IL RIFLESSO DEL PASSATO

0

I componimenti scelti per questo numero della nostra rubrica sono estratti dalla raccolta prodotta in seguito al secondo concorso di poesia dialettale lucana, tenutosi nel 2018.

La prima poesia è stata scritta da Mario Appella, nella varietà di Castronuovo di Sant’Andrea, punto di rilievo 101 dell’A.L.Ba.

Il testo si compone di un’unica strofa, in versi liberi.

Centrali sono le immagini del passato, offuscate dal turbamento per la visione presente: un vecchio vicolo che versa in stato di abbandono.

L’autore sottolinea, per negazione, la distanza con un tempo ormai andato, un tempo fatto di vita, di ragazzi, di cura, mettendo in luce anche un altro tema molto sentito: lo spopolamento dei nostri paesi.

La ricerca del lavoro, la voglia di evasione si sentono forte soprattutto nei centri più piccoli, che ogni giorno muoiono sotto i nostri occhi impotenti.

L’attaccamento e l’inquietudine si manifestano anche nella scelta di un lessico forte, d’impatto, nella descrizione particolareggiata delle case fatiscenti e dell’incuria delle strade.

 

Aggë turnètë ndu strittulë vècchië

Ci_aggë turnètë ndu strittulë vècchië

ma non ng’è cchiù nè ppènë nè mmësèrië.

A tònëchë dò chèsë iè ggià tutta scurcètë

e ad_angunë purë u sulèrë s’à sfunnètë.

O uagliunë non ngë në su cchiù

e o viécchië c_u sèpë adduvë su.

C’è ll’èrvë crëššutë mmiénzë a víjë

e tandë crëstëiènë ca, iuórnë iuórnë,

së në pigliënë a víjë.

Pòvërë pajisë míjë stèië furnènnë

e u còrë míjë ppë cchissë stèië chiangènnë.

Sono tornato nel vicolo vecchio

Sono tornato nel vicolo vecchio

ma non c’è più né pane né miseria.

L’intonaco delle case è già tutto scrostato

e a qualcuna pure il soffitto si è sfondato.

I bambini non ci sono più

e i vecchi chissà dove sono.

C’è l’erba cresciuta in mezzo alla via

e tanta gente che, giorno dopo giorno,

continua ad andar via.

Povero paese mio stai finendo

e il cuore mio per questo sta piangendo.

Il componimento di Mario Appella ci dà la possibilità di analizzare diversi fenomeni caratteristici della varietà castronovese.

Per tutto il testo leggiamo forme come turnètë (tornato), ppènë (pane), chèsë (case), sulèrë (solaio), sfunnètë (sfondato) e così via. Si evince, da qui, l’esito palatalizzato della vocale latina A, che in posizione tonica e in sillaba libera dà, appunto, la vocale palatale /è/ [ɛ].

Dal punto di vista morfologico, un tratto sentito come peculiare dai parlanti è l’articolo determinativo femminile plurale: /ò/ [ɔ], che si riscontra nella forma “dò chèsë” (delle case).

Interessante è, poi, notare la scelta dell’ausiliare operata dalla varietà castronovese.

Fin dal titolo si nota che questa lingua seleziona l’ausiliare avere per i verbi inaccusativi, lì dove per esempio l’italiano seleziona essere.

Infatti “Aggë turnètë”, letteralmente, si tradurrebbe “ho tornato”.

 

Il secondo componimento, Saglië, è stato scritto da Debora Bochicchio, nella varietà potentina.

La poesia si articola in sette strofe di distici in rima baciata.

È chiaro l’impatto della modernità del presente, manifesta nella costruzione delle scale mobili più lunghe d’Europa, una delle peculiarità della città capoluogo. Questa modernità, però, non sempre dà quello che ci si aspetterebbe. Il passato di un centro storico pieno di vita, di ricchezza, sembra essere solo un blando riflesso. L’autrice sottolinea infatti, con amarezza, l’abbandono di queste strade piene di storia, la progressiva pigrizia delle persone:

Tënémmë i scalë mobbëlë cchiù llunghë d’Euròpa, cchi ggrandë ricchézzë,

ma së vérë sèmbë ménë ggèndë ca gnë va ssóva, e ssë në carënë a ppiézzë.”

(“Abbiamo le scale mobili più lunghe d’Europa, che grande ricchezza,

ma si vede sempre meno gente che ci va sopra, e cadono a pezzi.”)

Il componimento si conclude con un accorato e implicito appello ai concittadini a ritornare a valorizzare le bellezze della città, dove ognuno ritrova sempre la parte più vera di se stesso.

Saglië

Saglië, saglië, saglië, së saglië sèmbë ind’a sta città,

ma p’arruwà addó? Niššunë, ormai, fórsë cchiù u sa…

Tënémmë i scalë mobbëlë cchiù llunghë d’Euròpa, cchi ggrandë ricchézzë,

ma së vérë sèmbë ménë ggèndë ca gnë va ssóva, e ssë në carënë a ppiézzë.

Tënémmë i ccèndë scalë, sì só ppròprië cèndë, quédd’a Vviale Dandë,

ma i cristianë nun i fannë mai, dišënë ca só ppësandë, ca só ttandë.

Tënémmë quédda bbèlla scalinata ca partë da diciòtt’aóstë e nghiana alla fundana

e mmèndrë saglië të virë mèzza Putènza, oh cchi mmeraviglia, ogni mmalannë të sana.

Sagliémmë, sagliémmë, sagliémmë sèmbë ind’a sta città

e arruammë addó i ccòsë parlënë dë nói e ddišënë tanda vërëtà.

Ind’a qquéddi vvichë addó è nnata Putènza putémmë cammënà:

San Michèlë, li ffamósë pòrtë, la tanda maltrattata Trënëtà.

E nnun_va nniéndë si tënémmë um_bò d’affannë pë vvia dë li ssagliutë,

tutta sta bbellézzë va ccustodita, pëcché pë nnói è ggrazia ricevutë. 

Sali

Sali, sali, sali, si sale sempre in questa città,

ma per arrivare dove? Nessuno, ormai, forse più lo sa…

Abbiamo le scale mobili più lunghe d’Europa, che grande ricchezza,

ma si vede sempre meno gente che ci va sopra, e cadono a pezzi.

Abbiamo le cento scale, sì son proprio cento, quelle a Viale Dante,

ma le persone non le fanno mai, dicono che sono pesanti, che sono tante.

Abbiamo quella bella scalinata che parte da XVIII agosto e sale alla fontana

E mentre sali vedi mezza Potenza, oh che meraviglia, ogni malanno ti cura.

Saliamo, saliamo, saliamo sempre in questa città

e arriviamo dove le cose parlano di noi e dicono tante verità.

In quei vicoli dove è nata Potenza possiamo camminare:

San Michele, le famose porte, la tanto maltrattata Trinità.

E non fa niente se abbiamo un po’ di affanno a causa delle salite,

tutta questa bellezza va custodita, perché per noi è grazia ricevuta.

La varietà di Potenza è stata più volte oggetto della nostra analisi linguistica, anche grazie all’ampia partecipazione di poeti potentini alle edizioni del concorso di poesia dialettale lucana indetto dal CID.

Nonostante la giovane età dell’autrice, nel dialetto usato si riscontra uno dei tratti tipici delle varietà galloitaliche: la lenizione delle consonanti occlusive sorde intervocaliche (-P-, -T-, -K- diventano -b- (o -v-), -d-, -g-, con le rispettive forme indebolite). Questo è evidente segno della consapevolezza del proprio dialetto.

Un esempio tratto dal testo è, al quarto verso, la forma “sóva” (“sopra”). In questo caso, la consonante occlusiva sorda -P-, dopo un esito intermedio –(b)-, diventa -v-.

Dal punto di vista fonetico, una possibile evoluzione della consonante -D- è la -r-, che subisce il cosiddetto fenomeno del rotacismo. Diversi sono gli esempi forniti dalla poesia:

“së vérë”  (“si vede”),  “carënë” (“cadono”), v. 4.

Notevole è anche la conservazione, seppur parziale, della forma piena dell’articolo determinativo femminile plurale li, che, oggi, presenta come allomorfo più frequente i.

“li ffamósë pòrtë”, v. 12 (“le famose porte”)

“li ssagliutë”, v. 13 (“le salite”)

 Negli altri casi, infatti, si riscontra la forma moderna dell’articolo, reso come i.

i scalë mobbëlë, v. 3 (“le scale mobili”)

i ccòsë, v. 10  (“le cose”).

Vita Laurenzana

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento