Una nuova avventura per la rubrica “Dialettando”

0

Cari lettori,

a partire da questa uscita, la rubrica “Dialettando”, curata dal gruppo di ricerca dell’Atlante Linguistico della Basilicata (A.L.Ba.), cambia veste: in questo numero, infatti, al posto del consueto articolo riguardante uno specifico dialetto lucano, troverete due poesie, accompagnate da un commento tematico e linguistico.

D’ora in poi, dunque, nell’appuntamento con le lingue della Basilicata si avrà, per ciascun mese, un articolo dedicato ad una singola varietà linguistica, alternato con un altro riguardante il commento di poesie.

I componimenti poetici che saranno presentati, hanno partecipato al I concorso di “Poesia dialettale lucana”, svoltosi nel 2017, e oggi si trovano raccolti nel volume omonimo, a cura dal Centro Internazionale di Dialettologia A.L.Ba.

Poesia dialettale e peculiarità linguistiche del dialetto di Cirigliano

La poesia intitolata Iurnë auělë ‘Giorni uguali’ è stata composta dal Signor Antonio Vincenzo Garrambone.

Il dialetto utilizzato è quello di Cirigliano, paese di nascita dell’autore, un Comune popolato da poco più di trecento abitanti, il più piccolo della provincia di Matera.

Il componimento è strutturato in sette quartine, a rima ABAB e ha come tema principale l’amore per il proprio paese, declinato, però, in chiave malinconica e veicolato da una serie di immagini significative, che come in un cortometraggio, permettono al lettore di vedere ciò che si vedrebbe nella piazza principale di Cirigliano in una mattina di un giorno qualsiasi.

La piazza, situata ai piedi del castello baronale u pualàzzë [u pwaˈlat:sə], con la sua torre ovale domina dall’alto l’intero abitato e le due vallate sottostanti e rappresenta il punto in cui confluiscono tutte le principali vie.

Questi scorci di vita quotidiana sono intrecciati a riflessioni riguardanti il lento scorrere del tempo e la possibilità di riuscire, in qualche modo, ad invertire la rotta. Una speranza di cambiamento in positivo che può venire solo dalle persone, le quali modificando i loro atteggiamenti potrebbero far rivivere ancora il piccolo borgo, ma solo ponendo al centro dell’attenzione le giovani generazioni.

Gli ultimi versi, infine, restituiscono uno sguardo a distanza sull’abitato associato ad un grido di rabbia e di impotenza, da parte di quanti vorrebbero fare qualcosa per risvegliare dal torpore Cirigliano, emblema di tante piccole realtà lucane.

 

Iurnë auělë

Më (g)auzë nu muatè(i)në rë bbuón’órë

e cchiěnë cchiěnë uě sòttë u pualazzë

pë nnandë (g)acchië nu uècchië ca věië fórë

pë nnu muazzë rë šënèstrë sòttë u urazzë.

Pë nn’órë në ppassë cchió n’anëma vè(i)vë

pó véšë dóië vëcchiarèllë pë nnu ššallë

e m’addummuannë: «ma stu puaiè(i)së ié mmurtë o angórë vè(i)vë?»

pëcchè në ssèndë candě manghë nu uallë.

Rë nò(u)ië ggióvënë së só scurdětë tuttë quandë

pènzënë a ffa sta bbunë sólë lë vicchië

infattë ann’aggiustětë sólë u cuambësandë

pë ššé cchiù ccómëtë a mmèttë l’ótëmë cupuirchië.

Avèssëma ièssë aggèndë cchió ddë córë

ca a vè(i)ta nòstë ié ccómë lë quattë staggiò(u)në

së naššë, së crèššë, së paššë e ppó së mórë

në nn’ama krëtëkě sópë lë scalò(u)në.

Rëvëgliamënë uaglió ca qquě së mórë

pótë cambě angórë stu puaisillë

bbastë ca na pëgliěmë cchió ddë córë

e accumuënzěmë a ppënzě a lë uagliëngillë.

Nda na strëttëlècchië (g)acchië nu uëcchiarillë

stěië sò(u)lë, assëttětë nnandë a pòrtë

më uardë, më salò(u)të, së lévë u cuappillë:

«só rrassëgnětë stěuë aspëttannë a mòrtë».

Uardannë a Ccërëgliěnë ra ndònnë u chiěnë

addaiéndë a mmé më sèndë tanda rabbië

rë në pputé fa nindë pu rëvëgliěnë

e allórë më sèndë cómë nu leónë ‘n gabbië.

(Antonio Vincenzo Garrambone)

 

Giorni uguali

Mi alzo una mattina di buon’ora

e piano piano vado sotto il Palazzo

davanti trovo un anziano che va in campagna

con un mazzo di ginestra sotto il braccio.

Per un’ora non passa più anima viva

poi vedo due vecchiette con lo scialle

e mi domando: «ma sto paese è morto o ancora vivo?»

perché non sento cantare più nemmeno un gallo.

Di noi giovani si son scordati tutti quanti

pensano a far star bene solo gli anziani

infatti hanno aggiustato solo il cimitero

per mettere più comodamente l’ultimo coperchio.

Dovremmo essere gente più di cuore

ché la nostra vita somiglia alle quattro stagioni

si nasce, si cresce, si pasce e poi si muore

non ci dobbiamo criticare sopra gli scaloni.

Svegliamoci gente che qui si muore

può campare ancora sto paesello

basta che la prendiamo più di cuore

e iniziamo a pensare ai ragazzini.

In un viottolo ritrovo un vecchierello

sta solo, seduto davanti la porta

mi guarda, mi saluta, si toglie il cappello:

«sono rassegnato sto aspettando la morte».

Guardando a Cirigliano dalla parte del Piano

dentro di me sento tanta rabbia

di non poter far niente per svegliarlo

e allora mi sento come un leone in gabbia.

Passiamo ora a scoprire alcune delle caratteristiche della lingua ciriglianese.

Alcuni tratti linguistici significativi si registrano nell’ambito del vocalismo tonico e riguardano gli esiti prodotti dalle vocali accentate latine.

La A, ad esempio, quando si trova in sillaba aperta, cioè in una sillaba terminante per vocale, produce un esito ě, come nelle parole Cërëgliěnë [ʧərəˈʎ:ɜnə]‘Cirigliano’ e chiěnë [ˈkjɜnə] ‘piano’.

Il simbolo ě rappresenta un suono vocalico intermedio tra una è e una vocale muta ë.

Al contrario, in sillaba chiusa, cioè in una sillaba terminante per consonante, la A si conserva come nelle parole nnandë [ˈn:andə] ‘davanti’ e aspëttannë [aspəˈt:an:ə]‘aspettando’.

Le vocali latine Ī ed Ū, invece, danno come esiti dei vocoidi, composti ciascuno da due vocali, la prima piena e la seconda non completamente realizzata, come nelle parole vè(i)vë [ˈvɛ(i)və] ‘vivo, viva’, matè(i)në [maˈtɛ(i)nə] ‘mattina’, salò(u)të [saˈlɔ(u)tə] ‘saluta’.

Diversa è la situazione che riguarda le vocali non accentate, queste, infatti si riducono quasi sempre a vocale muta ë /ə/, soprattutto quando si trovano in fine di parola.

A ben vedere, la riduzione delle vocali finali a vocale muta, assume un ruolo importante nel testo poetico, riguardante la possibilità di costruire rime che altrimenti sarebbero impossibili: vicchië [ˈvik:jə] ‘vecchi’ / cupuirchië [kuˈpwirkjə]‘coperchio’, pòrtë [ˈpɔrtə] ‘porta’ / mòrtë [ˈmɔrtə] ‘morte’.

Un altro elemento significativo di ciascun dialetto è il consonantismo. In questo ambito il ciriglianese presenta un tratto particolarmente arcaico, ovvero la conservazione della doppia laterale latina -LL-. Si vedano ad esempio le parole (g)allë [ˈɣal:ə] ‘gallo’ e ššallë [ˈʃ:al:ə] ‘scialle’.

Un altro tratto particolarmente evidente prende è la propagginazione e consiste nell’influsso esercitato da una vocale /u/ atona che si riproduce in una sillaba successiva. Questo fenomeno può avvenire nella sillaba iniziale della parola: nu muaté(i)në [nu mwaˈtɛ(i)nə]‘una mattina’, u pualazzë [u pwaˈlat:sə]‘il palazzo’, ma può riguardare anche una sillaba interna: addummuannë [ad:uˈm:wan:ə] ‘domando’.

Gli elementi linguistici passati in rassegna, a cui molti altri se ne potrebbero aggiungere, non sono esclusivi del dialetto ciriglianese, ma si registrano anche in altre lingue lucane. Ciò che, però, rende unico il dialetto ciriglianese è la loro combinazione in sistema.

Francesco Villone

 

La grande valenza culturale del dialetto di Potenza

Il componimento intitolato Lu dialèttё, di Carmela Caggiano, scritto in dialetto potentino, rientra tra quelli premiati nel primo concorso di poesia dialettale indetto dal progetto A.L.Ba.

L’autrice gode di grande stima e affetto nella città di Potenza, per il proficuo lavoro svolto in ambito teatrale insieme al marito Dino Bavusi. I due hanno dato vita a divertentissime e apprezzate commedie, oltre che a numerosi sketch televisivi diffusi su emittenti locali, con gli pseudonimi Zi gёrardё e Zia Carmèla, affiancati dal grande amico Dino Lagrotta alias Zi Rròcchё. Una versione potentina di “Casa Vianello” che per anni è entrata nella vita e nei cuori dei lucani, rappresentando lo scrigno della memoria storica, sociale ma soprattutto linguistica del capoluogo di regione.

Carmela Caggiano ha voluto fortemente partecipare al concorso indetto dal progetto A.L.Ba. con una poesia che testimoniasse tutto l’amore per il suo dialetto: il componimento parla degli anni in cui, a scuola, gli insegnanti si sforzavano di imporre l’italiano come lingua unica, demonizzando il dialetto, considerato proprio degli ignoranti. Successivamente si parla dell’inversione di tendenza degli ultimi anni, grazie alla quale, proprio le istituzioni scolastiche e accademiche, hanno mostrato grande sensibilità verso il tema della salvaguardia dei dialetti. L’autrice chiude il componimento sostenendo la grande importanza della lingua locale, chiedendo di non abbandonarla mai anche al giorno d’oggi che la società è protesa verso l’Europa. L’autrice percepisce l’importanza storica, sociale e culturale del dialetto e la bellezza del particolarismo e del pluralismo al cospetto dell’appiattimento linguistico.

 

Lu dialèttё

Quannё da pёccёninna a la šcòla gìa

la maéstra a ttuttё gnё dёšìa.

In classё manghё na paròla in dialèttё

ma sólё bònё in italianё còrrèttё

pёcché la lingua dё lu pòpòlinё

chi la parlava nun èra niéndё finё.

Mò ca a ppòchё a ppòchё và scumbarènnё

e li rradicё dё lu pòpёlё sё vannё pёrdènnё

sё cérca dё mandёnérlё anguóra in vita

pròpriё da la šcòla ca l’avìa bandita.

Perciò nò da puètéssa, ma da putёnzésa

aggё scrittё sta pòésia sènza avé prétésa,

chi tènё mmanё lu scrittё dё stu fugliéttё

sё dёvёrtёrrà a llèggё na nzénga lu dialèttё

ca à avuttё purё iéddё nu ròssё cagnamèndё

da li burbónё a òšё parlannё divèrsamèndё

tanda paròlё só scumparsё già

qualchèruna la pòzzё purё annummёnà:

la rréfёla, li šcattigliё, lu pulvinё,

lu bòtёnё, lu cёrrigliё, li stёndinё,

l’aramiéddё, lu arrónё, lu ducculё,

la buffétta, la crёšènda, lu rucculё,

lu curluzzё, la dašèrda, li spurciéddё,

mёsalё, pipёlё, salmèndё, e scazzariéddё,

sta lingua culurita e ddёvёrtèndё

dà l’identità alla pròpria gèndё

e ppurё si in Euròpa sómmё già

s’anna fa dё tuttё pё nnun l’abbandunà.

(Carmela Caggiano)

Il Dialetto

Quando da bambina a scuola andavo

la maestra a tutti diceva:

in classe neanche una parola in dialetto

ma solo bene, in italiano corretto

perché chi parlava la lingua del popolino

non era per niente fine.

Ora che va man mano scomparendo

e le radici del popolo si vanno perdendo

si cerca di mantenerla ancora in vita

proprio a partire dalla scuola che l’aveva bandita.

Per questo motivo, non da poetessa ma da potentina

ho scritto questa poesia senza aver pretese,

chi possiede lo scritto di questo foglietto

si divertirà a leggere un poco di dialetto

che pure lui ha subito un grosso cambiamento

dal tempo dei Borbone fino a oggi si parlava in maniera diversa

tante parole sono già scomparse

qualcuna la posso nominare:

lo spiffero, i dispetti, il nevischio,

l’ansa del fiume, la discussione animata di gruppo, gli intestini,

l’avambraccio, il tallone, il lamento,

il tavolo da cucina, il lievito madre, la focaccia tipica potentina,

l’osso sacro, la lucertola, il pretesto,

la tovaglia da tavola, i fiori di ginestra, sterpi di viti e turbine di vento.

questa lingua colorita e divertente

dà l’identità alla propria gente

e anche se siamo già in Europa

si deve fare di tutto per non abbandonarla.

L’autrice utilizza un dialetto fortemente conservativo. Nel componimento si registrano i fenomeni che sono stati descritti nell’edizione dedicata della rubrica “Dialettando” che ha trattato il dialetto potentino. È interessante segnalare la presenza del termine pёccёninna [pət:ʃəˈninna] che nel dialetto di Potenza è oggetto di polarizzazione semantica, infatti generalmente viene selezionato per indicare un ragazzetto in età scolastica, al contrario il neonato viene indicato con il termine criaturё [kriaˈturə]. Nel dialetto potentino, come avviene generalmente nelle parlate galloitaliche di Basilicata, la L- etimologica iniziale diventa /d/-. Nella poesia il termine dašèrda ‘[daˈʃɛrda] ‘lucertola’ fa registrare il fenomeno, mentre lingua conserva la laterale iniziale. In questo caso, l’autrice confessa di aver fatto una precisa scelta, preferendo di non utilizzare il termine arcaico déngua [ˈdengua] ‘lingua’, a suo avviso distante o addirittura non comprensibile per le generazioni più giovani.

Potito Paccione

Share.

Sull'Autore


Lascia un Commento