Roccanova in versi

0

Continua il nostro viaggio nel mondo della poesia dialettale lucana. I componimenti scelti per questo numero sono composti nel dialetto di Roccanova p.d.r 97 di A.L.Ba. (Atlante Linguistico della Basilicata) e presentati al secondo concorso di poesia dialettale lucana indetto dal Centro Internazionale di Dialettologia nel 2018.

La prima poesia è A chiazzë [a ‘kjat:sə]‘La piazza’ di Giuseppe De Matteo.

Non è la prima volta che il sig. De Matteo partecipa al nostro concorso. Lo aveva già fatto per la prima edizione con il componimento Ninna nannë a llucë dë cannèuë [‘nin:a ‘nan:ə a ‘l:uʧə də ka’n:ɛwə] ‘Ninna nanna a luce di candela’. L’autore compone poesie fin da quando era solo un bambino e ha partecipato a vari concorsi di poesia regionali e nazionali conquistando diversi riconoscimenti. Attraverso i suoi versi egli vuole tramandare ai giovani dei piccoli pezzi del passato, di sapori e odori ormai perduti, dei valori che, un tempo, caratterizzavano tutti gli aspetti della vita quotidiana.

 

A chiazzë

A chiazzë: què në truwammë (g)rannë e gguagnụnë

lò(u)rë parlavënë e nnuië iucammë a bbëttụnë.

Nuië uagnụnë në truwammë sèrë e mmatinë

e spissë scappammë nda putèië

dë Cuma Rusinë

ca në cundèvë i sturièllë

e në davijë duië caramèllë.

Dòppë c’avía puóstë u sò(u)wë lijò(u)në

në truwammë nda chiazzë a mmangè na ffèllë dë mëlò(u)në:

chillë ffèllë quandë ièrnë bbèllë rụssë,

tandë ca n’arrëfrëšcammë l’anëmë e llu mụssë.

Nda chiazzë në truwammë tuttë quandë:

amicë, forestiérë e ppaiësènë

e gghièrë imbortandë ca n’aviémma stringë a mènë;

Llè tuttë së dëcijë

e ssë passèvë a iurnètë tra na rësètë e na fëssarijë.

Mò(u) iè na desolaziò(u)në a chiazzë u pajisë e ttuttë a rëggiò(u)në.

Uagnụnë nòn në naššënë,

i ggiuvënë së në vènë,

speriamë suwë ca Ddijë në dèië na mènë.

 

                                                                                                    

 La piazza 

La piazza: qui ci ritrovavamo grandi e bambini,

loro parlavano e noi giocavamo a bottoni.

Noi bambini ci trovavamo sera e mattina

e spesso scappavamo nella bottega

della comare Rosina

che ci raccontava le storielle

e ci regalava due caramelle.

Dopo il calar del sol leone,

ci trovavamo in piazza per mangiare una fetta di melone (anguria)

quelle fette quanto erano rosse,

tanto che ci rinfrescavamo l’anima e la bocca.

In piazza ci ritrovavamo tutti:

amici, forestieri e paesani

ed era importante che dovevamo stringerci la mano;

lì tutto si diceva

e si trascorreva la giornata tra una risata e uno scherzo.

Ora è una desolazione la piazza, il paese e tutta la regione.

Bambini non ne nascono più,

i giovani se ne vanno,

speriamo solo che Dio ci dia una mano.

In questa poesia costituita da 20 versi a rima baciata, il sig. De Matteo ricorda la piazza del paese.

La piazza è il luogo in cui il paese manifesta la propria identità. È uno spazio prezioso che permane,immutabile, al passare del tempo. È il riferimento principale nel quale il paese si riconosce e descrive perfettamente il mondo a cui apparteniamo. La piazza è il cuore del paese: qui da secoli si svolge la vita economica, sociale, politica, religiosa degli abitanti. È luogo di incontri e di scambi di idee di tutte le generazioni: dagli scalpitanti cuori dei più giovani alle voci tremolanti degli anziani. L’autore mette ben in evidenza questo aspetto già dall’incipit:  què në truwammë (g)rannë e gguagnụnë lò(u)rë parlavënë e nnuië iucammë a bbëttụnë [kwɛ nə tru’wam:ə ‘ɣran:ə e wa’ɲ:unə ‘lɔ(u)rə par’lavənə e ‘n:ujə ju’kam:ə a b:ə’t:unə] ‘qui ci trovavamo grandi e bambini loro parlavano e noi giocavamo a bottoni’ ricordando un antico gioco, quello dei bottoni, che sicuramente le giovani generazioni non conoscono più. L’autore continua nel ricordo di “personaggi” e antiche usanze  che erano quasi diventati rituali. Ricorda cuma Rusinë [‘cuma ru’sinə] ‘comare Rosina’ che in piazza aveva la sua bottega e, dopo aver raccontato ai bambini le sue storielle, dava loro anche le caramelle. E dopo il calar del sol leone in piazza tutti quanti condividevano una fetta di anguria. Questa immagine è descritta in maniera talmente reale che quasi ci sembra di sentirne il sapore e il senso di freschezza. L’autore, insomma, descrive la piazza come luogo di incontro, socializzazione, di scambio e confronto non solo tra due generazioni ma anche tra amicë, forestiérë e ppaiësènë [a’miʧə fɔrɛ’stjerə e p:ajə’sɛnə] ‘amici, forestieri e paesani’ quindi come luogo di accoglienza e tolleranza anche verso chi non era del posto. E la cosa importante è ca n’aviémma stringë a mènë [ka n_a’vjem:a ‘strinʤə a ‘mɛnə]‘dovevamo stingerci la mano’. Questa frase è di una rara bellezza, un inno alla fratellanza, alla pace, alla convivenza anche con il “diverso”. L’autore chiude con un tono di amarezza mò(u) iè na desolaziò(u)në a chiazzë u pajisë e ttuttë a rëggiò(u)në [mɔ(u) jɛ na dɛsɔla’ʣjɔ(u)nə a ‘kjat:sə u pa’jisə e ‘t:ut:ə a rɛ’d:ʒɔ(u)nə] ‘ora è una desolazione la piazza, il paese e tutta la regione’ . Giuseppe sottolinea un processo iniziato decenni fa e che sembra inarrestabile: lo spopolamento dei nostri piccoli comuni. La dinamica è sempre la stessa: muoiono più abitanti di quanti ne nascano uagnụnë nòn në naššënë [wa’ɲ:ʊnə nɔn nə na’ʃ:ənə] ‘bambini non ne nascono più’, i pochi giovani “scappano” i ggiuvënë së në vènë [i ‘d:ʒuvənə sə nə ‘vɛnə]‘i giovani se ne vanno’ in cerca di lavoro e, senza nuove famiglie, chiudono le scuole, le attività commerciali e tutto diventa appunto una “desolazione”.

Restiamo sempre a Roccanova e parliamo di un altro autore di poesie Giambattista Nubile.

Giambattista è nato a Roccanova e vive nel suo paese di origine che ama molto. Ha composto diverse poesie nelle quali racconta i piccoli avvenimenti che hanno caratterizzato la vita del passato e i piccoli ma grandi valori che caratterizzavano quei tempi ormai trascorsi. Ha partecipato al II concorso di poesia dialettale con il componimento U rièndrë da: cambagnë [u ‘rjɛndrə da: kam’baɲ:ə]‘Il rientro dalla campagna’.

 

 

U rièndrë da: cambagnë

 Facènnë nòttë së rëcugghiévënë a ccavallë da: vèstië

i ggèndë mèië pëcchè ièrnë stanghë da: iurnètë:

papà ppë ttuttë u tiémbë avía putètë

e mmammë na bbòttë dë vignë avía scauzètë.

Ji, ca a tèrrë suttë i piédë më frijijë,

zumbènnë cumë nu miéruwë, më rëcugghijë.

“Uagliò fërnillë dë zumbè ca ji nòn fatighë michë pu: scarpèrë!”

E mmammë: “t’avèra spartë u lambë, stu vambëiètë!

Àië fattë dëvëdè viécchië primë ca t’am’accattètë”.

Pò faciévënë u resocòndë da: iurnètë e…

u dëscursë sèmbë së fërnijë

pi: sòlëtë parò(u)wë “së vò(u) Ddijë”.

Ji tènghë rëcuórdë bbèllë e ormaië lundènë

di ššindillë ca l’attritë facijë

quannë u muwë ngiambëchèvë a lla mbëtrètë

e d’addó(u)rë, ca sèmbë m’à ppiaciutë,

da: pètrë, quannë u fiérrë cë strëchèvë.

 

 

Il rientro dalla campagna

 All’imbrunire si ritiravano, a cavallo della loro bestia,

i miei genitori perché erano stanchi della giornata di lavoro:

mio padre, per tutto il tempo, aveva potato

e mamma una parte di vigna aveva scalzato.

Ed io, che la terra sotto i piedi mi friggeva (ero irrequieto),

zampettando come un merlo, mi ritiravo.

“Ragazzo, smettila di saltellare perché io non lavoro mica per il calzolaio!”

E mia madre: “che ti colpisse un lampo, sto irrequieto!

Le hai fatte diventare vecchie (le scarpe) prima di averle comprate”.

Poi facevano il resoconto della giornata e…

il discorso sempre finiva

con le solite parole “se Dio vuole”.

Io ho ricordi belli e ormai lontani

delle scintille che l’attrito sviluppava

quando il mulo inciampava all’impietrata

e dell’odore, che sempre mi è piaciuto,

della pietra, quando il ferro (di cavallo) ci strusciava.

 

Con questo componimento di 17 versi contraddistinti da una metrica libera e dalla presenza di alcune rime baciate, l’autore ricorda un episodio della sua fanciullezza: il ritorno dalla campagna in paese con i suoi genitori stanchi della giornata di duro lavoro. Il papà pë ttuttë u tiémbë avía putètë [pə ‘t:ut:ə u ‘tjembə a’via pu’tɛtə] ‘per tutto il tempo aveva potato’ e la mamma na bbòttë dë vignë avía scauzètë [na ‘b:ɔt:ə də ‘viɲ:ə a’via skau’ʦɛtə]‘ una parte di vigna aveva scalzato’. Qui l’autore ricorda quella che, fin dai tempi antichi, è stata l’attività principale di Roccanova: la coltivazione della vite e la produzione di vino. A Roccanova, infatti, la viticoltura e la vinificazione hanno origini lontane: sono state ritrovate delle tombe del IV-V sec. A.C. ricche di contenitori che servivano per il consumo e la conservazione del vino. L’attività è cresciuta nel tempo tanto che il “Grottino di Roccanova” ha ottenuto il marchio IGT nel 2000 e  nel 2009 la DOC dando soddisfazione ai sacrifici e alle giornate di duro lavoro nei vigneti dei nostri avi.

Le donne di una volta non si potevano permettere di stare a casa e godersi la maternità, né potevano permettersi una baby-sitter. Le donne dovevano lavorare accanto ai mariti e quindi portavano con sé nei campi i loro bambini sin da quando erano appena in fasce. Nella poesia ecco che rientra dalla campagna con i suoi genitori il nostro autore che per la sua vivacità e irrequietezza a tèrrë suttë i piédë më frijijë [a ‘tɛr:ə ‘sut:ə i ‘pjedə mə fri’jijə]‘la terra sotto i piedi mi friggeva (ero irrequieto)’, veniva spesso ammonito dalla sua mamma e il suo papà che lo esortavano soprattutto di fare attenzione alle scarpe nuove diventate vecchie prima del tempo.

La sera, una volta a casa, si faceva il resoconto della giornata e si andava a dormire con in bocca e nella mente le solite parole “se Dio vuole”, un’espressione semplice che forse oggi non si usa quasi più e con la quale ci si affida alla volontà di Dio, si mette la propria vita totalmente e umilmente nelle sue mani.

L’immagine che chiude la poesia è molto bella e reale: l’autore ricorda con nostalgia le scintille prodotte dall’attrito degli zoccoli del mulo sul pavimento di pietra delle piccole stradine del paese e “l’odore” della pietra che ne scaturiva. Il sig. Nubile ci restituisce in questo modo il ritratto di un bambino che si sorprendeva delle piccole cose tanto da conservarne il ricordo indelebile da adulto e con questa poesia mette in rilievo la bellezza nei minimi avvenimenti quotidiani , una bellezza che non ha pretese ma risplende dal passato  nel futuro come se fosse immensa.

 

Nelle due poesie si possono individuare molte caratteristiche tipiche del dialetto roccanovese. Il sistema del vocalismo tonico del roccanovese è ,oggi, un sistema di compromesso detto anche “balcano-romanzo” che presenta un allineamento asimmetrico delle vocali palatali e velari. Questa asimmetria nel sistema è dovuta al fatto che mentre le vocali medie velari (ó /o/, ò /ɔ/) presentano sensibilità alla struttura sillabica, questa  non si registra per le corrispondenti palatali (é /e/, è /ɛ/). Nelle poesie troviamo diversi esempi: lò(u)rë [‘lɔ(u)rə] ‘loro’, sò(u)wë [‘sɔ(u)wə] ‘sole’ lëjò(u)në [‘ləjɔ(u)nə] ‘leone’ mëlò(u)në [mə’lɔ(u)nə] ‘melone’, desolaziò(u)në [dɛsɔla’ʦ:jɔ(u)nə] ‘desolazione’, rëggiò(u)në [rə’d:ʒɔ(u)nə] ‘regione’ nella poesia di De Matteo e parò(u)wë [pa’rɔ(u)wə] ‘parola’ e addó(u)rë [a’d: ɔ(u)rə] ‘odore’ nel componimento di Nubile in questo caso la /o/ in sillaba libera, ossia terminante in vocale, evolve in ò(u) /ɔ(u)/ mentre la /o/ in sillaba chiusa, ossia terminane in consonante, evolve in ò /ɔ/ ad esempio nòttë [‘nɔt:ə] ‘notte’ e bòttë [‘bɔt:ə] ‘parte’ esempi tratti dalla poesia di Giambattista Nubile. Ciò non accade per la vocali palatali quindi sia la Ē che la Ĕ danno come esito una /ɛ/ tanto in sillaba aperta che in sillaba chiusa sèrë [‘sɛrə] ‘sera’, putèië [pu’tɛjə] ‘bottega’, sturièllë [stu’rjɛl:ə] ‘storielle’, caramèllë [kara’mɛl:ə] ‘caramelle’, ffèllë [‘f:ɛl:ə] ‘fette’, bbèllë [‘b:ɛl:ə] ‘belle’ dalla poesia di De Matteo e vèstië [‘vɛstjə] ‘bestia’, ggèndë [‘ʤ:ɛndə] ‘gente’(inteso come genitori), sèmbë [‘sɛmbə] ‘sempre’, tènghë [‘tɛngə] ‘tengo’ nella poesia di Nubile. In  sò(u)wë [‘sɔ(u)wə] ‘sole’ e parò(u)wë [pa’rɔ(u)wə] ‘parola’ si può notare un’altra caratteristica del dialetto di Roccanova che è il passaggio della laterale L latina /l/ a semivocale posteriore u /w/. Nella poesia di Giambattista Nubile possiamo trovare altri esempi miéruwë [‘mjeruwə] ‘merlo’, muwë [‘muwə] ‘mulo’. Altra caratteristica del dialetto in questione, che balza immediatamente agli occhi guardando i testi delle due poesie, è l’esito di A tonica latina che in sillaba chiusa si conserva, mentre in sillaba aperta viene palatalizzata e diventa è /ɛ/. Ecco alcuni esempi: (g)rannë [‘ɣran:ə] ‘grande’, chiazzë [‘kjat:sə] ‘piazza’, imbortandë [imbɔr’tandə] ‘importante’, ma mmangè [man’ʤɛ] ‘mangiare’, paiësènë [pajə’sɛnə] ‘paesani’, mènë [‘mɛnə] ‘mano’, passèvë [pa’s:ɛvə] ‘passava’, iurnètë [jur’nɛtə] ‘giornata’, rësètë [rə’sɛtə] ‘risata’ nella poesia di De Matteo. Nella poesia di Nubile abbiamo cavallë [ka’val:ə] ‘cavallo’, lambë [‘lambə] ‘lampo’, fattë [‘fat:ə] ‘fatto’, quannë [‘kwan:ə] ‘quando’, ma iurnètë [jur’nɛtə] ‘giornta’, putètë [pu’tɛtə] ‘potato’, scauzètë [skau’ʦɛtə] ‘scalzato’, zumbè [ʦum’bɛ] ‘saltare’, scarpèrë [skar’pɛrə] ‘calzolaio’, dëvëdè [dəvən’dɛ], accattètë [ak:a’tɛtə] ‘comprato’, lundènë [lun’dɛnə] ‘lontano’, ngiambëchèvë [nʤambə’kɛvə] ‘inciambava’.

Riprendendo le parole della prof.ssa Del Puente: “il nostro concorso di poesia non ha come principale intento quello di premiare le poesie più belle, ma di far conoscere al mondo la bellezza delle lingue lucane che esprimono sentimenti e pensieri con forza”. Grazie dunque a Giuseppe De Matteo e Giambattista Nubile per aver contribuito con i loro componimenti a far conoscere la lingua di Roccanova.

 

Teresa Graziano

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento