Novembre: i versi della mancanza.

0

Il mese di novembre non è solo l’anticamera dell’inverno, della nebbia, della pioggia. È il mese dei colori caldi, delle foglie che, gialle e rosse, svolazzano per l’aria ancora un po’ tiepida. È questo il mese più caro alle anime di chi non c’è più, a cui ci si rivolge più intensamente, anche in virtù del giorno loro dedicato.

L’incontro spirituale di un figlio con la sua mamma, venuta a mancare troppo presto, è l’emblema di un legame che non può essere spezzato neanche dalla pietra fredda che si frappone tra loro. Lo splendido componimento di Giuseppe D’Avenia D’Andrea, scritto nella varietà pisticcese e intitolato Tu e íjë”, ha conseguito il primo premio (ex aequo) nella seconda edizione del concorso di poesia dialettale, nel 2018.

La poesia si apre con l’immagine dell’autore, immobile davanti alla tomba della madre, assalito da un turbinìo di ricordi che si affollano come tanti bambini, e quasi lo strattonano per farsi ascoltare. Il ricordo che più viene messo a fuoco è l’immagine di lei, declinata nelle diverse stagioni, impegnata nelle sue attività abituali: piccoli fotogrammi vivi di vita vissuta. Ad un tratto, quei bambini che prima lo strattonavano fuggono via, riportandolo al presente, infrangendo i ricordi come s’infrange una goccia d’acqua che cade a terra. E sono loro due, madre e figlio, uno di fronte all’altra, nel giorno della commemorazione dei defunti, quando i cuori dei parenti – dice l’autore – sono come fontane che zampillano lacrime. L’assenza si fa ancora più insostenibile. Il vuoto si fa pesante e il silenzio assordante. Si prende maggiore coscienza della parte di sé che è andata via per sempre. E, nella speranza di potersi un giorno riabbracciare, c’è spazio solo per il pianto.

Tu e íjë

Stòchë ddó, cittë cittë,

nnand’a sta pétrë

ca të uardë

iuórnë e nnóttë.

E ndraméndë ca uardë ndèrrë

l’èrvë ca të fašë da cappóttë,

l’ócchiërë së nzèrrënë,

e mmë pèrdë

nda nu iumë dë pënziérë.

E lë rëcuórdë dë lë šurnatë

passatë nzembëlë allòrë

së prëséndënë a l’ëntrasattë,

còmë tandë mëninnë

ca vónn’éssë datë adénzië:

ci spèngë, ci më tirë,

ci më chiamë…

ci më fašë sègnë pë lë manë.

Angunë mu: vèchë atturnë,

cchiù ššëngirë.

Ngun’òldë u vèchë,

iòmbrë-iòmbrë.

E mméndrë ca llë uardë

ca s’accalchënë e ssë spèngënë,

u cërviéddë e l’ócchiërë

fórtë fórtë së strèngënë,

pë vvëdèrlë cchiù mmégghië.

E ttë vèchë!

Appuggiatë u murë da: pëtéië,

ca uardë u vaië e vviénë

dë lë crëstianë.

Ndu còrsë

pë lë bbustë da spèsë.

Dë viérnë pu: friddë,

pu: sòlë dë staggiònë.

A: casë…

da fórë sòp’u bbalcònë.

Quanda vitë

amma passatë nzémbëlë

Ma’!

Po’…

tiénë a mméndë

quannë nu šcuiccëlë d’acquë

azzóppë ndèrrë

e ssë fašë a mmillë striddë?

Acchëssì spariššënë lë pënziérë mèië,

tal’e qqualë a na mòrrë dë frašunë

ca fušënë nda lë strèttëlë du: cërviéddë,

còmë ci nuddë fóssë statë!

E allòrë,

còmë së tannë më ruwëgghiassë,

pë l’ócchiërë spunzatë dë chiandë

më tròvë arrétë nnand’a sta pétrë:

Tu e íjë.

Ióšë…

sò l’almë dë lë muórtë,

e ndu cambësandë

lë córë dë lë pariéndë

sò ffëndanë ca mènënë chiandë.

Appriéss’a ttè, Ma’,

é mmuórtë fignë u criaturë tuië,

ca së scunnèvë

nda l’ómmënë ca sò ddëvëndatë.

Ci në sapë ci nu iuórnë

t’agghia putè abbrazzà arrétë!

Mó,

primë ca më në vòchë,

fammë chiangë.

Tu e io

Sto qui, in silenzio assorto,

davanti a questa pietra

che veglia su di te

giorno e notte.

E mentre guardo per terra

l’erba che ti fa da cappotto,

i miei occhi si serrano

e mi smarrisco

in un fiume di pensieri.

Così, i ricordi dei momenti

vissuti insieme

mi appaiono all’improvviso,

come tanti bambini

che richiamano la mia attenzione:

chi spinge, chi mi tira,

chi mi chiama…

chi mi fa un cenno con le mani.

Qualcuno me lo vedo attorno

più vivido.

Qualcun altro mi appare velato,

indefinito.

E mentre li guardo

che si accalcano e si spingono,

la mia mente e i miei occhi

con più forza si stringono,

per definirli meglio.

E ti vedo!

Appoggiata al muro della boutique

che guardi la gente

passeggiare.

Nel corso

con le buste della spesa.

D’inverno con il freddo,

d’estate con il sole.

A casa…

fuori sul balcone.

Quanta vita

vissuta insieme

Madre mia!

Poi…

sai quando

una goccia d’acqua

cade a terra

dileguandosi in minuscole stille?

Così svaniscono i pensieri miei,

proprio come una frotta di bambini

che fugge via nei viottoli della mente,

come se nulla fosse accaduto!

E allora,

come se in quell’istante mi destassi,

con gli occhi intrisi di pianto

mi ritrovo davanti a questa pietra:

Tu e io.

Oggi…

è il giorno dei morti

e nel camposanto

i cuori dei parenti

sono fontane da cui zampilla pianto.

Con te Madre mia

è morto anche il bambino tuo,

che si nascondeva

nell’uomo che sono diventato.

Chissà se un giorno

potrò abbracciarti ancora!

Ora,

prima di andare via,

lascia ch’io pianga.

La poesia “Tu e io” ci mostra diverse peculiarità della varietà pisticcese, ad esempio il suo particolare sistema vocalico tonico, ovvero l’evoluzione delle vocali a partire dal latino.

Il sistema alla base del dialetto di Pisticci è di tipo romanzo occidentale, come quello dell’italiano standard, ma presenta un’importante nota distintiva: l’inversione dei timbri nelle vocali medie.

Infatti, il sistema “classico” romanzo occidentale presenta il seguente schema:

Ī

Ĭ  Ē

Ĕ

Ă  Ā

Ŏ

Ō  Ŭ

Ū

i

e (é)

ɛ (è)

a

ɔ (ò)

o (ó)

u

A Pisticci, invece, gli esiti si mostrano così invertiti:

Ī

Ĭ  Ē

Ĕ

Ă  Ā

Ŏ

Ō  Ŭ

Ū

i

ɛ (è)

e (é)

a

o (ó)

ɔ (ò)

u

Possiamo trarre dal testo alcuni esempi:

v. 17: SĬGNU > pist. sègnë [ˈsɛɲ:ə]

v. 32: EXPĒNSA (tardo lat.) > pist. spèsë [ˈspɛsə]

v. 26: MĔLIUS > pist. mégghië [ˈmeg:jə]

v. 7: ŎCULI > pist. ócchiërë [ˈok:jərə] / v. 4: NŎCTE > pist. nóttë [ˈnot:ə]

v. 34: SŌLE > pist. sòlë [ˈsɔlə]

v. 31: CŬRSU > pist. còrsë [ˈkɔrsə]

Le stesse parole, in italiano e in pisticcese, hanno aperture diverse: dove il pisticcese presenta timbri aperti, l’italiano li presenta chiusi e viceversa. Ciò accade in questo dialetto indipendentemente dalla struttura della sillaba, infatti esso non presenta sensibilità alla struttura sillabica.

Una parola di grande impatto emotivo all’interno del componimento, e che ci offre un ulteriore spunto di riflessione è “occhi”, che leggiamo ócchiërë [ˈok:jərə].

Ciò che si nota immediatamente è la terminazione particolare -ërë [-ərə], che viene utilizzata per formare il plurale. Questo suffisso deriva dalla risegmentazione, da parte del parlante, della terminazione -ORA dei sostantivi neutri plurali della terza declinazione latina, sul modello tempus, -oris (al plurale, appunto, tempor-a).

Dal punto di vista della distribuzione geografica, oggi questo fenomeno si riscontra maggiormente nella zona orientale della Basilicata, con propaggini nell’entroterra materano e nel nord della regione.

Lo studioso Helmut Lüdtke, alla fine degli anni ’70, ne rilevava una presenza più massiccia e circoscritta al campo semantico delle parti del corpo. Attualmente, questo tipo di plurale viene registrato anche in altri campi semantici. Il tutto soggiace a una scala implicazionale, secondo cui la varietà che presenta la terminazione -ërë/-rë [-ərə/-rə] in una categoria altra, allora la presenterà necessariamente anche in quella delle parti del corpo. Non può accadere, però, il contrario: può comparire tra le parti del corpo, ma non necessariamente in altre.

Vita Laurenzana

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Rispondi