Affetti profondi e momenti familiari “incandescenti” declinati in versi

0

L’amore di una figlia

A mamma mia

Quanda tèmbë è ppassà da quannë m’ài misë au mónnë

si stà figlia, mamma e mò të ritròvë nònna,

però si ssèmbë bèlla cu stu sorrisë

ca da sèmbë të ngurnicë lu visë,

e ppurë si i capéllë só ddëvëndà tuttë bbianghë

e tu a malapénë t’arranghë

pë mmi si ssèmbë a stèssa purë si tiénë a faccia stanga;

ind’a  tand’annë ma nun më rëcòrdë mai la faccia tóva tristë

e ppurë i probblèmë gnë só stà e ccòsë stòrtë n’ài vistë,

a nnòi però ài cërcà dë dargnë sólë amórë

e tànda bònë cunsiglië

pë vvivë onestamèndë e fargnë na bèlla famiglia;

quannë të véggë assëttara alla poltróna,

cu la mandèlla e lu bastónë

më së stringë u cuórë e mmë vènë sèmbë nu magónë,

e ppènzë a qquannë aššivë da sóla a ffa la spésa

e ssènza sta suggèttë a nnói

alla séra givë purë alla Chiésa;

ma u tèmbë passa e nun putèmmë fà pròprië niéndë

l’imbortandë ca nun si ssólë

e cca nói figlë sómmë prësèndë

e rrëcòrdatë MAMMA ca quédda nzénga

ca pë tti cërcammë dë fà

nun è mmai abbastanza pë ttuttë quéddë ca pë nnòi si stà.

Tua figlia

Maria Greco

 

A mia Madre

Quando tempo è passato da quando mi hai messa al mondo

sei stata figlia, mamma e adesso ti ritrovi nonna,

però sei sempre bella con questo sorriso

che da sempre ti incornicia il viso

anche se i capelli sono diventati tutti bianchi

e tu a malapena cammini

per me se sempre la stessa anche se hai il viso stanco;

in tanti anni, MAMMA, non ricordo mai il tuo volto triste

anche se i problemi ci sono e cose storte ne hai viste

a noi però hai cercato di dare solo amore

e tanti buoni consigli

per vivere onestamente e formarci una bella famiglia;

quando ti osservo e seduta alla poltrona

con la mantella ed il bastone

mi si stringe il cuore ed ho sempre un magone,

e penso a quando uscivi da sola a far la spesa

e senza essere assoggettata a noi

di sera andavi anche in chiesa;

ma il tempo passa e non possiamo fare proprio niente

l’importante è che non sei sola

e che noi figli siamo presenti ù

e ricordati MAMMA che quel poco

che per cerchiamo di fare

non è mai abbastanza per tutto quello che per noi sei stata.

Tua figlia

Maria Greco

La signora Maria Greco ha partecipato al “I concorso di poesia dialettale lucana” con un componimento in dialetto potentino dedicato alla madre e intitolato A mamma mia.

L’autrice, attraverso l’utilizzo della lingua potentina, riflette un grande amore per la madre e un saldo legame con le sue radici. Il testo mostra la conservazione di molti fenomeni che caratterizzano il dialetto galloitalico di Potenza.

La lenizione della dentale quando si trova tra due vocali, e il successivo rotacismo (-T- > -d- > -r-) si registra nella forma: assëttara, [as:ə’t:ara] ‘seduta’. Non ci sono termini che presentano la lenizione della bilabiale quando si trova tra due vocali (-P- > – b- /-v). La parola capéllë [ka’pel׃ə] ‘capelli’ mostra il ripristino della bilabiale sorda – p – e viene utilizzata in luogo delle forme più arcaiche cavéddë [ka’ved׃ə] o cavéglië [ka’veʎ׃ə]. Sembrerebbe trattarsi di un avvicinamento alla lingua italiana, considerato che non si registra la realizzazione in doppia dentale -dd- della doppia laterale latina -LL-. La lenizione della velare quando si trova tra due vocali ( -C- > -ɣ-) non si ritrova nel testo; le forme rëcòrdë [rə’kɔrdə] ‘ricordo’ e rrëcòrdatë [r:əkɔr’datə] ‘ricordati’ fanno registrare il ripristino della velare sorda etimologica e vengono utilizzate in luogo delle forme più arcaiche rë(g)òrdë [rə’ɣɔrdə] ‘ricordo’ e rrë(g)urdattë [r:əɣur’dat:ə] ‘ricordati’.

Il testo mostra la realizzazione stabile dei participi passati in forma apocopata, fenomeno tipico dei dialetti galloitalici: è ppassà [ɛ p:a’s:a] ‘è passato’, si sta [si sta]‘sei stata’, só dëvëndà [so dəvən’da]‘sono diventati’, só sta [so sta]‘sono stati’, ài cërcà [‘ai tʃër’ca] ‘hai cercato’.

Nel testo si registrano le forme pë mmi [pə m:i] ‘per me’, pë tti [pə tti] ‘per te’ con derivazione dal pronome dalla forma dativa e non accusativa latina, mostrando, anche in questo caso, esiti tipici dei dialetti settentrionali.

Nel titolo si nota il possessivo mia in posizione posposta al nome di parentela mamma, secondo una formula sintattica contrastante rispetto quanto atteso per i dialetti galloitalici che, invece, antepongono il possessivo in presenza dei nomi di parentela. In questo caso, l’autrice utilizza un espediente letterario che le permette di enfatizzare maggiormente la figura della mamma.

Leggendo il componimento ci si accorge della grande confusione che regna nel dialetto potentino per quanto riguarda gli articoli determinativi. Le forme più arcaiche lu ‘il/lo’, la ‘la’, li ‘i/gli/le’ sono affiancate alle forme moderne u, a, i. Il linguaggio dell’autrice riflette la fase intermedia del processo che, nella generazione giovane, sta portando alla definitiva sostituzione delle forme più arcaiche degli articoli determinativi, con quelle moderne: lu visë [lu ‘visə]‘il viso’, lu bastónë [lu ba’stonə]‘il bastone’, la mandèlla [la man’dɛl:a]‘la mantella’, la spesa [la ‘spesa]‘la spesa’, ma: a stéssa [a ‘stes:a]‘la stessa’, u cuórë [u ‘kworë]‘il cuore’, u tèmbë [u ‘tɛmbə]‘il tempo’, i capéllë [i ka’pel׃ə]‘i capelli’. Il termine faccia [‘fat:ʃa] ricorre sia con l’articolo a [a]che con l’articolo la [la].

La poesia, oltre a testimoniare l’amore che l’autrice nutre per la madre, mostra la dimensione del dialetto come lingua del ricordo e come lingua delle origini che salda il legame con le proprie radici e svolge un importante ruolo identitario e affettivo.

Potito Paccione

 

 

La dote contesa

 

 

La signora Maria Pina De Carlo di Ruoti con il suo componimento La ròtë [la ˈrɔtə]‘La dote’ ci riporta indietro nel tempo, descrivendo con rime spiritose due momenti importanti che si vivevano in tutte le famiglie: l’assegnazione della dote e la divisione della proprietà, che spesso costituivano motivo di liti selvagge tra familiari.

Per comprendere il significato della poesia è utile ricordare che un tempo la scarsezza dei mezzi materiali implicava una maggiore attenzione all’entità della dote. Questa, infatti, costituiva una delle preoccupazioni di ogni ragazza nubile, che, al fine di avere un buon partito per marito, sperava di ottenere una dote apprezzabile.

Nel complesso la dote era composta da due elementi principali: i pannë [i ˈpan:ə]‘il corredo’, costituito dalla biancheria personale della donna e dalla biancheria per la casa, che si riceveva in occasione del matrimonio, e la rròbbë [la ˈr:ɔb:ə]‘la proprietà’, che in minima parte veniva assegnata in occasione del matrimonio, mentre la restante parte era donata solo quando i genitori non lavoravano più.

Nei versi che seguono si legge proprio di uno scontro furibondo tra due sorelle a causa della dote e dell’eredità.

In un primo momento il contrasto riguarda i pannë [i ˈpan:ə]‘il corredo’ (vv. 8-9) che la sorella maggiore dice di aver ricevuto in numero minore rispetto alla promesse fatte dai genitori (vv. 10-11). A quest’accusa la sorella minore risponde in modo risentito (vv. 11-14) e all’improvviso scoppia la rabbiarijë (v. 20) [rab:jaˈrijə] ‘lite’.

L’intervento provvidenziale di San Donato (vv. 24-27) sembra calmare gli animi, tanto che per diversi anni la lite si placa.

Il contrasto, tuttavia, si riaccende in misura maggiore nel momento in cui si arriva a discutere della spartizione della proprietà (v. 33), quando ogni minimo bene viene rivendicato da entrambe le sorelle, persino lu cuasiéddë rë ggaddinë (v. 40) [lu kwaˈsjed:ə rə ˈg:ad:inə]‘il pollaio’, con la conseguenza che le due sorelle diventano cumë róië nëmichë (v. 46) [ˈkumə ˈrojə nəˈmikə] ‘come due nemiche’.

Il componimento si chiude con una riflessione sul fatto che, in fondo, non vale la pena di rovinare l’armonia familiare a causa di questioni riguardanti i beni materiali perché la rròbbë cèrtë nun dë la puórtë appriéssë (v. 45) [la ˈr:ɔb:ə ˈʧɛrtə nun də la ˈpwortə aˈp:rjes:ə]‘la roba (beni materiali) certo non te la porti appresso’.

 

La ròtë

Vë vòglië cundà nu fuattë ra crérë,

ngè la rìttë e la lu wérë:

chi ngë frabbuchë e ngë ammarìtë

nën zapë ché (g)é la vitë;

alla sacrésë, cu nu niéndë na casë së mbòchë,

e vvirë ca ógnè ppirdë arrëvèndë nu fuóchë.

 

“Sé!” ricë la sòra (g)rannë:

“M’aviénna rà i pannë a qquattë a qquattë!

Cche m’annë ratë?

Róië rënzólë, na cupuèrtë e sséië piattë”.

 

Rëspónnë la ccënénnë: “Nën dë lamëndà,

ijë chi sa c’aggia ngappà,

quannë m’ammarìtë ijë

quiddë c’aggi’avé rë sapë sulë Ddijë.

 

Sùbbëtë l’autë ndiavëlàtë:

ricë: “Simë appiérsë a ttì ra cché c’àië natë”.

Zómbë la ccënénnë rësulùtë,

cumë na (g)attë ca l’aviénnë pëngiutë:

“tu sòra mijë tiénë sulë uastarijë”.

 

Ndë nu mumuéndë anzivë na rabbiarijë

ca arruwavënë a cchi si ttu e cchi sò ijë,

nu llassavënë niéndë e nnëššunë,

së në réssërë ciéndë e unë.

 

Pò, chi sa, së pòttë méttë pë mmiénzë Sandë Runàtë

e ffa ccà stu ffuóchë s’avija ammurtàtë,

pë ttand’annë stézënë cittë,

purë pë mmanghë (g)èssë rittë.

 

E ssa chiacchiërë ra ndó avijë natë?

Ra nu mòstrë rë rënzulë arrëcamatë;

e së pò tanda còsë raië a bbëré ca nu rr’abbarë,

ma quannë së ššarrë ngé ssèmbë lu rèndë amarë.

 

Arruwavë ca s’avija spartë la prupriëtà

e accumënzavë n’ata vòtë a ššarrà,

šivënë pëgliénnë tuttë quiddi cund’andichë,

munduwavënë pëffinë na vignë cu la fichë.

 

Unë vulijë l’uórtë cu lu puzzë,

l’autë, virë chë ppiccë, la cërasë senza nuzzë;

chi lu puagliarë, chi la capannë a l’aimarë;

së pòzzëna ngatënà nu muatinë

purë pë lu cuasiéddë rë ggaddinë,

s’aviénnë misë tandë rë upëniónë,

tuttë e ddòië rëciénnë c’aviénnë raggiónë.

 

Pò a la vëcchiaië, p’i capiddë ianghë,

piénzënë a qquandë hai statë féssë,

la rròbbë cèrtë nun dë la puórtë appriéssë.

E nnandë la pòrtë, cumë róië nëmichë,

mò së uardànë la vignë cu la fìchë.

 

Sólë chi a ppassatë pòtë rà na vócë,

ndà ógnë ccasë ngè na crócë.

Maria Pina De Carlo

 

La dote

Vi voglio raccontare un fatto da credere,

e c’è il detto che ne conferma l’esistenza:

Chi non fabbrica e non marita

non conosce che cos’è la vita;

all’improvviso, con un niente una casa si infuoca,

e vedi che ogni peto è un fuoco.

 

“Si !” dice la sorella maggiore:

“Mi dovevano dare i panni a quattro a quattro!

E cosa mi hanno dato?

Due lenzuola, una coperta e sei piatti”.

 

Risponde la piccola: “Non ti lamentare,

io chissà che devo acchiappare (avere),

quando mi mariterò io

quello che avrò lo sa solo Dio.

 

Subito l’altra indiavolata:

dice: “Siamo dietro a te (badiamo a te) da quando sei nata”.

Salta la piccola risoluta,

come una gatta appena punta:

“tu sorella mia tieni solo cattiveria”.

 

All’istante si scatenò una tale rabbia

che arrivarono a chi sei tu e chi sono io,

non lasciarono niente e nessuno,

se ne dissero cento e uno.

 

Poi, chissà, forse si intromise San Donato

e sembrò che il fuoco si fosse spento,

per tanti anni stettero zitte,

anche per non essere criticate.

 

Questa diatriba come era nata?

Da un mediocre lenzuolo ricamato;

e se tante cose dai a vedere che non le badi,

quando si litiga c’è (rimane) sempre il dente amaro.

 

Arrivò il momento della divisione delle proprietà

e cominciarono un’altra volta a litigare,

ripigliarono tutte le questioni antiche,

nominarono persino una vigna con un fico.

 

Una voleva l’orto con il pozzo,

l’altra, guarda che capriccio, il ciliegio senza noccioli;

chi il pagliaio, chi la capanna vicino la fiumara;

furono capaci di incatenarsi (azzuffarsi) una mattina

pure per il pollaio,

erano così ostinate che,

entrambe volevano aver ragione.

 

Alla vecchiaia con i capelli bianchi,

pensi quanto sei stato ingenuo,

la roba (beni materiali) certo non te la porti appresso.

e davanti la porta, come due nemiche,

ora da lontano guardano la vigna con il fico.

 

Solo chi l’ha già vissuto lo può confermare,

dentro ogni casa c’è una croce.

Maria Pina De Carlo

 

Questa poesia, oltre a rappresentare un affresco divertente che illustra tradizioni e usanze del passato, si configura anche come documento linguistico che permette di notare alcune delle caratteristiche del dialetto ruotese.

Un primo tratto, piuttosto evidente in questa lingua, è la propagginazione, un condizionamento prodotto dalla vocale /u/ atona che si riproduce in una sillaba successiva. Questo fenomeno può avvenire nella sillaba iniziale della parola: nu fuattë [nu ˈfwat:ə]‘un fatto’, lu puagliarë [lu pwaˈʎ:arə]‘il pagliaio’, nu muatinë [nu mwatinə]‘una mattina’, ma può riguardare anche una sillaba interna: cupwèrtë [kuˈpwɛrtə] ‘coperta’, mumuéndë [muˈmwendə] ‘momento’. Gli ultimi due esempi, inoltre, ci mostrano anche un altro fenomeno che riguarda la vocale atona etimologica -O-, che nel ruotese diventa -u- e solo dopo aver raggiunto questo stadio evolutivo può produrre il condizionamento in questione: dal latino MOMENTU(M) si sarà originata prima una forma *mumentu(m), all’interno della quale si sarà sviluppata la propagginazione dando la forma odierna mumuèndë.

Si nota, tuttavia, che non tutte le sillabe successive ad una /u/ permettono lo sviluppo del condizionamento, come notiamo ad esempio in cundà [kunˈda] ‘raccontare’, lu rèndë [lu ˈrɛndə]‘il dente’, sarà dunque il contesto sillabico a selezionare o meno il fenomeno.

Un’altro tratto, ampiamente diffuso tra le varietà lucane, riguarda l’indebolimento della G- etimologica in principio di parola o in posizione interna, che tende ad assumere un’articolazione di tipo fricativo, se ne registrano esempi nelle parole (g)rannë [ˈɣran:ə] ‘grande’ e (g)attë [ˈɣat:ə] ‘gatta’.

Infine si può notare, tra i tanti, un altro interessante fenomeno chiamato rafforzamento fonosintattico che consiste nel raddoppiamento della prima consonante di una parola quando questa è preceduta da alcuni elementi come ad esempio la congiunzione e oppure la preposizione a come notiamo in e vvirë [e ˈv:irə]‘e vedi’, e sséië [e ˈs:ejə]‘e sei’, a ttì [a t:i]‘a te’, a cchi [a k:i]‘a chi’. Questo rafforzamento si spiega considerando che la congiunzione e deriva dalla congiunzione latina ET, mentre la preposizione a deriva dalla preposizione latina AD. Nel passaggio dal latino volgare ai nostri dialetti le consonanti finali -T e -D, rispettivamente della congiunzione e della preposizione, non sono cadute, ma si sono assimilate alla prima consonante della parola seguente provocandone quindi il raddoppiamento.

 

Francesco Villone

Condividi

Sull' Autore


Lascia un Commento