Auguri a tutte le mamme del mondo

0

Siamo nel mese in cui si celebrano tutte le mamme del mondo e il mese dedicato alla madre per eccellenza, Maria. La seconda domenica  di maggio, infatti, è una giornata dedicata alle nostre mamme che ci hanno donato la vita e che ci donano ogni giorno la loro. Loro, infatti, vivono tanto le nostre gioie, le nostre vittorie quanto i nostri pensieri, le nostre preoccupazioni, i nostri problemi, i nostri dolori, sono capaci di capirci con un solo sguardo. Una mamma è un guscio che ci protegge e se mai dovessimo perderci lei ci cercherà sempre fino a ritrovarci. La mamma tutto comprende, tutto perdona, tutto sopporta, tutto accetta, tutto è pronta a fare e questo perché ama!

Ecco che in occasione di questa festa un nostro affezionatissimo amico Antonio Romano di Montalbano Jonico ci ha inviato due poesie che celebrano la figura della mamma e che, in questo giorno, vogliamo condividere con voi per festeggiare a modo nostro tutte le mamme del mondo.

A mammë

Ji a mammë a tégnë

e iè nnu priéšë

ma ci nònn_à ténë

mègghië dë mé u pótë dišë

c’a mammë iè nnu trësórë

ca valë cchiù dë tand’órë.

A mammë mijë a tégnë ndu córë

agghia vulé sèmbë bbénë

finë a qquannë ji mórë.

Picca uasë, rarë carèzzë

iuócchië stuórtë e angunë šcaffónë…

ma m’è ffattë naššë

m’è ccrëššutë, m’educatë

iè statë tanda preoccupatë

quannë ji só statë malatë.

Quann’agghië fattë malë sërvizzië

tanda vótë m’è ppërdunatë

spissë però m’è ppurë sunatë

ma…cë iérë cumbënatë!

Ògnë iuórnë lavë e strichë

eppurë nun_zë stanghë michë.

Ciértë vótë ji më  mèttë  e ppènzë:

“addó në lë pigghië

fòrzë e pašiènzë!”

La mamma

Io la mamma ce l’ho

ed è una gioia

ma chi non ce l’ha

meglio di me lo può dire

che la mamma è un tesoro

che vale più di tanto oro.

La mamma mia la tengo nel cuore

e le vorrò sempre bene

fino a quando morrò.

Pochi baci e rare carezze

occhiate storte e qualche schiaffone…

ma mi ha fatto nascere

mi ha cresciuto e mi ha educato

è stata tanto preoccupata

quando io sono stato ammalato.

Quando ho fatto cattivi servizi

tante volte mi ha perdonato

spesso però me le ha pure suonate

ma…che avevo combinato!

Quanti sacrifici!

Ogni giorno lava e strofina

eppure  non si stanca!

Certe volte io mi metto e penso:

“dove le prende

forza e pazienza!”

In questi versi l’autore descrive la sua mamma: l’immagine è quella di una mamma severa che ha concesso a suo figlio pochi baci e rare carezze e molte occhiate storte e qualche ceffone versi 10 e 11  picca uasë, rarë carèzzë iuócchië stuórtë e angunë šcaffónë. ma solo perché voleva educarlo  e portarlo sulla buona strada. Una mamma che lo ha cresciuto con tanti sacrifici e si è preoccupata per suo figlio come tutte le mamme del mondo. Emerge l’immagine di una donna forte, d’altri tempi, una lavoratrice che ha cercato di fare del suo meglio e che l’autore porterà sempre nel cuore perché la mamma, dice, è un tesoro che vale più dell’oro versi 5 e 6 c’a mammë iè nnu trësórë ca valë cchiù dë tand’órë.

La seconda poesia che l’autore ci propone è :

Tégnë a ttè

Ci më ruègghië u matinë

e u córë iè ccundèndë

ci uardë lundanë

e më rirënë l’uóchië

ci salutë pë ppriéšë

ògnë iuórnë ca naššë

ci më piašë u passatë

ci më iórë ògnë šurnatë

ci vachë ngòndrë a u futurë

tranguillë e sëcurë

iè ppëcchè tégnë a ttè.

Tengo te

Se mi sveglio il mattino

e il cuore è contento

se guardo lontano

e mi ridono gli occhi

se saluto con gioia

il giorno che nasce

se mi piace il passato

se mi godo ogni giornata

se vado incontro al futuro

tranquillo e sicuro

è perché tengo te.

Da questa seconda poesia si evince che questa mamma anche nella sua severità è riuscita a trasmettere a suo figlio tutto l’amore che solo una mamma può dare. Con questo amore la mamma è riuscita a crescere un uomo sereno, tranquillo e sicuro di sé che guarda con gioia al futuro e ricorda con affetto il passato. Il “con sé” in questi versi assume un significato più profondo che la semplice presenza fisica… “tégnë a ttè” significa più profondamente avere con sé la propria mamma nell’animo…avere nel cuore i suoi preziosi insegnamenti e il suo amore infinito. L’amore che l’autore prova per la propria madre non cambierà mai ed è il faro che ha illuminato e continuerà ad illuminare tutta la sua vita.

I due componimenti sono scritti nel dialetto di Montalbano . Il montalbanese presenta molti fenomeni interessanti. Da questi versi se ne possono evidenziare alcuni. Il primo di questi è la cosiddetta sensibilità alla struttura sillabica ossia la lingua in questione cambia l’apertura della vocale a seconda se questa si trova in sillaba aperta (terminante per vocale) o chiusa (che termina per consonante). Riportiamo degli esempi dalle poesie:

dalla poesia a mammë [a ˈmamːə]“la mamma”

verso 3 ténë [ˈtenə] “tiene”

verso 4 pótë [ˈpotə ] “può”

verso 5 trësórë [trəˈsorə] “tesoro”

verso 7 córë [ˈkorə] “cuore”

verso 8 bbénë  [ˈbːenə] “bene”

ma

verso 10 carèzzë [ˈkarɛtːsə] “carezze”

verso 22 mèttë  e pènzë [ˈmɛtːə e ˈpɛnʣə] “metto e penso”

Nel dialetto di Montalbano, come nella maggior parte dei dialetti lucani, nei nessi consonantici con nasale la seconda consonante sorda diventa sonora :

-NT- > -nd-

Ad es.

poesia a mammë [a ˈmamːə]:

verso 6 tand’órë  [tand_ˈɔrə] “tanto oro”

 

poesia tégnë a tté [ˈteɲːə a ˈtːe]:

verso 2 iè ccundèndë  [jɛ  kːunˈdɛndə] “è contento”

verso 3  uardë lundanë [ˈwardə  lunˈdanə] “guardo lontano”

 

-NC- > -ng-

poesia a mammë [a ˈmamːə]:    

verso 20 stanghë [ˈstangə]“stanca”

verso 9 poesia tégnë a tté [ˈteɲːə a tːe]: ngòndrë [ˈngɔndrə]“incontro”

 

-MP- > -mb-

poesia a mammë [a ˈmamːə]:

verso 8 sèmbë [ˈsɛmbə] “sempre”

 

C’è poi l’assimilazione del nesso –ND- > -nn-

ad es. a vv.9 e 15 della poesia a mammë [a ˈmamːə]:    quannë  [ˈkwanːə] “quando”.

Questi sono solo alcune delle caratteristiche della bellissima lingua di Montalbano Jonico. Ringraziamo l’amico Antonio Romano per averci dato la possibilità di celebrare e omaggiare la figura della mamma con i suoi bellissimi versi.

Tandë a(g)urië a ttuttë i mammë du: munnë

dalla Prof.ssa Patrizia Del Puente e Gruppo di Ricerca CID

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Rispondi