Trivigno in versi

0

Na fëndanë pë rriónë

Na fëndanë pë rriónë

éra bbèllë da uardà

ma a qqualcunë nën _biacíë

e à ppënzatë da a lëvà.

 

Dittatórë, dittatórë

ca fai dannë a ttuttë l’órë

i fundanë mmiézzë a vië

nën_butịvënë rëstà?

 

Camënènnë p’i riónë

cchè ttrëstèzzë, cchè mbrëssiónë

quiddi pòstë sènza fòndë

nën_zë pòtënë cchiù uardà.

                                                               Vito Luongo

 

Una fontana per rione

Una fontana per rione

era bella da guardare

ma a qualcuno non piaceva

e ha pensato di toglierla.

 

Dittatore, dittatore

che fai danni a tutte le ore

le fontane nelle vie

non potevano restare?

 

Camminando per i rioni

che tristezza, che impressione,

quei posti senza fonte

non si possono più guardare.

Vito Luongo

 

 

Paisë mië

Më rëcòrdë u paisë mië dë na vótë

quannë së sëndíë u fërrarë

ca vattíë u fiérrë,

u bbannëtórë ca (g)rëdènnë

chiamavë a ggèndë pë ffa a spésë,

i zuócchëlë dii cavaddë

ca iévënë fórë,

i fèmmënë ca passavënë

pë ié a nvurnà u panë;

a sérë së vëdịvënë i calabbaššë

ca sëmbravanë accarëzzà

a ggèndë ca turnavë da fórë.

U paisë mië…

Më rëcòrdë angórë quiddu tiémbë

e mmë tróvë n’ata vótë criaturë

pë ttụttë i rëcuórdë du passatë.

Paisë mië…

Mò saccë ca të vòglië bbénë.

Maria Relvini

 

Paese mio

Ricordo il mio paese di una volta

quando si sentiva il fabbro

che batteva il ferro,

il banditore che gridando

chiamava la gente per fare la spesa.

Gli zoccoli dei cavalli

Che andavano in campagna,

le donne che passavano

per andare a infornare il pane;

la sera si vedevano le lucciole

che sembravano accarezzare

la gente che tornava dalla campagna

il mio paese…

ricordo ancora quel tempo

e mi ritrovo bambina

con tutti i ricordi bambina.

Paese mio…

Ora so che ti amo.

Maria Realvini

 

 

I componimenti sono scritti in dialetto trivignese. Vito Luongo nella poesia Na fëndanë pë rriónë  [na fənꞌdanə  pə ꞌrrionə]intende omaggiare le fontane di Trivigno. Dittatórë, dittatórë ca fai dannë a ttuttë l’órë [dit:aꞌtorə  dit:aꞌtorə  ka  fai  ꞌdan:ə  a  ꞌt:ut:ə  ꞌl_orə] ‘dittatore, dittatore che fai danni a tutte le ore’, comincia così la seconda strofa che esprime una critica verso chi ha preso la sciagurata decisione di eliminare le fontane che arricchivano le piazze e gli slarghi del paese, oggi lasciati tristemente vuoti, come viene ribadito nella terza strofa: Camënènnë p’i riónë cchè ttrëstèzzë, cchè mbrëssiónë quiddi pòstë sènza fòndë nën_zë pòtënë cchiù uardà  [kaməꞌnɛn:ə  p_i  riꞌonə  k:ɛ  t:rəꞌstɛt:sə  k:ɛ  mbrəꞌs:jonə  ꞌkwid:i  ꞌpɔstə  ꞌsɛndza  ꞌfɔndə  nən dzə  ꞌpɔtənə  k:ju  warꞌda] ‘Camminando per i rioni che tristezza, che impressione, quei posti senza fonte non si possono più guardare’. L’acqua rappresenta uno dei beni primari per l’uomo e nella società contadina era una vera e propria ricchezza. I paesi ricchi di fonti potevano vantare una massiccia presenza di fontane sparse sul territorio, fontane che scandivano la vita quotidiana. Presso le fontane si riunivano i lavannarë [i lavaꞌn:arə]‘le lavandaie’, persone che andavano a recuperare l’acqua per i diversi usi e bisogni giornalieri, persone che conducevano gli animali da lavoro per consentire l’abbeveraggio alle bestie. Così accadeva che spesso le fontane erano luogo di ritrovo, di scambio, di incontro per le giovani coppie che ancora non avevano ufficializzato il loro legame. Insomma le fontane erano una ricchezza grandissima e lasciare una piazza o un rione senza fontane significava, in qualche modo, renderlo orfano.

Maria Relvini nella poesia Paisë mië [paꞌisə ꞌmiə] ‘paese mio’ mostra un attaccamento viscerale al suo paese natio. Attraverso una rievocazione malinconica di mestieri antichi e usanze ormai perdute emerge il ricordo dei tempi remoti e di Trivigno di una volta. u fërrarë ca vattíë u fiérrë [u  fəꞌr:arə  ka vaꞌt:iə  u  ꞌfjer:ə]‘il fabbro che batteva il ferro’, u bbannëtórë [u  b:an:əꞌtorə]‘il banditore’, i  zuócchëlë  dii cavaddë [i  ꞌtswok:ələ  di:  kaꞌvad:ə]‘gli zoccoli dei cavalli, i calabbaššë [i  kalaꞌb:aʃ:ə]‘le lucciole’, tutti elementi che lasciano rivivere i rumori, i sapori, gli odori, i colori del passato, e attraverso una lingua arcaica e conservativa restituiscono il variopinto quadro culturale trivignese che riflette una società in simbiosi con la natura e con la terra natia. Oggi, troppo spesso, il paese di origine viene percepito come semplice luogo di residenza, magari da sfruttare e da abbandonare al più presto, in cerca di posti migliori, di terre promesse che possano garantire utopiche fantasie. La poesia celebra una società semplice ma genuina, fortemente identitaria, ricca di valori in via d’estinzione che nutriva un romantico sentimento d’amore verso il suolo natio. Paisë mië…Mò saccë ca të vòglië bbénë [ꞌpaisə  miə  mɔ  ꞌsat:ʃə  ka  tə  ꞌvɔʎ:ə  ꞌb:enə] ‘paese mio ora so che ti amo’.

 

Potito Paccione

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Lascia un Commento