IL DIALETTO IN POESIA: Avigliano e Viggiano

0

La lénga rë lu còrë: un inno al dialetto

La poesia La lénga rë lu còrë  “la lingua del cuore” è stata composta in dialetto aviglianese da Crescenzia Maria Lucia. L’autrice è nata a Ravne in Slovenia, ma vive in Basilicata dall’età di quattro anni ed è figlia di papà filianese.

Ha dedicato la sua vita all’insegnamento: dalle scuole elementari alle superiori passando per le medie. Attualmente è in pensione, ma tiene un corso di dialettologia all’Auser di Potenza. Sì, perché Crescenzia, tra le sue tante passioni, ha anche quella per il dialetto e questo componimento è un vero e proprio inno al dialetto!

Proprio per questo lei è una grande Amica del gruppo A.L.Ba. che segue da anni con affetto e curiosità. Al nostro fianco combatte per diffondere la cultura dialettale nella consapevolezza che, come insegna la presente poesia, il dialetto è la lingua del cuore, quella che ci restituisce le nostre radici, la nostra storia.

Tra l’altro ricordiamo che il primo testo pubblicato in ADL (Alfabeto dei Dialetti Lucani) è proprio una sua poesia.

La poesia che segue è composta da 22 versi a rima baciata AA,BB,CC…

La lénga rë lu còrë

Cu la lénga rë gli nnandënatë së parlaia,

na vòta, e ògni paisë la sóia ausaia.

Èra pròpië allëcchèttë! Nun parë purë a tti?

Mò, ricë chë vvuói, ma nunn èglia cchiù accussì!

Na nzénga ngë cólpa purë la scòla: ià cagnatë,

cèrtë ma(g)éstri nun vòlënë sèndë cchiù sta parlata,

ca uasta lu talianë e ppòrta la gnurandëtatë vanë rëcènnë

e ttanda mammë e attanë a stë cciunnézzë vanë crërènnë

a gli figli pruibiššënë rë parlà lu dialèttë

së no, pènzënë, ca ra la scòla nunn ènzënë përfèttë.

Ijë pènzë ca lu talianë, nglésë, frangésë…l’aia mbarà

së vuói canóššë lu munnë e ttruà ra fati(g)à,

lu dialèttë nun të facë cambà, fati(g)a nun të në raië,

ma èglia la lénga rë rë rarëchë nòstrë e nun s’adda lassà mai.

A mmi lu dialèttë piacë assai e pprëcisë l’aviglianésë,

pëcchè ra quann’èra ccënénnë l’àggë sèmbë ndésë

e ssó ccundenda ca gli’ aviglianisë nduvónga vanë

parlënë dialèttë, purë së sannë bbuónë lu talianë.

Èglia na prëšézza (g)ranna a ddì paròlë cumë: zaccarósa,

aggiéttë, mbamë, travagliónë, annauzulà, vërtërósa…

Quandë më piacë chiamà lu dialettë “la lénga rë lu còrë”!

E ògnarunë la sóia l’adda tënè šëlósa e cu ttandë amórë.

 

 La lingua del cuore

Con la lingua degli antenati si parlava,

un tempo, e ogni paese usava la propria.

Funzionava tutto alla perfezione! Non sembra anche a te?

Ora, dici quello vuoi, ma non è più così!

Un po’ di colpa ce l’ha anche la scuola: è cambiata,

certi insegnanti non vogliono sentire più questa parlata

che danneggia l’italiano e favorisce l’ignoranza dicono

e tante mamme e papà credono a queste assurdità

e proibiscono ai figli di parlare il dialetto

altrimenti, ritengono, che dalla scuola non escono impeccabili.

Io penso che l’italiano, l’inglese, il francese…li devi imparare

se vuoi conoscere il mondo e trovare da lavorare.

Il dialetto non ti fa vivere, non ti dà lavoro,

ma è la lingua delle nostre origini e non si deve mai tralasciare.

A me il dialetto piace moltissimo e soprattutto l’aviglianese

perché da quando ero piccola l’ho sempre sentito parlare

e sono contenta che gli aviglianesi, dovunque vadano,

parlino dialetto, anche se conoscono bene l’italiano.

È una grande gioia pronunciare parole come: piacevole e simpatico,

garbo e competenza, irrequieto, che grosso guaio!, origliare, virtuosa…

Quanto mi piace chiamare il dialetto “la lingua del cuore”!

E ognuno deve custodire la propria gelosamente e con tanto amore!

Crescenzia Maria Lucia, Avigliano

L’autrice richiama un tempo in cui si parlava in dialetto e la comunicazione funzionava alla perfezione fino al ventennio fascista durante il quale fu perseguita una precisa politica linguistica: la lingua costituiva il supporto al nazionalismo e all’esaltazione dell’italianità e quindi era necessario difendere l’italiano contro i dialetti.

A partire da questo momento la scuola cominciò a stigmatizzare il dialetto e di conseguenza anche le famiglie proibirono ai propri figli di parlare in dialetto.

Oggi il dialetto sta riacquistando la sua dignità, come è giusto che sia, perché rispetto all’italiano i dialetti hanno solo una diffusione geografica meno estesa, ma non minore dignità e, esattamente come l’italiano, hanno una complessa e ricca struttura.

Un dialetto non è una forma degradata dell’italiano, ma è un sistema linguistico in sé, compiuto, che dell’italiano condivide l’origine. L’italiano, ricordiamolo, non è altro che l’evoluzione di un dialetto, il fiorentino.

Perché proprio il fiorentino? Sicuramente non per una superiorità intrinseca di quest’ultimo perché nessuna lingua può considerarsi intrinsecamente superiore a un’altra, ma per una serie di cause extra-linguistiche, fra le quali vanno annoverate quanto meno:

la presenza, nello spazio di poco più di un secolo di tre autori toscani del calibro di Dante, Petrarca e Boccaccio; la supremazia culturale ed economica di Firenze dal Trecento al Cinquecento e la centralità geografica della Toscana rispetto alla penisola italiana nel suo complesso.

Conoscere e parlare il dialetto non significa, quindi, come alcuni suoi ottusi detrattori dicono, non essere in grado di parlare un perfetto italiano, tutt’altro…conoscere le struttura delle due lingue, italiano e dialetto, consente di non trasportare nell’italiano costrutti propri del dialetto e parlare quindi una lingua standard meno contaminata e con meno errori. Un esempio per tutti: l’accusativo preposizionale.

L’accusativo preposizionale è quel fenomeno per cui il complemento oggetto riferito a persona è preceduto dalla preposizione a:

  1. chiama a mamma;
  2. vado a prendere a papà alla stazione.

Questo fenomeno è caratteristico dei dialetti meridionali, ma non essendo conosciuto e riconosciuto viene erroneamente usato nell’italiano regionale.

L’autrice negli ultimi versi della sua poesia pone l’accento sulla forza espressiva del dialetto elencando parole come: zaccarósa, aggiéttë, mbamë, travagliónë, annauzulà, vërtërósa. Tradurre queste parole in italiano non è stato semplice e la nostra traduzione, fatta in alcuni casi ricorrendo a perifrasi o a più parole (come per aggiéttë “garbo e competenza”), non è riuscita a rendere fino in fondo il significato pieno della parola dialettale, anzi lo ha quasi banalizzato.

Crescenzia in chiusura definisce il dialetto La lénga rë lu còrë “la lingua del cuore”.

Crescenzia è insegnante di lettere e scrive in italiano, ma con la stessa competenza scrive e poeta anche in dialetto. Conosce il dialetto, ama parlare in dialetto perché parla con il cuore, lo stesso cuore che mette in tutte le cose che fa!!!

Giovanna Memoli

 

Tèrribbëlë rijatë, la funzione sociale della poesia dialettale.

La poesia Tèrribbëlë rijatë è scritta dal sig. Mario Pisani nel dialetto di Viggiano.

Il componimento consta di 25 versi caratterizzati da una metrica libera e dalla presenza di alcune rime baciate.

La poesia  tocca l’attualissimo tema della violenza sulle donne. L’autore attraverso un linguaggio semplice e genuino delinea i tratti di una complessa ed infelice relazione tra una donna piena di risorse, generosa e prodiga, e un uomo che, colto dall’incapacità di confrontarsi con tanta grandezza, si macchia di terribili e innominabili reati.

Il componimento ha partecipato al I Concorso di poesia dialettale lucana indetto dal Progetto A.L.Ba, ed ha ricevuto una menzione speciale per il valore sociale. 

Tèrribbëlë rijatë

Nun ngè fiurë senza addụrë

Nun ngè fìmmëna sènza amụrë.

Accussì a ritta andica a culụra.

Sta fëmmënèdda c’a vita nòsta nzapụra

cu na parulicchia rucia ognë malë cura.

Rë mittë pacë u tènë ndu ssanghë

e së spartë ‘n guattë pë ttuttë quandë.

Sèmbë cu li pira pë ‘n dèrrë, ara nindë,

iè ccapacë dë crijà nu munnë ngandatë

e ppurë na scarpitta scarcarata,

a facë rëvëndà nu castiëddë fatatë.

Cchiù dë na vòta pèrò, pë ffa lë rivingiụsë,

o pèggë angòra, sulë picchì pënzamë

ca ama ièssë nuië a ppurtà lë cauzụnë,

nu bbulimë capiššë pròprië raggiunë.

Arrëvamë a ffarla sèndë na ngamata

e mmënà capë sóttë tuttë chirë ca,

cu ttandë amụrë,  s’èra crijatë.

E angòra manghë avasta,

rë në macchià rijatë, tèrribbëlë rijatë,

siccata a linga manghë nnummënatë,

sulë pëcchì, ròppë tandë, s’à ddatë na rë(g)ulata,

e së n’avë addunatë c’avìja ratë u còrë

a chi nón s’avìja mmërëtatë.

Iòmmënë… m’abbrë(g)ugnë rë ngë ièssë natë.

 

Terribili reati

Non c’è fiore che non profuma,

non c’è donna che non da amore.

Così un vecchio proverbio la “dipinge”(la definisce).

Questa donnina, che alla nostra vita da sapore,

con una parolina dolce ogni male cura.

Il mettere pace “ce l’ha nel sangue”(è una sua dote naturale),

si divide in quattro per tutti.

Rimanendo sempre con i piedi per terra, dal nulla,

ha la capacità di creare un mondo incantato,

e, anche una piccola cascina malandata,

riesce a trasformarla in un castello fatato.

Più di una volta, però, per averla sempre vinta,

o, ancora peggio, solo perché pensiamo

che dobbiamo essere noi a portare i pantaloni,

non vogliamo sentire ragioni.

Arriviamo a farla sentire una buona a nulla

e mandare all’aria tutto quello che,

con tanto amore, si era creato.

E ancora non basta

di macchiarci di terribili reati,

“seccasse la lingua solo a nominarli”(orrori che non vanno nemmeno menzionati),

solamente perché dopo tanto se ne è resa conto

e si è accorta che aveva dato il cuore

a chi non se lo era meritato.

Uomo…mi vergogno di esserci nato.

Mario Pisani, Viggiano

All’interno della poesia osserviamo la presenza di addụrë [a’d:urə] ‘odore’ e fiurë [‘fjurə] ‘fiore’ v.1, amụrë [a’murə] ‘amore’ e fimmëna [‘fim:əna] ‘donna’ v.2, picchì [pi’k:i] ‘perché’ v.13, linga [‘linga] ‘lingua’ v.21. Queste parole sono caratterizzate dal vocalismo tonico di tipo siciliano, che all’interno del panorama linguistico lucano caratterizza  il dialetto di Viggiano.

Nella poesia al verso 6 troviamo ssanghë [‘s:angə] ‘sangue’ dove la consonante iniziale doppia indica il genere neutro in opposizione al maschile che non presenta, invece, il rafforzamento della consonante iniziale.

Il dialetto di Viggiano è caratterizzato anche dal fenomeno del rotacismo, ovvero del mutamento in /r/ di una -D- latina etimologica, sia che essa si trovi in posizione iniziale di parola che in posizione interna. Infatti nella poesia rintracciamo ritta [‘rit:a] ‘detto’, rucia [‘rutʃa] ‘dolce’, pira [‘pira] ‘piedi’, chirë [‘kirə] ‘quello’, ròppë [‘rɔp:ə] ‘dopo’, ratë [‘ratə] ‘dato’, [rə] ‘di, che sono tutti lessemi con rotacismo.

La poesia Tèrribbëlë rijatë presenta dunque bene il dialetto di Viggiano, perché mostra esempi dei principali fenomeni linguistici che interessano questa parlata sia in ambito vocalico che consonantico.

Anna Maria Tesoro

Condividi

Sull' Autore


Lascia un Commento