Grassano: tra lingua e costume

0

1.La lingua di Grassano

Grassano p.d.r. n.39 dell’A.L.Ba.(Atlante Linguistico della Basilicata) è un borgo della provincia di Matera situato nella parte centro-orientale della nostra regione, tra le valli del fiume Bradano e Basento. L’origine del toponimo è da ricondurre ad un nome di persona latino di carattere gentilizio GRASSIUS o CRASSIUS. Il paese conta 4984 abitanti, il suo nome dialettale è (g)rassanë  [ɣraˈsːanə] e quello dei suoi abitanti (g)rassanisë [ɣrasːaˈnisə].

<<…Grassano mi pareva quasi ricchezza, e la maggiore vivacità della gente, il diverso dialetto, con i suoi rapidi suoni pugliesi, mi davano l’impressione di essere quasi in una città piena di vita…>>

questa è una delle tante descrizioni che ne fa Carlo Levi nel Cristo si è fermato ad Eboli.  Levi nota un ‘dialetto diverso’.

In effetti la Basilicata, come si è più volte sottolineato, presenta 131 comuni ma più di 131 parlate.

La lingua di Grassano è uno dei numerosi tesori che formano il corredo linguistico lucano e presenta i seguenti fenomeni evolutivi:

 

  • sensibilità alla struttura sillabica:

nel grassanese la Ē latina diventa é /e/ in sillaba aperta ed è /ɛ/ in sillaba chiusa ad esempio CĒRA > cérë [ˈʧerə] ‘cera’ ma STĒLLA > stèllë [ˈstɛlːə] ‘stella’.

La Ĕ latina diventa é /e/  in sillaba aperta ed ed è /ɛ/ in sillaba chiusa ad esempio PĔDE > pédë [ˈpedə] ‘piede’ mentre DĔNTE >  dèndë [ˈdɛndə] ‘dente’.

La Ō latina in sillaba aperta diventa ó /o/ ad esempio NEPŌTE > nëpótë [nəˈpotə] ‘nipote’ mentre in sillaba chiusa diventa ò /ɔ/ ad esempio FRŌNTE > fròndë [ˈfrɔndə] ‘fronte’.

La Ŏ latina diventa ó /o/ in sillaba aperta ad esempio CŎRE > córë [ˈkorə] ‘cuore’ mentre in sillaba chiusa diventa ò /ɔ/ ad esempio ŎCTO > òttë [ˈɔtːə] ‘otto’.

Il fenomeno interessa non solo le vocali medie sia in ambito palatale che velare ma anche le vocali alte:

la Ī latina in sillaba aperta diventa i /i/ ad esempio GINGĪVA > sangilë [sanˈʤilə] ‘gengiva’ mentre in sillaba chiusa alterna due diversi esiti i /i/ e /ɪ/ ad esempio QUĪNQUE > cinghë  o cịnghë [ˈʧingə] o [ˈʧɪngə] ‘cinque’.

La Ǐ latina diventa é /e/ in sillaba aperta ad esempio NǏVE > névë [ˈnevə] ‘neve’ mentre in sillaba chiusa diventa è /ɛ/ LǏNGUA > lènghë [ˈlɛngə] ‘lingua’.

La Ū in sillaba aperta diventa u /u/ ad esempio ŪNUM > unë [ˈunə] ‘uno’ mentre in sillaba chiusa alterna  u /u/ ed /ʊ/ ad esempio LŪCTU >  luttë o lụttë [ˈlutːə] o [ˈlʊtːə] ‘lutto’.

La Ŭ in sillaba aperta diventa ó /o/ ad esempio CRŬCE > crócë [ˈkroʧə] ‘croce’ mentre in sillaba chiusa diventa ò /ɔ/ ad esempio SŬRDA > sòrdë [ˈsɔrdə]’sorda’.

La a /a/ invece rimane invariata tanto in sillaba aperta quanto in sillaba chiusa;

 

  • l’indebolimento della G- iniziale di parola o in posizione intervocalica: (-)G- diventa (g): questo fenomeno lo si può notare già nel nome del paese e in quello dei suoi abitanti (g)rassanë [ɣraˈsːanə] e (g)rassanisë [ɣrasːaˈnisə]. Ma abbiamo anche altri esempi: (g)ammë [ꞌɣamːə] ‘gamba’, a(g)ustë [aꞌɣustːə] ‘agosto’, la(g)ënaturë [laɣənaꞌturə] ‘matterello’;

 

  • laterale geminata (doppia) latina –LL- diventa occlusiva dentale sonora –dd- ad esempio:

spaddë [ˈspadːə] ‘spalla’

pèddë [ˈpɛdːə] ‘pelle’

cuddë [ˈkudːə] ‘collo’

capiddë [kaˈpidːə] ‘capelli’;

 

  • betacismo: come per la maggior dei dialetti della Basilicata, anche il dialetto di Grassano presenta questo fenomeno ossia l’evoluzione di B-  del latino in v- [v]- ad esempio:

vasë [ˈvasə] ‘bacio’

vòcchë [ˈvɔkːə] ‘bocca’.

 

  • evoluzione della sequenza latina G+E,I in  š- [ʃ]-  (-)G+E,I in (-)š- (-)[ʃ]- sia all’inizio che all’interno di parola ad esempio:

šinërë [ˈʃinərə] ‘genero’

šënnarë [ʃəˈnːarə] ‘gennaio’

šuvëdijë [ʃuvəˈdijə] ‘giovedì’

óšë [ˈoʃə] ‘oggi’;

 

  • anche la lingua di Grassano presenta il fenomeno della metafonia che interessa le vocali medie alte e basse /e/, /ɛ/ ed /o/, /ɔ/ che, influenzate dalla -i o dalla -u in posizione finale, subiscono mutamento, ad esempio:

u pédë [u ‘pedə]‘il piede’, i pidë [i ‘pidə]‘i piedi’

u dèndë [u ˈdɛndə]‘il dente’ , i dindë [i ‘dində ]  ‘i denti’;

 

  • gli articoli determinativi del dialetto di Grassano sono:

u [u]per il maschile singolare ad esempio u félë [u ˈfelə]‘il fiele’;

i [i]per il maschile plurale ad esempio i umëtë [i ˈumətə]‘i gomiti’;

a [a]per il femminile singolare a faccë [a ‘fatːʃə]‘la guancia’;

i [i]per il femminile plurale i lëndècchië [i lən’dɛkːjə]‘le lentiggini’.

Se i sostantivi iniziano per vocale, indipendentemente dal loro genere e numero, l’articolo sarà l’  [l].

l’ucchië [‘l_ukːjə] ‘l’occhio’, l’ucchië [‘l_ukːjə]  ‘gli occhi’;

l’ògnë [‘l_ɔɲːə] ‘l’unghia’, l’ògnë [‘l_ɔɲːə] ‘le unghie’;

 

  • la lingua di Grassano, come la maggior parte dei dialetti meridionali, pospone i possessivi con i nomi di parentela:

attanëmë [aˈtːanəmə] ‘mio padre’

fratëmë [ˈfratəmə] ‘mio fratello’

sòrëmë [ˈsɔrəmə] ‘mia sorella’

frattë [ˈfratːə] ‘tuo fratello’

figghiëmë [ˈfigːjəmə] ‘mio figlio’

cugginëmë [kuˈdːʒinəmə] ‘mio cugino’

 

 

2.Uno sguardo all’A.L.Ba.

La Basilicata, ancor più di altre regioni italiane, dal punto di vista linguistico, offre un panorama che definire affascinante è riduttivo.

La nostra regione, infatti, seppur non particolarmente estesa, appare agli occhi degli studiosi una miniera a cielo aperto, inesauribile.

Le carte che in questa sede si vogliono proporre sono tratte dalla I sezione del IV volume dell’Atlante Linguistico della Basilicata e, anche se trattano di un argomento che per quanto molto implicito nella vita dell’uomo risulta da sempre poco gradevole, sono molto interessanti dal punto di vista linguistico in quanto per il verbo ‘morire’ le lingue lucane selezionano ausiliare ‘essere’ o ‘avere’ a seconda della persona. Ecco perché nel IV volume dell’A.L.Ba. sono state considerate le forme delle III persone singolari e plurali. Dalle inchieste condotte per la compilazione del IV volume dell’A.L.Ba è emerso che solo l’estremo sud della Basilicata presenta l’ausiliare ‘avere’ e, soprattutto per le terze persone singolari e plurali, l’area si riduce ai soli paesi di:

Calvera p.d.r 105 di A.L.Ba.: à mmuórtë [a ˈmːwortə]‘è morto’ / anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’;

Carbone p.d.r. 108 di A.L.Ba.: à mmuórtë [a ˈmːwortə]‘è morto’ / anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’;

Castelluccio Inferiore p.d.r. 127 di A.L.Ba.: à mmurtë [a ˈmːurtə]‘è morto’/ anë murtë [ˈanə ˈmurtə] ‘sono morti’;

Castronuovo di Sant’Andrea p.d.r. 101 di A.L.Ba.: à mmuórtë [a ˈmːwortə]‘è morto’ / anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’;

Roccanova p.d.r. 97 di A.L.Ba.: à mmuórtë [a ˈmːwortə]‘è morto’ / anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’;

San Chirico Raparo p.d.r. 100 di A.L.Ba.: à mmuórtë [a ˈmːwortə]‘è morto’ / anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’;

Teana p.d.r. 110 di A.L.Ba.: à mmuórtë [a ˈmːwortə]‘è morto’ / anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’;

Viggianello p.d.r. 130 di A.L.Ba.: à mmòrtë [a ˈmːɔrtə]‘è morto’ / èno muórtë [ˈɛno ˈmwortə] ‘sono morti’;

Presentano l’ausiliare ‘avere’ ma solo per la III persona plurale anche le parlate di Calciano p.d.r.46 di A.L.Ba. annë murtë [ˈanːə ˈmurtə] ‘sono morti’, Calvello p.d.r. 68 di A.L.Ba. annë muórtë [ˈanːə ˈmwurtə] ‘sono morti’e Craco p.d.r. 77 di A.L.Ba. anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’.

Nonostante l’ausiliare ‘avere’ sia più presente nella zona meridionale della Basilicata, anche nell’area centro-nord della nostra regione è presente un gruppo molto esiguo di paesi che lo conservano come ausiliare del verbo ‘morire’.

Tra queste parlate c’è proprio quella di Grassano che presenta le seguenti forme: ava mmurtë [ˈava ˈmːurtə] ‘è morto’ / ana murtë [ˈana ˈmurtə] ‘sono morti’ mentre tutti i paesi limitrofi presentano ‘essere’.

 

 

Oltre a Grassano gli altri paesi del centro-nord che presentano ‘avere’ sono:

Irsina p.d.r. 27 di A.L.Ba. à mmurtë [a ˈmːurtə]‘è morto’ / annë murtë [anːə ˈmurtə] ‘sono morti’;

San Chirico Nuovo p.d.r.33 di A.L.Ba. à mmụrtë [a ˈmːʊrtə]‘è morto’ / anë mụrtë [ˈanə ˈmʊrtə] ‘sono morti’;

Ruoti p.d.r.30 di A.L.Ba. à mmuórtë [a ˈmːwortə]‘è morto’ / anë muórtë [ˈanə ˈmwortə] ‘sono morti’;

Tolve p.d.r.31 di A.L.Ba. à mmurtë [a ˈmːurtə]‘è morto’ / annë murtë [ˈanːə ˈmurtə] ‘sono morti’;

L’ausiliare più diffuso, originariamente, anche con i verbi intransitivi, doveva essere ‘avere’ a cui si è sostituito o si sta sostituendo ‘essere’. La situazione di Calciano, Calvello e Craco dimostra che tale fenomeno si diffonde seguendo una scala implicazionale nella quale ad essere colpita dal mutamento è prima la terza persona singolare e poi quella plurale.

Il dialetto di Grassano, quindi, rientra nel gruppo di quei pochissimi dialetti del centro-nord che custodisce ancora un tratto linguistico molto arcaico ecco perché la lingua di Grassano, come tutte le lingue lucane, è un piccolo tesoro da preservare e salvaguardare.

 

 

3.La pacchiana 

 

Proprio come accadeva un tempo, quando l’abito tradizionale identificava una data area di provenienza e rappresentava un elemento identitario che segnalava l’appartenenza a una determinata comunità, anche oggi, il costume femminile di Grassano, soprannominato a pacchianë  [a paˈk:janə]‘la pacchiana’, è, per i grassanesi, il segno identificativo del proprio paese, l’elemento tradizionale che raccoglie in sé il senso di appartenenza dell’intera comunità. Ma oltre a essere il ‘simbolo’ di Grassano per eccellenza, ‘la pacchiana’ è anche un bellissimo viaggio, nel costume, nella lingua e nella società delle donne di un tempo. L’abito, che era anche espressione dello status economico delle famiglie, ci permette di conoscere un aspetto particolare del vivere quotidiano delle nostre nonne, nonché un lessico dialettale specifico, la cui ricchezza è già espressione della ‘complessità’ dell’abito stesso. Vediamone nello specifico le caratteristiche.

A cammësólë [a kam:əˈsolə]‘la camiciola’ e i mëtandunë [i mətanˈdunə]‘i mutandoni’ costituivano il vestiario intimo delle donne grassanesi più abbienti in quanto erano in tessuto di mussola e ornati con del pizzo. Su di essi veniva indossata a cammësòttë [a kam:əˈsɔt:ə]‘la sottana’ vera e propria. Generalmente a cammësòttë costituiva l’unico abito intimo delle donne meno agiate.

Sulla sottana veniva poi sistemata a cammisë [a kaˈm:isə]‘la camicia’. Si trattava di un capo abbastanza elaborato con scollatura rotonda e dotata di due pieghe verticali, a cannoncino, poste centralmente, tanto sul davanti che sul di dietro; le maniche, che diventavano, scendendo verso le mani, più ampie, erano arricciate all’estremità, dall’arricciatura, poi, partivano dei ‘polsini’, lavorati a ccuzzëlècchië [a k:ut:səˈlɛk:jə]‘a nido d’ape’.

Sulla camicia veniva posizionato u curpèttë [u kurˈpɛt:ə]‘il corpetto’: in tessuto rigido, il corpetto  era rinforzato da stecche rigide e tenuto fermo da cordoncini incrociati che passavano attraverso piccoli fori laterali. Essi venivano incrociati e allacciati o sul davanti o sul di dietro. Parte integrante del corpetto era a faššëtèllë [a faʃ:əˈtɛl:ə]che poteva essere realizzato in vari tessuti (le donne di alto rango usavano il raso), o bianco o colorato, essa ricopriva il seno, fungendo da ‘reggiseno’ esterno. Sotto il corpetto e alla base da: faššëtèllë veniva posizionato un ‘aggeggio’ fatto generalmente di cartone e ricoperto da tessuto morbido di forma triangolare e con la punta rivolta verso l’ombelico, u bbëttigghië [u b:əˈt:ig:jə]o u pëttigghië [u pəˈt:ig:jə]che aiutava a reggere il seno e a spingerlo verso l’alto.

Infine, su un cuscinetto imbottito di forma cilindrica posizionato da un fianco all’altro, veniva appoggiata la gonna, soprannominata u suttanillë  [u sut:aˈnil:ə]: essa era ampia, nera e lunga fino alla caviglia. Mentre la parte posteriore della gonna era pieghettata, la parte centrale anteriore era costituita da un tessuto più pesante; inoltre, sul davanti, un’apertura sulla destra permetteva di inserire una sorta di tasca legata in vita con dello spago, il cosiddetto cuššalë [kuˈʃ:alə]. All’interno du: cuššalë  le donne conservavano o chiavë  [ˈkjavə] ‘chiave’, chërtiddë [kərˈtid:ə] ‘coltello’ e dëštalë  [dəˈʃtalə] ‘ditale’ o, nel periodo della Quaresima,  fafë arrëstutë [‘fafə ar:əˈstutə] ‘fave arrostite’, fichë sëccatë  [‘fikə səˈk:atə] ‘fichi secchi’ e sauzizzë  [sauˈtsit:sə ] ‘salsicce’. Sulla gonna poi veniva sistemato u sënalë [u səˈnalə]‘il grembiule’. Alla base della gonna inoltre, si poteva trovare una fascia bianca chiamata a pëté(g)ë [a pəˈteɣə]. La fascia, che veniva cucita e scucita all’occorrenza, era la parte della gonna che veniva lavata più frequentemente perché, toccando terra, si sporcava più facilmente ed era inutile lavare troppo spesso l’intero suttanillë.

Generalmente, per arricchire il vestito, sulle spalle veniva posto un fazzoletto nero che cadeva a punta sulla schiena e i cui lembi pendevano avanti alla gonna. L’abito era infine completato da un copricapo, un fazzoletto piegato ai quattro lati e ornato da merletti, che era di panno leggero d’estate e di stoffa pesante d’inverno: quello estivo era denominato u uannëlicchië [u wan:əˈlik:jə], quello invernale si chiamava u spra(g)aniddë [u spraɣaˈnid:ə].

Quando faceva freddo, sotto l’abito, le donne usavano i cauzittë [i kauˈtsit:ə]‘le calze’: bianche, erano di vammacia e arrivavano fin sotto il ginocchio, dove venivano fermate con una fettuccia, a capëššólë [a kapəˈʃ:olə]oppure con dello spago, u zucariddë [u tsukaˈrid:ə].

Parte integrante del modo di vestire e di apparire delle donne grassanesi era anche l’acconciatura dei capelli: la chioma divisa in due da una riga centrale, a scrimë [a ˈskrimə], era raccolta in due trecce laterali girate su loro stesse e fermate da forcine di osso, i spatuccë [i spaˈtut:ʃə]ai lati della testa. Le donne più abbienti (generalmente, esse venivano pettinate dalla ‘parrucchiera’ dell’epoca, a capérë [a kaˈperə]) usavano raccogliere le trecce in uno ‘chignon’: u tuppë [u ˈtup:ə]. Infine, sempre per le donne più agiate, non mancavano gli accessori: in occasioni speciali veniva indossata la collana soprannominata u settëpalmë [u sɛt:əˈpalmə](doveva essere lunga ben sette palmi) dotata o di un ciondolo a forma di pendente, u pondandiffë [u pɔndanˈdif:ə]o di un ciondolo generalmente rotondo, u bbërlòcchë [u b:ərˈlɔk:ə].

Il nostro viaggio termina qui, ma nell’immaginario resta ben impressa l’immagine della donna grassanese: una donna fiera con indosso la pacchiana.

 

4. Alfabeto dei Dialetti Lucani 

ADL_Grassano

 

Curatrici:

 1.La lingua di Grassano_ Teresa Graziano

 2.Uno sguardo all’A.L.Ba._ Teresa Graziano

3.La pacchiana_ Irene Panella

4. Alfabeto Dialetti Lucani _ ADL Grassano_ Teresa Carbutti

 

Come ogni anno ad agosto la rubrica si interrompe, torneremo a settembre con la certezza che andrà tutto bene.
A presto, sempre in difesa delle nostre meravigliose lingue!
Prof.ssa Del Puente e Gruppo di Ricerca CID

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento