IL DIALETTO IN POESIA: AVIGLIANO E TITO

0

Poesia e peculiarità linguistiche del dialetto di Avigliano

La poesia Lu spusalizië rë na vòta è stata scritta dal sig. Salvatore Lucia. La poesia consta di 18 versi legati fra di loro attraverso rime baciate, come nel caso dei vv. 2 e 3, che si chiudono rispettivamente con mmèndëparèndë, o attraverso delle consonanze, come quelle che legano i vv. 6 e 7, che terminano rispettivamente con nga e manga.

Il componimento tocca il tema del ricordo e della rievocazione delle tradizioni passate, e in particolare delle feste di matrimonio.

Si trattava di una festa molto semplice, ma allo stesso tempo tanto attesa da grandi e piccini. Emerge  un’immagine assai diversa da quella dei matrimoni odierni: il pranzo nuziale aveva luogo in una masseria e le donne della famiglia si preoccupavano di preparare il pranzo della festa per gli invitati con portate semplici, come pasta e vino. Leggendo questa poesia sembra di poter vedere la gioia dei partecipanti e di sentire gli odori della cucina.

Traspaiono dalle righe di questo componimento nostalgia ed emozione per un tempo passato che non si ripeterà più.

 

Lu spusalizië rë na vòta

 

Fèsta (g)ròssa a la massarìa

Angòra më vènë a mmèndë

Tanda ggèndë pë lu spusalizië rë la parèndë.

Lu matinë tuttë a la filë, vëstutë cu l’aggiéttë,

aspëttamë la bbusta cu ppaninë, mëstazzuólë e ccumbiéttë.

A mmiézzëiuórnë na tavëlata lònga,

a la massarìa lu luóchë nun manga.

Gli zitë a ccapë tavëla së (g)òrënë la fèsta,

quéssa èglia la šurnata lòrë

l’ànnë aspëttata ra quannë èrënë criaturë.

Rë ffémmënë nòstrë, ra la cucina,

pòrtënë pë ttuttë pasta a vvinë.

Nguacchërunë ià ggià mbriachë a rrirë cundèndë,

purë ca së vérë ca lë manga cchiù ca nu rèndë.

Gli pariéndë ngë só ttuttë,

abballamë e ssunamë finë a nnòttë

a lu suónnë nun gë vènë.

Òšë parë ca në vulimë tuttë bbènë.

 

Il matrimonio di una volta

 

Grande festa alla masseria,

la ricordo ancora,

tanta gente per il matrimonio della parente.

La mattina tutti in fila, vestiti con garbo,

attendiamo la busta con panino, biscotto col naspro e confetti.

A mezzogiorno una lunga tavolata,

nella masseria lo spazio non manca.

Gli sposi a capotavola si godono la festa,

questo è il loro giorno,

lo hanno aspettato da quando erano bambini.

Le nostre donne, dalla cucina,

portano pasta e vino per tutti.

Qualcuno è già ubriaco e ride contento,

anche se si vede che gli manca più di un dente.

I parenti ci sono tutti,

balliamo e suoniamo fino a tarda notte

e il sonno non arriva.

Oggi sembra che ci vogliamo tutti bene.

Ma passiamo ad analizzare la lingua di questa poesia. Il componimento è scritto in dialetto aviglianese. Vediamo alcuni dei principali tratti linguistici che lo caratterizzano.

Si registra la presenza del Raddoppiamento Fonosintattico dopo l’articolo femminile plurale [rə], come in ffémmënë [rə ˈf:em:ənə] ‘le donne’ (v. 11), e l’esito (-)š– (-)[ʃ]- di alcuni nessi consonantici latini, come ad esempio -DI- in HODIE > òšë [ˈɔʃə] ‘oggi’ (v. 18).

L’aviglianese è l’unico dialetto lucano che presenta l’articolo gli [ʎi] ‘gli’ davanti a tutti i sostantivi maschili plurali, sia quelli inizianti per vocale, sia quelli inizianti per consonante, come accade per gli zitë [ʎi ˈtsitə] ‘gli sposi’ (v. 14) o per gli pariéndë [ʎi paˈrjendə] ‘i parenti’ (v. 15). Normalmente infatti questa forma di articolo si usa esclusivamente davanti a nomi maschili plurali inizianti per vocale.

Inoltre, peculiarità aviglianese è anche la forma èglia [ˈɛʎ:a] ‘è’ (v. 12) della III persona singolare del presente indicativo di essere. Questa forma, pur essendo usata in co-occorrenza con altre, [ja](v. 14) ed è [ɛ], è quella che viene considerata identificativa del dialetto aviglianese dai parlanti stessi e dagli abitanti degli altri comuni circostanti.

Teresa Carbutti

 

Tito in poesia.

“Lë bbëllézzë dë la tèrra nòstra” è un componimento poetico presentato da Luisa Salvia al I concorso di poesia dialettale lucana, tenutosi nel 2017. L’autrice, titese di nascita e vissuto, è un’ex insegnante di scuola dell’infanzia, con la grande passione per la poesia. È, inoltre, la presidente dell’Associazione culturale “Donne ‘99”, molto attiva in ambito territoriale e promotrice di diverse iniziative.

La poesia è composta in versi liberi.

Compaiono frequenti allitterazioni che conferiscono un andamento ritmato al testo. Allo stesso scopo concorrono i numerosi enjambements, che spezzano il verso in punti strategici, creando un effetto di attesa. Le immagini che si snodano compongono una tela dai colori vivi, che sfumano dal dorato del grano estivo fino al progressivo incupimento dei toni autunnali, che non corrisponde, però, a un calo emozionale. A questo punto, il lettore è totalmente avvolto, tanto da percepire anche il profumo dell’esplosione della potenza naturale.

Il tema centrale è racchiuso nel titolo: l’esaltazione delle bellezze della Basilicata.

Il componimento inizia lanciando una sfida a coloro che non credono nelle potenzialità di questa regione; di qui il piccolo viaggio, quasi in timelapse, attraverso paesaggi, stagioni e prodotti della terra. Segue una piccola riflessione positiva sull’incremento del turismo negli ultimi anni.

Nella chiusa s’immagina che, alla fine di questo percorso immersivo, l’intero popolo lucano, di cui l’autrice si fa portavoce, riconosca la sua ricchezza nella terra, punto di origine e di necessario ritorno. 

Lë bbëllézzë dë la tèrra nòstra

Si la ggènde, vënènne

a sti paìsi nòstri

dišë ca nu gn è nniéndi,

fašémëgnë vëdé

lë vignë d’uva ghianga

e uva né(g)ra,

ca quannë addëvènda vì

sa ccómë lu rësòliu!

Si è istada, purtémëla

a vvëdé addó së mié(d)ë

lu (g)rà, addó lë dénzë

dë maiònnëca e ssara(g)ulètta,

ca së muóvënë cu lu vèndu,

parënë d’òru!

Cèrtu rëstërrà ‘n gandada

la ggèndë ca sèndë

l’addórë indë d’òrti

chiéni dë ògni bbè dë Ddìu:

pummadòri, puparuli

e ffrutti dë ciéndu chëlóri…

së pudéssë fa nu quadru!

E ppuru lë staggiónë mòrtë

addó noi nun zó mmòrtë:

li bòšchi, castagnë, nóšë

e sóttë tèrra créššë lu ppà.

Menu malë ca mò sta

tèrra nòstra la uardënë

cchiù mmiégliu … vènënë puru

da lundanu, pëcché gn’è

lu marë, palazzi

andichi, tórrë e ccastiéddi,

ca só nu paradisu.

Allóra, a chi pròpria

nu lu capiššë,

pigliènnë na giummiédda

dë tèrra pudému dì:

“Qui è ttutta la ricchézza,

la vèra ricchézza,

dë sta Lucania bbèlla,

nun vë l’avida mai šcurdà”.

 

Le bellezze della nostra terra

Se la gente, venendo

nei nostri paesi,

dice che non c’è niente,

facciamole vedere

le vigne di uva bianca

e uva nera,

che quando diventano vino

hanno il sapore del rosolio!

Se è estate, portiamola

a vedere dove si miete

il grano, dove le distese

di Majonica e Saragollo,

che si muovono con il vento,

sembrano d’oro!

Certamente resterà incantata

la gente che sente

l’odore negli orti

pieni di ogni ben di Dio:

pomodori, peperoni

e frutta di cento colori…

si potrebbe fare un quadro!

E anche le stagioni morte

da noi non sono morte:

i boschi, le castagne, le noci

e sotto terra cresce il pane.

Meno male che ora questa

nostra terra ha acquistato

prestigio… vengono perfino

da lontano, perché c’è

il mare, i palazzi

antichi, torri e castelli,

che sono un paradiso.

Allora, a chi proprio

non lo capisce,

prendendo una manciata

di terra, potremmo dire:

“Qui è tutta la ricchezza,

la vera ricchezza,

di questa Lucania bella,

non ve lo dovete mai dimenticare!”

 

 

Dal punto di vista linguistico, Tito, pdr 44 dell’A.L.Ba., offre innumerevoli spunti di riflessione.

La sua grande peculiarità, insieme a pochi altri, è quella di essere una colonia galloitalica, come Potenza (vedi articoli precedenti), quindi classificabile come dialetto settentrionale. Qui di seguito daremo un piccolo assaggio della sua ricchezza, partendo dagli elementi offerti dal componimento.

Il paradigma degli articoli, a Tito, presenta quattro forme distinte e piene.

  SINGOLARE PLURALE
MASCHILE  lu rësòliu [lu rə’sɔlju] li bòšchi [li ‘bɔʃki]
FEMMINILE  la ggènde [la ‘d:ʒɛndə] vìgnë [lə ‘viɲ:ə]

 

Dal componimento possiamo estrapolare altri due tratti molto significativi, distintivi del galloitalico.

La lenizione delle sorde intervocaliche prevede che  -P-, -T-,-K- evolvano nelle sonore -v-, -d- oppure -(d)- [ð], -(g)- [ɣ] (le ultime due sono da pronunciarsi indebolite).

Gli esempi riscontrabili all’interno della poesia sono inerenti alla sola occlusiva dentale sorda (-T-):

mié(d)ë [‘mjeðə] “miete”, ‘n gandàda [ɳgan’dada] “incantata”, pudéssë [pu’des:ə] “potrebbe”, ma letteralmente “potesse”.

Un altro fenomeno molto radicato e importante è quello dell’apocope, nei bisillabi, dell’ultima sillaba contenente una nasale dentale.

Gli esempi forniti dal testo sono: vì [vi]“vino”, bbè [b:ɛ] “bene”, ppà [p:a] “pane”.

Anche questa poesia è stata preziosa per poter illustrare alcune delle tante peculiarità della varietà titese. Tutto il resto verrà svelato prossimamente, quando ci occuperemo del punto 44.

 

Vita Laurenzana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi

Sull' Autore


Lascia un Commento