno narra dei racconti ai nipotini fin quando non è interrotto dalla nuora che gli chiede aiuto per raggomitolare la matassa.

Serate ordinarie, sempre uguali a se stesse, in piccoli e umili casolari anneriti dal fumo del focolare.

Nonostante le condizioni in cui vivevano, però, le persone erano rispettose e “nobili d’animo” tanto da condividere anche una pietanza umile, come la “rafanata”, con il vicinato.

Mario Pisani chiude la sua poesia in maniera molto dura affermando che se i nostri progenitori risorgessero e vedessero come abbiamo reso il mondo, sicuramente si vergognerebbero di averci generato.

 

Questa poesia dal punto di vista linguistico è molto interessante perché fornisce diversi esempi di termini dialettali che designano con immediatezza oggetti e azioni che necessitano di perifrasi nella lingua italiana come, ad esempio: v. 15 còria ngandarata [‘kɔrja ŋganda’rata] ‘cotica conservata sotto sale’, v. 19 nziva lë scarpë [‘nziva lǝ ‘skarpǝ] ‘tratta il cuoio delle scarpe con il grasso di ovini’.

 

Interessanti anche alcuni fenomeni e tratti linguistici del dialetto viggianese:

 

  • Raddoppiamento fonosintattico (RFS): rafforzamento della consonante iniziale di parole precedute da specifici termini come, ad esempio, la preposizione a da AD, la congiunzione e da ET. I termini che causano tale rafforzamento sono quelli che in latino terminavano per consonante:
  1. v.6 e vvai [e ‘v:ai]‘e va’;
  2. v.7 a vvụddë [a ‘v:ʊd:ə]‘a bollire’;
  3. v.8 a ffà [a f:a]‘a fare’;
  4. v.22 e cchi [e k:i]‘e chi’;
  5. v.27 talë e qqualë [‘talə e ‘k:walə] ‘uguali’;
  6. v.30 e rrëspëttandë [e r:əspə’t:andə]‘e rispettose’;
  7. v.35 a bbërì [a b:ə’ri]‘a vedere’;

 

  •  Evoluzione di (-)G- in (-)(g)-: l’indebolimento della (-)G- iniziale di parola o in posizione intervocalica:
  1. v.6 (g)uaddënarë [ɣwad:ǝ’narǝ] letteralmente ‘gallinaio’, in italiano ‘pollaio’;
  2. v.19 (g)ammalë [ɣa’m:alǝ ]‘gambali’;
  3. v.36 n’abbru(g)ugnèrënë [n_ab:ruɣu’ɲ:ɛrǝnǝ] ‘se ne vergognerebbero’.

 

  • Evoluzione di -LL- in -dd-: la laterale geminata (cioè doppia) originaria in posizione intervocalica diventa dentale geminata (cioè doppia):
  1. v.6 (g)uaddënarë [ɣwad:ǝ’narǝ] letteralmente ‘gallinaio’, in italiano ‘pollaio’;
  2. v.7 a vvụddë [a ‘v:ʊd:ə]‘a bollire’;
  3. v.23 vicchiariddë [vik:ja’rid:ə] ‘vecchierello’;
  4. v.24 fattariddë [fat:a’rid:ə] ‘fatterelli’

 

  •  Sonorizzazione della consonante sorda che segue una consonante nasale: qualunque consonante viene sonorizzata da una precedente nasale: -NT- diventa –nd-, -NC- diventa –ng, MP- diventa -mb-; se la consonante è già sonora si assimila completamente alla nasale:

-ND- diventa -nn-, -MB- diventa -mm-:

  1. v.3 quannë [‘kwan:ə] ‘quando’;
  2. v.19 (g)ammalë [ɣa’m:alǝ] ‘gambali’;
  3. v.29 vacandë [va’kandǝ] ‘vacante’
  4. v.30 e rrëspëttandë [e r:əspə’t:andə]letteralmente ‘e rispettanti’, in italiano ‘e rispettose’;
  5. v.29 timba [‘timba] ‘tempi’
  6. v.34 ggèndë [‘d:ʒɛndə] ‘gente’;
  7. v.35 munnë [‘mun:ə] ‘mondo’.

 

  • Vocalismo tonico siciliano: come già anticipato, il dialetto viggianese presenta un vocalismo tonico di tipo siciliano con le vocali alte anteriore ị [ɪ] e posteriore ụ [ʊ] in luogo delle attese é [e]ed ó [o]del più diffuso vocalismo romanzo-occidentale:

 

  1. v.1 sịra [‘sɪra] ‘sera’;
  2. v.11 uagliụnë [wa’ʎ:ʊnə] ‘ragazzo’;
  3. v.20 fịmminë [‘fɪm:inə] ‘donne’;
  4. v.24 nëpụtë [nə’pʊtə] ‘nipoti’.

 

A conferma della sicilianità di Viggiano, anche un altro tratto interessante: l’uscita in -a dei sostantivi maschili plurali. Questa desinenza -a è diffusa nei dialetti meridionali, ma viene limitata a concetti inanimati; solo nella Calabria meridionale e in Sicilia viene usata per termini che designano persone o animali. Ciò avviene anche a Viggiano, infatti, al v. 4 troviamo la forma lë vuia [lǝ ‘vuja] per ‘i buoi’.

 

È di soli pochi giorni fa la scadenza del bando per partecipare alla IV edizione del concorso per componimenti poetici dialettali lucani. Per questa edizione è stata aperta anche una speciale sezione dedicata ai bambini perché le lingue locali possono continuare a vivere solo se sono loro a parlarle, conservarle e tramandarle. Anche quest’anno è arrivato un numero considerevole di poesie a conferma della sinergia esistente tra il Centro Internazionale di Dialettologia e i lucani nell’opera di tutela e salvaguardia dei dialetti.

Giovanna Memoli

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento