La Basilicata meridionale: da occidente ad oriente

0

A Rrëviéllë

La poesia A Rrëviéllë, scritta da Angelamaria Gioioso, è stata pubblicata nel volume II CONCORSO DI “POESIA DIALETTALE LUCANA” 2018 a cura del Gruppo A.L.Ba.

Il volume, che raccoglie tutte le poesie, in tutto 69, partecipanti al Concorso indetto dal Centro Interuniversitario di ricerca in dialettologia “Max Pfister” è stato realizzato con il Fondo Etico della BCC Basilicata.

Il componimento poetico, trascritto di seguito in ADL (Alfabeto dei Dialetti Lucani) con la relativa traduzione, è costituito da 40 versi contraddistinti da una metrica libera con la presenza di due rime alternate (cuddinë [ku’dːinə] ‘collina’ v.1 / uózzëlinë [wotːsə’linə] ‘biancospino’ v.3; cuddinë [ku’dːinə] ‘collina’ v.32 / matinë [ma’tinə] ‘mattina’ v.34) e di una rima baciata (vëcchiariéllë [vəkːja’rjelːə] ‘vecchierello’ v.17 / ggiuvënuttiéllë [dːʒuvənu’tːjelːə] v.18).

 Ngòppë a tónna cuddinë

mmiézzë a aulivë argëndatë,

iurë e ggënèstrë e uózzëlinë,

Rëviéllë tutta së svëgliavë

a pprima matina…

 

Da na fënèstrë a l’atë e lavannarë

së passavënë a vócë

pë annà a llavà au iummë

e stènnë i pannë ianghë e ttèrsë

au sólë…

 

Së arrëtëravënë ca quasë èra séra,

cu a céstë ndèstë

e mmanë a cavëzéttë

c’aviénnë accummënzà

a pprima matina…

 

Sularinë, assëttatë a nu scalónë

fumava a pippë u vëcchiariéllë

s’arrëcurdavë quannë, ggiuvënuttiéllë,

 purtavë a serenatë a: uagliongèllë

c’u còrë ca vattíë sèmbë cchiù…

Pò, ròppë tutta quédda pace,

ohimé, la uèrra!

Là ssóttë, attòrnë au Cummèndë,

nun_zëndèttërë cchiù la “matutinë”

ma cambanë a mmartiéllë.

E bbómbë e li surdatë stralunatë

chi s’aspëttavë mai tanda ruvinë!

E nziémmë ai muórtë a fammë…

A uaragnarë u panë l’America lundanë…

Chi së në ièttë p’a disperaziónë,

 

e chi ngë rëmanèttë a ffà furtunë…

Dë Riviéllë e na vòtë mò réstë na cuddinë

mmiénzë e prèrë u rumórë

dë quéddë zucculiéddë, la matinë,

e a nu pëndónë u fischië d’u scarparë

ca nghiòvë e taccë

sóttë u viécchië scarpónë,

rèstë sólë na vócë lundanë.

l’addórë dë ggënèstrë e uózzolinë

la pacë e nniéndë cchiù.

Sulla tonda collina

tra gli ulivi argentati,

fiori di ginestre e biancospino,

Rivello si svegliava

al chiarore del mattino…

Da una finestra all’altra le lavandaie

si passavano la voce

per andare a lavare giù al fiume

e stendere i panni bianchi e tersi

al sole…

E tornavano che era quasi sera,

con in testa la cesta

e in mano la calzetta

incominciata

a prima mattina.

Silenzioso, seduto su un gradino,

fumava la sua pipa il vecchierello,

ricordava quando giovincello

portava serenate alla donzella

col cuore che batteva sempre più…

Poi, dopo tutta quella pace,

ahimé, la guerra!

A valle, attorno al gran Convento,

non sentirono più la “mattutina”,

ma campane e martello.

Le bombe e quei soldati stralunati,

chi si aspettava mai tanta rovina!

E insieme ai morti anche la fame…

Per guadagnare il pane l’America lontana…

Chi se ne andò per la disperazione,

e chi rimase lì a far fortuna…

Di Rivello d’un tempo ora resta una collina,

tra le pietre il rumore

di quegli zoccoletti, la mattina,

col fischiettio del calzolaio

che inchioda tacce

sotto un vecchio scarpone,

resta solo una voce lontana,

l’odore di ginestre e biancospino,

la pace, e niente più.

 

La poesia è uno spaccato della Rivello del passato, del periodo della guerra.

L’autrice esordisce con la descrizione della vita che scorre tranquilla, prima della seconda guerra mondiale, tra le lavandaie che escono di casa all’alba per recarsi al fiume a lavare il bucato e rientrare al tramonto e un vecchietto seduto su un gradino che, mentre fuma la pipa, ricorda la sua giovinezza. Poi arriva la guerra che spazza via la tranquillità, porta morte e fame e costringe a emigrare verso le Americhe lontane. Il componimento si chiude in maniera nostalgica, con il ricordo di Rivello di un tempo di cui oggi resta solo una collina, l’odore di ginestra e biancospino e la pace.

L’intento dell’autrice era, probabilmente, quello di scrivere la poesia in dialetto rivellese, ma essendo lei potentina e acculturata, nel testo si registrano influenze linguistiche, sia dall’italiano che dal potentino, che analizziamo prima di fare alcune considerazioni sulla parlata di Rivello:

V. 1 cuddinë [ku’dːinə] ‘collina’: iperestensione dell’esito -dd- /-dː-/ da -LL- che non è proprio del dialetto di Rivello capoluogo, ma delle frazioni e più precisamente: Vignale e Rotale presentano una dentale cacuminale geminata -ḍḍ- /-ɖː-/, San Costantino fa registrare una dentale geminata -dd- /-dː/, a Rivello, invece, si registra la laterale geminata -ll- /-lː-/.

V. 3 ggënèstrë [dːʒə’nɛstrə] ‘ginestre’: l’esito di G+E,I a Rivello e nelle frazioni è un’approssimante palatale j. La forma attesa è, dunque, iënèstrë [jə’nɛstrə]. La resa finale è evidentemente dovuta all’interferenza con l’italiano.

V. 8 iummë [‘jumːə] ‘fiume’: l’esito di FL- a Rivello e nelle frazioni è una fricativa palatale sorda ç. La forma attesa sarebbe, dunque, çumë [‘çumə]. Interferenza con l’area dialettale circostante.

V. 14 accummënzà [akːumːən’ʦa] ‘incominciata’: è evidente l’influenza del dialetto potentino con la forma apocopata del participio passato. La forma propria di Rivello e delle sue frazioni è accummënzata [akːumːən’ʦata].

V. 21 quédda [‘kwedːa] ‘quella’: la forma attesa del dialetto di Rivello capoluogo è quélla [‘kwelːa]. La forma adottata dall’autrice quédda [‘kwedːa] è la variante delle frazioni.

V. 27 s’aspëttavë [s_aspə’tːavə] ‘si aspettava’: nel dialetto di Rivello e delle frazioni si registra palatalizzazione categorica della (-)S davanti a K- e a P-. La forma attesa è, dunque, s’ašpëttavë [s_aʃpə’tːavə]. Influenza combinata di italiano e potentino.

V. 30 disperaziónë [dispera’tːsjonə] ‘disperazione’: nel dialetto di Rivello e delle frazioni, come già scritto, si registra palatalizzazione categorica della (-)S davanti a K- e a P-. La forma attesa è, dunque, dišperaziónë [diʃpera’tːsjonə].

V. 32 cuddinë [ku’dːinə] ‘collina’: vedi v.1.

V. 33 prèrë [‘prɛrə] ‘pietre’: la forma del dialetto di Rivello e delle frazioni è prète [‘prɛtə]. L’autrice, probabilmente, influenzata dal suo dialetto, ha applicato al termine il fenomeno della lenizione ovvero, nel caso in questione, la trasformazione della –T- in –d- che in una fase successiva si è trasformata in –r- adottando il fenomeno meridionale del rotacismo.

V. 34 quéddë [‘kwedːë] ‘quelle: vedi v. 21.

V. 35 fischië [‘fiskjə] ‘fischio’ e scarparë [skar’parə] ‘calzolaio’: nel dialetto di Rivello e delle frazioni si registra palatalizzazione categorica della (-)S davanti a K- e a P-. e forme attese sono, dunque, fišchië [‘fiʃkjə] e šcarparë [ʃkar’parə].

V. 39 ggënèstrë [dːʒə’nɛstrə] ‘ginestre’: vedi v. 3.

In chiusura alcune informazioni e considerazioni sulla situazione linguistica rivellese.

Nella primavera del 1937 lo studioso tedesco Gerhard Rohlfs si recò a Rivello alla ricerca di influssi linguistici greci. Alcuni anni prima, infatti, aveva individuato tracce lessicali greche nella zona del Cilento con­finante con l’area policastrina e nei dialetti dell’area di confine calabro-lucano (Maratea, Papasidero, Castrovillari, Cerchiara). Rivello, però, non presentava relitti lessicali greci, come atteso dallo studioso, ma fenomeni linguistici settentrionali. Rohlfs allora ampliò l’area di ricerca raggiungendo anche Trecchina (e la sua frazione Parruta), Nemoli e San Costantino (fra­zione di Rivello). Anche qui rilevò fenomeni settentrionali. Alla fine delle sue ricerche lo studioso tedesco giunse alla conclusione che Trecchina rap­presentava il centro di una immigrazione galloitalica, proveniente dall’area liguro-piemontese, che aveva lasciato le sue tracce, sebbene in misura minore, anche a Nemoli e Rivello.

Ancora oggi nella lingua di Rivello, ma soprattutto in quelle delle frazioni, si registrano numerosi tratti galloitalici come: la presenza di dittonghi di tipo settentrionale (cuócchia [‘kwokːja] ‘coppia’, suóšëra [‘swoʃəra]/dònna [‘dɔnːa] ‘suocera’, pruóvëšë [‘prwovəʃa] ‘forbici’),  l’esito in dentale della laterale inziale (residuale a Vignale, ancora ben attestato a Rotale: ḍavë [‘ɖavə] ‘lavo’, ḍënzuólë [ɖən’dzwolə] ‘lenzuolo’, ḍ’uórtu [‘ɖ _wortu] ‘l’orto’), la palatalizzazione categorica di (-)S davanti a K- e a P- (šcarpa [‘ʃkarpa] ‘scarpe’, šcòla [‘ʃkɔla] ‘scuola, špècchië [ꞌʃpɛkːjə] ‘specchio’), il genere femminile per i termini sale e fiele (a sala [a ‘sala]‘il sale’, a fèla [a ‘fɛla]‘il fiele’), la derivazione dal dativo e non dall’accusativo dei pronomi complemento me e te (cu mmi [ku mːi]‘con me’, cu tti [ku tːi]‘con te’, a mmi [a mːi]‘a me’, a tti [a tːi]‘a te’) e la presenza di molte spie lessicali settentrionali ( tèsta [‘tɛstə] ‘testa’, cuna [‘kunə] ‘culla’, vèrna [‘vɛrnə] ‘ontano’, bagghië [‘bagːjə] ‘rospo’).

Nella parlata di Rivello capoluogo, però, è in atto un processo di perdita di alcuni tratti settentrionali a causa dell’interferenza con i dialetti di adstrato di tipo meridionale. Le frazioni, invece, essendo aree più isolate sono più conservative.

Giovanna Memoli

 

U mëgrandë luchẽnë 

U mëgrandë luchẽnë  [u mǝˈgrandǝ luˈkænǝ]“L’emigrante lucano” è un componimento poetico di Antonio Paolo De Pizzo. La poesia, presentata al II concorso di “Poesia Dialettale Lucana” e scritta nel dialetto di Colobraro, mette in risalto i sentimenti di un “emigrante lucano”. Allontanatosi dal proprio paese per motivi lavorativi, il protagonista del nostro componimento mantiene sempre vivo il ricordo della propria infanzia e delle proprie origini. Quando “l’emigrante” decide di ritornare a casa, con un forte rimpianto per una vita semplice, ma ricca di calore umano,  ritrova una Basilicata sempre bellissima, ma diversa. Sulle colline, insieme alle chiese e ai castelli ora si trovano i ripetitori telefonici; nei laghi, a causa dell’inquinamento causato dalle trivellazioni petrolifere, i pesci cominciano a morire e nell’aria non si sente più odore di biancospino, ma di benzina. Ma il velo di tristezza che per qualche verso copre il componimento, scompare improvvisamente per fare spazio all’orgoglio di essere lucano. Moltissime sono le ricchezze della Basilicata, tuttavia è necessario che il popolo lucano ne prenda consapevolezza, mettendo da parte la rassegnazione e riappropriandosi della propria identità.

A ddëciassèttë annë èggë iutë a lu Nòrd

a ccërchè fatijë

e mm’èggë mbarẽtë purë a tecnologgijë,

ma dë sta tèrrë sëndijë a nustalgijë.

U vèrnë a tèrrë ièrë nnëgliósë e ssènza

souë,

i ggèndë ca ngundrẽvë indë a ššënzórë

nu_mmë dëcinë manghë na paróuë.

Quannë ngundrẽvë a ggèndë a lu paísë

më salutavë ssémbë cu sorrisë.

Òltrë a lu lavórë avijë truvatë purë

l’amórë,

ma quannë pënzẽvë a Bbasëlëcata mèië

më chiangitë u córë.

Nu iurnë èggë dëcisë, èggë turnẽtë

a lu paísë

andë èggë crëššutë ch’i scarpë ruttë

e i cáuzë rëpëzzẽtë,

a matinë nèndë briòššë c’a marmëllẽtë,

m’arrangẽvë c’u pummëdórë e u pẽnë

arruššẽtë,

nu_ng’érë mmanghë a dróghë, ca primë të

fa vvëdé i stéllë e ppo’ të vròšëtë

u cërvéllë.

I paísë cumë u méië, sù ttuttë spupulẽtë,

i chiazzë vacandë e i chẽsë abbandunẽtë.

A Ppëlëcórë, quannë passavëtë u Crotónë

Mëlẽnë

a stazziónë iérë ssémbë chinë dë crëstiẽnë,

dòppë ch’ènë fattë a lettrëfëcaziónë

ènnë murẽtë purë i pòrtë da staziónë.

Anguna cósa è ccangiatë pë ddavvérë

‘n val d’Agrë ènë truvatë l’órë nérë,

ma l’esalaziónë d’i gassë nguinë

l’atmosférë.

L’arië primë prufumavë dë bbiangospinë

e mmò profumë dë bbënzinë,

purë l’acquë d’u Pertusillë, dëssëtandë,

u sapórë ié ššapitë e stagnandë

e na cósë më rëngréššë, ca mòrënë i péššë.

Nun_zë pò stè lundẽnë dë sta tèrra bbéllë

fattë dë Chiésië e ddë Castéllë.

A ssupë ògnë mmòndë c’è na cappèllë chë

nna Madònnë,

ngumbagnijë dë rëpëtëtórë, Uindë, Timmë

e Vodafònnë.

Bbasëlëchẽtë, tèrrë dë mẽrë

e paësaggë lunẽrë,

supë u Tërrénë

c’étë a spiaggë dë Maratéë,

supë u Iònië a Magna Grècië e ll’andichë Eracléë.

Tèrrë ricchë dë stòrië e ddë mëmòrië,

mënaccẽtë da Trëvèllë e ddëpòsëtë dë scòrië.

Ié dë sta tèrrë sù orgogliósë,

Carlo Lévë c’è tturnètë pë ll’etèrnë

rëpósë.

Bbasëlëchẽtë, tèrrë dë poétë, cumbusëtórë

e artistë,

mo è ddëvëndẽtë métë dë turistë.

cëttà dë Matérë, tëstëmònië dë

Stòrië andichë dë cëvëltà condadinë;

sarà la stòrië d’a Lucanië Futurë

pëcché è ccëttà Européë d’a Culturë.

Tèrrë dë fiumë, lẽghë e ccalanghë,

bbastë chë sta faccë rassëgnẽtë e

stanghë,

tèrrë nu picca tristë e nu picca

fattë d’allëgrijë,

a stòrië d’u brigandaggë a pòi vëdé

alla Grangijë.

Bbasëlëchẽtë, ssë mmëravëgliósë,

c’u vólë dell’aquëlë in Val Sarmèndë

e ddell’angëlë a Ppietrapërtósë.

Nuië simë nu pòpëlë dë bbrëgandë nòn

ddë vagabbòndë,

i figghië nòstë lavòrënë a Llosangëlës

Tochië, ššangai, Lòndrë,

purë lórë sù ccëttadinë d’u mòndë.

Nuië Lucanë l’èma spëccià c’u chiandë

e lu lamèndë.

A Bbasëlëcata nòstë è bbèlla e rricchë

veramèndë,

s’èma dda da fẽ e ttuttë quandë l’èma

capiššë

ca a Bbasëlëcata nòstë davvérë pò fioriššë.

 

A diciassette anni sono andato al nord

a cercar lavoro

ed ho imparato anche la tecnologia,

ma di questa terra sentivo la nostalgia.

D’inverno la terra era nebbiosa e senza

 sole,

la gente che incontravo nell’ascensore

non mi diceva neanche una parola.

Quando incontravo la gente nel paese

mi salutava sempre col sorriso.

Oltre al lavoro avevo trovato anche

l’amore,

ma quando pensavo alla mia Basilicata

mi piangeva il cuore.

Un giorno ho deciso, son tornato

al paese

dove sono cresciuto con le scarpe rotte

ed i pantaloni rattoppati,

al mattino niente briosce con la marmellata,

mi arrangiavo con pomodori ed il pane

abbrustolito,

non c’era neanche la droga che prima

fa vedere le stelle e poi brucia

il cervello.

I paesi come il mio son tutti spopolati

le piazze vuote e le case abbandonate.

A Policoro, quando passava il Crotone

Milano

la Stazione

era sempre gremita di gente,

dopo ch’anno fatto l’elettrificazione

hanno murato anche le porte della Stazione.

Qualcosa è cambiato davvero

nella Val d’Agri han trovato l’oro nero,

ma l’esalazione di gas inquina

l’atmosfera.

L’aria prima profumava di biancospino

ora profuma di benzina,

anche l’acqua del Pertusillo, dissetante,

ha sapore scipito e stagnante

ed  una cosa mi rincresce, che muoiono i pesci.

Non si può stare lontano da sta terra bella

fatta di Chiese e di Castelli.

Sopra ogni monte c’è una cappella con

una Madonna

in compagnia di ripetitori, di Wind, Tim

e Vodafon.

Basilicata, terra di mare

e paesaggi lunari,

sopra il Tirreno

c’è la spiaggia di Maratea,

sopra lo Ionio la Magna Grecia e l’antica Eraclea.

Terra ricca di storia e di memorie

minacciata di Trivelle e depositi di scorie.

Io di questa terra sono orgoglioso

Carlo Levi c’è tornato per l’eterno

riposo.

Basilicata, terra di poeti, compositori

ed artisti,

ora è diventata meta di turisti.

Città di Matera, testimone di

storie antiche e civiltà contadina;

sarà la storia della Lucania futura

perché città Europea della cultura.

Terra di fiumi, laghi e calanchi,

basta con sta faccia rassegnata e

stanca,

terra un po’ triste e un po’

fatta d’allegria,

la storia del brigantaggio si può vedere

alla Grancia.

Basilicata, sei meravigliosa

col volo dell’aquila in Val Sarmento

e dell’angelo a Pietrapertosa.

Noi siamo un popolo di briganti non

di vagabondi,

i nostri figli lavorano a Los Angeles

Tokio, Sciangai, Londra,

anche loro son cittadini del mondo.

Noi Lucani dobbiamo finirla col pianto

ed il lamenti.

La Basilicata nostra è bella e ricca

veramente,

dobbiamo muoverci e tutti dobbiamo

capirlo

che la Basilicata nostra davvero può fiorire.

 

Da un punto di vista linguistico, Colobraro p.d.r. 99 dell’A.L.Ba., a 80 km da Matera, si colloca nella cosiddetta Mittelzone Severior, l’areola più conservativa dell’area Lausberg. I dialetti di quest’area (il nome è quello del primo studioso che ne descrisse le peculiarità linguistiche, per l’appunto il Lausberg) sono tra le lingue neolatine più conservative, le cui caratteristiche “arcaiche” si avvicinano di più a quelle della lingua madre, il latino. Tra questi tratti “arcaici”, vi è la conservazione delle desinenze latine –S e –T di II e III persona singolare e di II plurale. Nel IV volume  dell’A.L.Ba. troviamo šputësë [ˈʃputǝsǝ] ‘tu sputi’, šputëtë [ˈʃputǝtǝ] ‘lui sputa’ oppure sudësë [ˈsudǝsǝ] ‘tu sudi’, sudëtë  [ˈsudǝtǝ] ‘lui suda’. Nel nostro componimento al verso 23 leggiamo vròšëtë [ˈvrɔʃǝtǝ] ‘brucia’. Le inchieste di A.L.Ba. registrano anche mangiasë [manˈdʒasǝ] ‘voi mangiate’. Le antiche desinenze latine si conservano anche nel tempo imperfetto indicativo. Al verso 13 abbiamo chiangitë [kjanˈdʒitǝ] ‘piangeva’ e al verso 27 passavëtë [paˈs:avǝtǝ] ‘passava’, come abbiamo dimostrato dalle ricerche del Centro Interuniversitario di ricerca in Dialettologia (CID). Per quanto riguarda la desinenza di II persona plurale, nell’imperfetto indicativo, essa può conservarsi mangiasëvë [manˈdʒasǝvǝ] ‘mangiavate’ o non presentarsi affatto mangiavëvë [manˈdʒavǝvǝ] ‘mangiavate’. Grazie alla metatesi (fenomeno fonetico che determina lo spostamento di “materiale fonico”), come si nota dal primo esempio, la desinenza si sposta dall’ultima alla penultima sillaba, così che invece di mangiavësë [manˈdʒavǝsǝ] troviamo mangiasëvë [manˈdʒasǝvǝ] ‘mangiavate’. Se non agisse il fenomeno della metatesi, la forma della II persona plurale dell’imperfetto verrebbe a coincidere con quella della II persona singolare, invece così le due persone sono ben differenziate.

Il nostro componimento evidenzia una caratteristica importante del dialetto di Colobraro: la palatalizzazione della A. Quando la /a/ accentata si trova in sillaba libera (terminante in vocale) subisce palatalizzazione e si trasforma in [æ]. Il titolo della nostra poesia, oltre a mettere in evidenza il fenomeno della palatalizzazione della A, luch [luˈkænǝ] ‘lucano’, ci permette di osservare anche quando il fenomeno non si verifica: la /a/ si conserva se si trova in sillaba chiusa (terminante in consonante), mëgrandë [mǝˈgrandǝ] ‘emigrante’.

Un altro fenomeno importante del colobrarese riguarda l’evoluzione della -L-. La resa fonetica della consonante in questione dipende dalla vocale che precede la consonante stessa. Se il suono che precede la -L- è una vocale velare allora la -L- si trasformerà nella semivocale posteriore u [w]: nel componimento abbiamo infatti, al verso 6 uǝ [ˈsowǝ] ‘sole’ e al verso 8 paróuǝ [paˈrowǝ] ‘parola’. Nel volume III dell’A.L.Ba. si registrano varri(g)ǝ [vaˈr:iɣǝ] ‘barile per l’acqua’, fi(g)ë [ˈfiɣǝ] ‘filo’ e (g)ë [ˈmeɣǝ]’miele’: la -L- si trasforma in fricativa velare (g) [ɣ] in quanto è preceduta da una vocale palatale.

La nostra poesia è un incoraggiamento affinché i giovani lucani si riprendano la propria terra sfruttando al meglio le mille potenzialità che la Basilicata offre; allo stesso tempo il componimento ci ha permesso di riflettere su alcune peculiarità linguistiche del dialetto di Colobraro. Ci si può riappropriare della propria identità in vari modi, per esempio diventare consapevoli di questo immenso patrimonio è un modo per riappropriarsi della proprie origini, dalla propria cultura e della propria identità. Del resto la lingua è il bene immateriale più prezioso di un popolo.

Irene Panella

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento